TIM, NIENTE È DECISO: IL COMITATO NOMINE NON INDICA NOMI PER IL RUOLO DI AMMINISTRATORE DELEGATO. GUBITOSI E ALTAVILLA SE LA GIOCHERANNO DA OGGI A DOMENICA, QUANDO SI TERRÀ IL CDA DELLA SOCIETÀ. MOLTO DIPENDERÀ DALLA POSIZIONE DEL GOVERNO SUL COMMISSARIO DI ALITALIA - PER MADRON CI SAREBBE ANCHE UN TERZO INCOMODO, MAXIMO IBARRA, EX WIND ORA IN OLANDA

-

Condividi questo articolo

altavilla - marchionne altavilla - marchionne

 

TIM: COMITATO NOMINE NON INDICA NESSUN NOME PER A.D.

 (ANSA) - Il comitato nomine e remunerazione di Tim, riunitosi e conclusosi oggi a Roma, non ha indicato nessun nome da proporre al cda di domenica per la carica di a.d. del gruppo. Lo apprende l'ANSA. I due nomi 'forti' che da giorni vengono individuati come possibili candidati sono quelli di Luigi Gubitosi e Alfredo Altavilla.

 

 

paolo madron

@paolomadron

Tutta #Tim minuto per minuto. Adesso tra Altavilla e Gubitosi spunta un terzo incomodo, Maximo Ibarra, ad dei telefoni olandesi. Mah

maximo ibarra maximo ibarra luigi gubitosi luigi gubitosi

 

Condividi questo articolo

business

BANG! DUELLO IN CASA BENETTON - IL FUOCO HA COVATO SOTTO LE CENERI PER 15 ANNI E ORA È ERUTTATO. QUANDO NEL 2006 LUCIANO BENETTON CHIESE A TUTTI I FAMILIARI DI FARE UN PASSO INDIETRO DALLA SOCIETÀ DI FAMIGLIA, FRANCA BERTAGNIN, FIGLIA DELLA SORELLA GIULIANA, NON LA PRESE BENE. E ORA E' FINALMENTE GIUNTO IL MOMENTO DELLA VENDETTA - FRANCA, CONSIGLIATA DALL’EX MION?, HA PROPOSTO AL PRESIDENTE FABIO CERCHIAI E ALL’AD MARCO PATUANO UN RINNOVO PER UN SOLO ANNO, ANZICHE' I TRE PREVISTI DALLO STATUTO

DEL VECCHIO E QUEL VECCHIO VIZIO DI LITIGARE CON TUTTI - ''ESSILOR NON RISPETTA I PATTI''. IL PATRON DI LUXOTTICA DOPO AVER CAMBIATO 4 AMMINISTRATORI IN 4 ANNI (GUERRA, KHAN, VIAN E MILLERI) E AVER POI FUSO IL SUO COLOSSO CON I FRANCESI, SI RITROVA DI NUOVO IN UNA LITE PER LA GESTIONE. LUI E HUBERT SAIGNIÈRES DOVREBBERO AVERE UGUALI POTERI, UTOPIA OVVIAMENTE IRREALIZZABILE: ''IL CEO FRANCESE ACCETTA SOLTANTO QUELLO CHE PROPONE LUI''. MENTRE A PARIGI DICONO CHE È MILLERI A NON SENTIR RAGIONI…