A VOLTE RITORNANO! LUCIANO BENETTON INSIEME A OLIVIERO TOSCANI PER IL RILANCIO DEL MARCHIO DI PONZANO VENETO - AI PRIMI DI DICEMBRE PARTIRÀ LA NUOVA CAMPAGNA PUBBLICITARIA PER IL GRUPPO – “TORNIAMO A DIVERTIRCI”, LE PAROLE DEL FOTOGRAFO – IL RUOLO CREATIVO DEL MAGGIORE DEI BENETTON (CHE NON AVRA’ CARICHE FORMALI) E L’ESPERIENZA DI "IMAGO MUNDI"

-

Condividi questo articolo

LUCIANO BENETTON TOSCANI LUCIANO BENETTON TOSCANI

Paola Pica per il Corriere della Sera

 

L' idea l' accarezzava da qualche anno e già in quella festa in famiglia il giorno del suo 80 esimo compleanno, il 13 maggio del 2015, avrebbe voluto forse parlarne con fratelli, figli e nipoti. Anche se nessuno di loro ha mai davvero creduto Luciano Benetton fuori da giochi né ha sottovalutato le energie del capostipite. Uno che ha cominciato a lavorare a 14 anni come commesso di un negozio di stoffe della sua città, Treviso. E da allora non ha mai smesso sognare a colori «e di spingere le cose nella direzione dei sogni», come lui stesso ha spesso raccontato.

 

Ecco perché il rientro in Benetton di Luciano difficilmente riuscirà a sorprendere il «clan» di Ponzano Veneto. Il progetto è quello del «ritorno al futuro» della Benetton come il laboratorio di innovazione che ha reso celebre il marchio in tutto il mondo. E certo il sodalizio ritrovato con Oliviero Toscani ne è un passaggio assai importante. La nuova campagna pubblicitaria firmata Toscani partirà tra pochi giorni, ai primi di dicembre.

 

BENETTON TOSCANI BENETTON TOSCANI

L' attesa è alta, anche sul livello della provocazione del lavoro fotografo il cui intento è stato sempre quello di anticipare i cambiamenti sociali. «Torniamo a divertirci», erano state le parole dello stesso Toscani, 75 anni, all' annuncio del suo ritorno (anche) a Fabrica, il cantiere della creatività voluto dalla famiglia Benetton e che Toscani aveva contribuito a far crescere. Oggi Fabrica è guidata da Carlo Tunioli che del fotografo è un amico di antica data e al quale pare si debba il riavvicinamento professionale a Luciano Benetton.

 

Nel gruppo di abbigliamento fondato nel 1965 con i fratelli Gilberto, Giuliana e Carlo, il maggiore dei Benetton non avrà cariche formali. L' azienda continuerà a essere amministrata dai manager, secondo le scelte assunte a suo tempo e che, dopo l' uscita di Alessandro Benetton, figlio di Luciano, hanno portato nella primavera scorsa all' avvicendamento alla guida operativa tra Marco Airoldi e il ticket formato dal chief operating officer Tommaso Brusò e il presidente con poteri esecutivi Francesco Gori.

TOSCANI BENETTON 4 TOSCANI BENETTON 4

 

Il rilancio della catena che conta oggi su una rete di cinque mila negozi passerà dunque dal «ritorno a divertirsi» della coppia Benetton-Toscani e dalla voglia di dar nuovi contenuti all' antico motto «United Colors». I colori Luciano Benetton non ha mai smesso di coltivarli, anche fuori dall' azienda della quale vuole tornare a disegnare le strategie.

 

Imago Mundi è stata la sua impresa negli ultimi anni: una collezione di oltre 18 mila opere, commissionate o raccolte, di altrettanti artisti in tutto il mondo incontrati viaggiando e visitando gallerie d' arte. Sono quasi 100 i Paesi e le popolazioni rappresentate nel progetto non profit che vuole «portare nel futuro una mappa visiva delle culture umane».

luciano benetton imago mundi luciano benetton imago mundi luciano benetton imago mundi luciano benetton imago mundi luciano benetton luciano benetton

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal