E' LA STAMPA, MONNEZZA! - INVECE DI SPREMERSI LE MENINGI PER RECUPERARE LE COPIE PERDUTE, I GIORNALISTI PREFERISCONO CONSOLARSI CON IL DIBATTITO ORGANIZZATO DA “MICROMEGA” -ACCORRONO TRAVAGLIO, CALABRESI, MENTANA, GIULIANO FERRARA E LUCIANA CASTELLINA - E IN SALA? 50 PERSONE. PRATICAMENTE C'ERA PIU' GENTE SUL PALCO...

-

Condividi questo articolo

Foto di Luciano Di Bacco per Dagospia

 

Lorenzo Giarelli per il “Fatto Quotidiano”

 

paolo flores d arcais enrico mentana paolo flores d arcais enrico mentana

Fake news, editori impuri, ingerenze politiche: che cosa minaccia la credibilità del giornalismo italiano? Ieri ne hanno discusso Marco Travaglio, Mario Calabresi, Enrico Mentana, Giuliano Ferrara e Luciana Castellina intervenendo a un dibattito organizzato dal direttore di MicroMega Paolo Flores d' Arcais nel teatro Sala Umberto di Roma. "Nel 2012 tutti i giornali si schierarono dalla parte di Mario Monti quando disse 'no' alle olimpiadi di Roma - la posizione di Travaglio - mentre 5 anni dopo gli stessi quotidiani lanciarono una campagna contro la scelta di Virginia Raggi".

paolo flores d arcais annalisa chirico paolo flores d arcais annalisa chirico

 

Per comprendere il problema, dice Travaglio, basta guardare chi è proprietario dei gruppi editoriali in Italia: "È gente che nella vita si occupa di cliniche private, politica, automobili, e poi con l' ultimo dito della mano sinistra fa anche l' editore, in totale conflitto di interessi". Una situazione in cui, secondo Giuliano Ferrara, non si devono idealizzare i giornalisti: "Sono dipendenti degli editori, è assurdo pretendere terzietà. Fanno inevitabilmente politica e non ci trovo niente di male".

 

paolo flores d arcais luciana castellina giuliano ferrara paolo flores d arcais luciana castellina giuliano ferrara

Parere ben diverso da quello di Enrico Mentana: "Il dovere del giornalista è informare, non formare. Non è vero che non si possa essere neutrali". E se Luciana Castellina preferisce "i giornali che dicono chiaramente da che parte stanno, piuttosto che mascherarsi da neutrali", Flores d' Arcais ha ricordato come gli stessi quotidiani che criticavano le leggi vergogna di Berlusconi non abbiano battuto ciglio mentre Renzi, negli ultimi anni, completava l' opera "con riforme ancora peggiori". "Non mancano giornalisti liberi - sostiene Calabresi - il problema sono le continue minacce della malavita e le querele intimidatorie e temerarie che arrivano dai potenti, con il solo obiettivo di zittire le voci pericolose".

mario calabresi intervistato mario calabresi intervistato enrica millozza enrica millozza pubblico pubblico

 

paolo flores d arcais paolo flores d arcais annalisa chirico annalisa chirico enrico mentana intervistato enrico mentana intervistato enrico mentana mario calabresi enrico mentana mario calabresi giuliano ferrara mario calabresi giuliano ferrara mario calabresi giuliano ferrara mario calbresi luciana castellina paolo flores d arcais enrico mentana marco travaglio giuliano ferrara mario calbresi luciana castellina paolo flores d arcais enrico mentana marco travaglio giorgia solari giorgia solari giuliano ferrara mario calabresi luciana castellina giuliano ferrara mario calabresi luciana castellina mario calabresi paolo flores d arcais giuliano ferrara mario calabresi paolo flores d arcais giuliano ferrara luciana castellina giuliano ferrara luciana castellina giuliano ferrara giuliano ferrara (2) giuliano ferrara (2) marco travaglio marco travaglio luciana castellina (2) luciana castellina (2) luciana castellina luciana castellina marco travaglio enrico mentana marco travaglio enrico mentana marco travaglio giorgia solari marco travaglio giorgia solari marco travaglio paolo flores d arcais enrico mentana marco travaglio paolo flores d arcais enrico mentana micromega micromega

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal