CAFONALINO BALLERINO - AL TEATRO DELL'OPERA DI ROMA VANNO IN SCENA I GRANDI COREOGRAFI, DA BALANCHINE A NUREYEV, E SUL PALCO C'È ELEONORA ABBAGNATO, LA SUA PRIMA VOLTA DALLA NOMINA A DIRETTRICE DEL BALLO - IN SALA RUDY GARCIA, CHE SI GODE VACANZE ROMANE CON FRANCESCA BRIENZA

Quattro titoli portati da Fuortes a Roma: Serenade di George Balanchine, che con le musiche di Cajkovkij è il balletto più rappresentato al mondo, poi Closer di Benjamin Millepied, The Vertiginous Thrill of Exactitude di William Forsythe, Raymonda III Atto di Rudolf Nureyev...

Condividi questo articolo

Foto di Luciano Di Bacco per Dagospia

 

Guerrino Mattei per www.avantionline.it

spettacolo in programmazione spettacolo in programmazione

 

Il Teatro Costanzi di Roma il 26 febbraio scorso ha aperto il sipario su Grandi Coreografi. Il programma è composto di quattro titoli: Serenade di George Balanchine, Closer di Benjamin Millepied, The Vertiginous Thrill of Exactitude di William Forsythe, Raymonda III Atto di Rudolf Nureyev.

 

renato balestra daniela traldi renato balestra daniela traldi

Sotto la bacchetta del direttore David Garforth l’evento va  interpretato come un omaggio ai mostri sacri Balanchine e Nureyev, ai rivoluzionari del balletto Forsythe e Millepied. E’ una nuova pagina da ascrivere al  repertorio del Corpo di Ballo del Teatro dell’Opera di Roma e si avvale dell’esperienza di importanti maestri ripetitori: Ben Huys per il repertorio di Balanchine, Sébastien Marcovici per quello di Millepied, Amy Raymond e Stefanie Arndt per quello di  Forsythe, Patricia Ruanne e Frédéric Jahn per quello di Nureyev.

renato balestra renato balestra

 

nicoletta odescalchi nicoletta odescalchi

Indubbiamente Serenade (1934), balletto romantico con musiche di Cajkovskij, è la prima creazione americana di Balanchine (1904-1983): ancora oggi è il balletto più rappresentato in tutto il mondo. Affascina per la serie di danze e gesti, per i movimenti fluidi e flessibili. Le pose che ne scaturiscono ricordano la scultura neoclassica di Canova Amore e Psiche, che senza riunirsi in una vera trama, toccano diversi temi: vista e cecità, amore e fato, morte e sottomissione. I costumi di Barbara Karinska impreziosiscono il lavoro, dando  agli interpreti aristocrazia e luminosità ad ogni gesto e volteggio eseguito.

 

luisa todini stefano russo luisa todini stefano russo

Eleonora Abbagnato balla al Costanzi per la prima volta dalla nomina di Direttrice del Ballo dello stesso. Per questo speciale debutto si esibisce, e anche in questo caso per la prima volta, nella coreografia Closer di Millepied (direttore del balletto dell’Opéra de Paris), affiancata da Florian Magnenet, primo ballerino all’ Opéra.

 

Closer (2006), arioso duetto tra un uomo e una donna, dall’impianto classico e dalla forte sensibilità moderna nasce dalla visionarietà di Millepied (Bordeaux, 1977)  e dallo stretto rapporto con la partitura musicale creata da Philip Glass. Nell’ambito del programma rappresenta un cameo moderno e sensuale che le “duine” minimaliste del compositore statunitense (Baltimora 1937) rendono ancora più morboso e sensuale: l’étoile Abbagnato miscela perfettamente vulnerabilità e forza, indispensabili per questa performance.

il marchese aldo maria pezzana del grillo il marchese aldo maria pezzana del grillo

 

Exactitude è una grandissima sfida da diversi punti di vista: fisicamente, tecnicamente, musicalmente, artisticamente: un processo infinito, carico di elementi da scoprire. Pur basandosi sulla tecnica del balletto classico, Vertiginous porta il danzatore nel secolo successivo: “Danzarlo è un grande viaggio, divertente; affrontare la sfida è scoprire luoghi dove non si è mai stati prima”.

francesca brienza e rudy garcia francesca brienza e rudy garcia

 

La musica è di Franz Schubert; l’ideazione scenica e le luci dello stesso Forsythe; i costumi di Stephen Galloway.

 

In un tripudio di filamenti d’oro, intessuti su costumi preziosissimi,  chiude la serata Raymonda III Atto di Nureyev. Questo è il primo grande balletto che il celebre artista russo (1938-1993) mette in scena dal suo arrivo in Europa (1961). Dalla prima versione (1964) all’ultima per l’Opéra di Parigi (1983), il balletto rimane sostanzialmente fedele a quella di Maurius  Petipa,

francesca brienza rudy garcia francesca brienza rudy garcia

 

Dal percorso di trasmissione del repertorio maturato qui a Roma, Patricia Ruanne e Frédéric Jahn dichiarano: “È stata un’esperienza interessante e gratificante insegnare lo splendido III Atto di Raymonda  ai ballerini del Teatro dell’Opera di Roma. Questa è la loro prima esperienza e siamo contenti di come lo abbiano accolto e interpretato”.

federico balzaretti federico balzaretti cristiana del melle cristiana del melle amanti dell opera da shanghai amanti dell opera da shanghai alberto arbasino alberto arbasino luisa todini stefano russo carlo fuortes luisa todini stefano russo carlo fuortes luisa todini e stefano russo luisa todini e stefano russo stefano e daniela traldi stefano e daniela traldi elena bonelli adriano cerasi con la nipote adriana elena bonelli adriano cerasi con la nipote adriana francesca brienza con rudy garcia francesca brienza con rudy garcia federico balzaretti con la figlia federico balzaretti con la figlia

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

DAGO-FIXER - IL "PATTO DOPPIO" (ANZI IL "PIATTO DOPPIO"). DA UNA PARTE IL SALVATAGGIO POLITICO (FORZA ITALIA AL GOVERNO) E INDUSTRIALE (ACCORDO MEDIASET-VIVENDI) DI BERLUSCONI; DALL'ALTRA LA CESSIONE DELLA RETE TELECOM A UNA SOCIETÀ PUBBLICA - LO STATO PAGHEREBBE A BOLLORE' UN PREZZO SUFFICIENTE PER COMPRARSI MEDIASET, SUA VERA PREDA MERCATO ITALIANO - L'OPERAZIONE È GIÀ STATA RISERVATAMENTE PRESENTATA AL GOVERNO DA BASSANINI E BERNABÈ - IL SILENZIO ASSORDANTE DEL M5S, IL MAGGIORE PARTITO DI OPPOSIZIONE

cronache

sport

cafonal