CAFONALINO - PADELLARO PRESENTA IL LIBRO A CAPALBIO: ''SE NON FOSSE INTERVENUTA LA MAGISTRATURA A SALVARLO, BERLUSCONI STAREBBE ANCORA A PAGARE LE OLGETTINE'' - A PRESENTARE IL LIBRO, MANFELLOTTO E ANNALISA CHIRICO, CHE COI SUOI ARTICOLI SUI KARAOKE DEL ''FATTO'' HA FATTO INFURIARE TRAVAGLIO - TRA IL PUBBLICO BISIGNANI, CHICCO TESTA E FURIO COLOMBO

Condividi questo articolo
  •  

    padellaro chirico manfellotto padellaro chirico manfellotto

    “Ho incontrato Berlusconi ad una cena, ormai si rianima soltanto quando parla del Milan. Mi ha raccontato di quando ha spiegato a Mario Balotelli come si segnano i goal perché giocava troppo lontano dall'area, nel frattempo mimava l'azione di calciare un rigore. Se non fosse intervenuta la magistratura a salvarlo, Berlusconi starebbe ancora a pagare le olgettine. Non ce l'ho con Berlusconi come persona ma con quello che il Berlusconismo ha fatto alla testa delle persone, ha creato un sistema di potere personale che condiziona la gente. Nel giornalismo ha prodotto omologazione, possiamo infatti vedere un parallelismo fra l'editto bulgaro e la recente nomina dei direttori del Tg Rai fatta da Renzi”.

    marta mondelli marta mondelli

     

    Sono le parole di Antonio Padellaro, ospite della seconda serata del festival di Capalbio Libri, il piacere di leggere in piazza. Il festival, ideato da Andrea Zagami, con la direzione editoriale di Denise Pardo, organizzato dall’agenzia di comunicazione integrata Zigzag in collaborazione con il Comune di Capalbio, si svolge come da tradizione in Piazza Magenta, il cuore del borgo medievale di Capalbio (Gr), tutte le sere sino al 13 agosto, con inizio alle ore 19:00.

     

    Sono saliti sul palco rosso di Piazza Magenta, assieme al fondatore de Il Fatto Quotidiano, anche i giornalisti Bruno Manfellotto e Annalisa Chirico. Il dibattito ha compreso le letture di alcuni brani del libro, interpretati da Lilli Adriana Franceschetti. A guidare la serata, come di consuetudine, Marta Mondelli. Tra il pubblico, erano presenti anche Chicco Testa, Luigi Bisignani e Furio Colombo.

    luigi bisignani luigi bisignani

     

    Non si è parlato solo di Berlusconi, Annalisa Chirico ha provocato gli ospiti con domande su L’Unità, su come è nato Il Fatto Quotidiano e del suo, vero o presunto, legame con il Movimento 5 Stelle. Bruno Manfellotto, parlando di quotidiani, ha citato Claudio Rinaldi: "un giornale per avere identità deve avere necessariamente un nemico".

     

    lilli adriana franceschetti lilli adriana franceschetti

    La serata è servita anche per fare un excursus storico degli ultimi 20 anni di politica: il fondatore de "Il Fatto Quotidiano", in merito al passaggio da Berlusconi a Monti, sottolinea: “Per le vendite de Il Fatto e per il giornalismo italiano in generale l'avvento di Monti al posto di Berlusconi è stato come passare dal Carnevale alla Quaresima. Monti è stato il richiamo alla sobrietà, l'uomo del loden e c'è chi ha scritto che anche il cane aveva il loden”

    furio colombo furio colombo

     

    A fine serata l’intervento a sorpresa dell’ex direttore de L’Unità Furio Colombo: "L'Unita che ho condiretto con Padellaro era un giornale di opposizione, ma era un giornale liberal, una traduzione italiana dell'Economist che in quel periodo aveva avvertito l'Italia dei pericoli del governo Berlusconi. Renzi deve aver chiaro che serve un giornale di governo e un giornale del partito, insieme le due cose non possono coesistere perché sarebbe come se la Callas avesse scritto le critiche dei suoi concerti.”

    chicco testa gioca a solitario chicco testa gioca a solitario

     

    A margine della presentazione del libro, il commento di Padellaro sugli ultimi Presidenti del Consiglio Silvio Berlusconi e Matteo Renzi: "Ciò che li accomuna è questa inclinazione alla vendita del prodotto politico: Silvio nasce come grande venditore di pubblicità per le sue reti; Renzi vende sogni e speranze, che spesso non si realizzano. La speranza deve sempre incrociare la realtà, altrimenti diventa frustrazione, e logora il portatore di questi annunci un po' vuoti. Silvio e Matteo sono "gemelli" in fatto di politica degli annunci".

    capalbio libri padellaro 6 capalbio libri padellaro 6 capalbio libri padellaro 3 capalbio libri padellaro 3 capalbio libri padellaro 10 capalbio libri padellaro 10 bruno manfellotto bruno manfellotto denise pardo denise pardo lilli adriana franceschetti marta mondelli lilli adriana franceschetti marta mondelli capalbio libri padellaro 2 capalbio libri padellaro 2 capalbio libri padellaro 11 capalbio libri padellaro 11 capalbio libri padellaro 4 capalbio libri padellaro 4

     

     

    Condividi questo articolo

    FOTOGALLERY


    media e tv

    politica

    business

    cronache

    sport

    cafonal

    1. PANCIERA GIALLA! FUNERAL PARTY PER BONCOMPAGNI CON LA MUSICA DI JAMES BROWN, I VIDEO, LE FOTO E I RICORDI DEGLI AMICI (VIDEO INEDITI: ARBORE, AMBRA, GHERGO, DAGO) 2. LO STUDIO DI VIA ASIAGO 10, DOVE NEL 1965 DEBUTTO' "BANDIERA GIALLA", TRASFORMATO IN CAMERA ARDENTE (MAI SUCCESSO PRIMA IN CASA RAI) CON BARA, FIORI, NEON E SCHERMI TV 3. E TUTTI HANNO RESO OMAGGIO AL GRANDE BONCO: RAFFAELLA CARRA', CLAUDIA GERINI, ISABELLA FERRARI, SABRINA IMPACCIATORE, ALBA PARIETTI, ENRICA BONACCORTI, VESPA E MENTANA, FRASSICA E FERRINI, LAURITO E VELTRONI, PALOMBELLI E GIOVANNINO BENINCASA