CAFONALISSIMO OLIMPICO - DA TRONCA A GABRIELLI, PIÙ I CANDIDATI GIACHETTI-FASSINA, TUTTI AI PIEDI DI MALAGÒ-MONTEZEMOLO CHE PRESENTANO LA CANDIDATURA PER ROMA 2024 - ''GIOCHI LOW-COST'', MICA TANTO: 5,3 MILIARDI PIÙ TUTTE LE SPESE ACCESSORIE - MANCA RENZI L'ARGENTINO, C'È ALFANO IL KAZAKO

C’è il punto interrogativo dello stadio della Roma, che potrebbe ospitare le finali. Poi la vela a Cagliari. La mountain bike a Villa Ada, l’equitazione a piazza di Siena, il tiro a volo e a segno a Tor di Quinto. Malagò parla dello stadio Flaminio come una “ferita”: avrà rugby a 7 e pentathlon moderno. Poi Villaggio Olimpico, Vela di Calatrava, ecc ecc...

Condividi questo articolo
  •  

    Foto di Luciano Di Bacco per Dagospia

     

    1. ROMA 2024. LOW-COST MA NON TROPPO: 5,3 MILIARDI PER PORTARE LE OLIMPIADI NELLA CAPITALE

    Lorenzo Vendemiale per www.ilfattoquotidiano.it

     

    zingaretti tronca e gabrielli zingaretti tronca e gabrielli

    Il sogno olimpico di Roma 2024 costerà all’Italia 5,3 miliardi di euro. Ma solo per quel che riguarda la gestione dei Giochi in senso stretto. Nelle cifre che il presidente del comitato organizzatore, Luca Cordero di Montezemolo, snocciola agli oltre mille invitati alla convention del PalaCongressi, non ci sono tutte le spese accessorie per le infrastrutture.

    simone perrotta mauro baldissoni damiano tommasi simone perrotta mauro baldissoni damiano tommasi

     

    Per questo i conti sul budget sono parziali e molto poco indicativi per capire come Roma intenda tenere a freno le spese che nelle ultime edizioni dei Giochi si sono sempre moltiplicate a dismisura rispetto alle previsioni iniziali. Il resto sono slogan di sicuro effetto, promesse di “trasparenza e low-cost”, tante belle immagini di Roma città eterna e città olimpica. Abbastanza per emozionare gli entusiasti, un po’ meno per tranquillizzare gli scettici.

    saverio capolupo gianni letta evelina christillin saverio capolupo gianni letta evelina christillin

     

    SLOGAN E PROMESSE - Mentre il dossier arrivava stamattina sul tavolo del Cio a Losanna in Svizzera, al PalaCongressi dell’Eur andava in scena la presentazione in grande stile del progetto Roma 2024. “Un’occasione unica per rilanciare la Capitale”, dice il numero uno del Coni, Giovanni Malagò, a cui fa eco l’altro padrone di casa, Luca Cordero di Montezemolo: “Vogliamo unire il nostro Paese e metterlo al centro del mondo, come è stato con Expo“, afferma il presidente del comitato organizzatore (anche se qualcuno potrebbe non essere così d’accordo).

     

    roberto giachetti marianna madia roberto giachetti marianna madia

    Tanto spazio per la celebrazione dell’italianità: filmati e fotografie del patrimonio artistico di Roma, scenario oggettivamente unico per i Giochi; Sergio Castellitto che recita “l’energia e la voglia di sognare di questo Paese”, Fiona May (responsabile atleti) e Diana Bianchedi (coordinatrice del comitato) che si presentano con le figlie Larissa e Giulia, già sulle orme delle loro mamme. Una grande kermesse di buoni sentimenti che distoglie un po’ l’attenzione dallo show-down dei numeri del progetto, meno dettagliato delle attese.

    pasquale de lise saluta giovanni malago pasquale de lise saluta giovanni malago

     

    CINQUE MILIARDI DI COSTI. COME MINIMO - Montezemolo precisa di volere tenere “ben distinti” i costi dei Giochi in senso stretto dagli altri investimenti. E, così circoscritto, il budget è per forza di cose molto contenuto, persino più dei 6-7 miliardi previsti dal modello low-cost condiviso anche dalla Francia. Le spese certe sono di 5,3 miliardi di euro: 2,1 per gli impianti permanenti, tra cui il villaggio olimpico da 17mila posti e il Media Center, le due costruzioni più importanti; 3,2 per un altro calderone in cui rientrano gli impianti temporanei, l’organizzazione e la gestione dell’evento.

    novella calligaris eraldo pizzo novella calligaris eraldo pizzo

     

    Questi, però, il comitato conta di pareggiarli con le entrate dei contributi Cio (come minimo un miliardo di euro), contratti di sponsor (ci sono già Alitalia, Bnl e Unipol-Sai), licensing e diritti TV, vendita dei biglietti. Mentre gli investimenti pubblici dovrebbero essere ripagati dalla crescita del Pil dello 0,4%, dalla creazione di 177mila posti complessivi di lavoro e da un beneficio economico quantificato in 2,9 miliardi di euro. Messa così sul vago, quasi un affare.

    nicola pietrangeli luca cordero di montezemolo nicola pietrangeli luca cordero di montezemolo

     

     Anche perché Montezemolo elenca i quattro pilastri del progetto Roma 2024: modello low-cost, condivisione, miglioramento della città e soprattutto trasparenza. A vigilare, un comitato di garanti delle più alte magistrature “con cui abbiamo già cominciato a lavorare”. “Tutti i progetti dovranno passare da dei bandi di gara internazionali”, assicura il vicepresidente Luca Pancalli.

     

    LA MAPPA DI ROMA OLIMPICA - L’altra parte consistente del dossier riguarda gli impianti dove si terranno i Giochi. Il progetto di allargarli al resto del Paese si farà con moderazione. I gironi del torneo di calcio, ad esempio, si giocheranno in ben undici città (le altre sono Bari, Bologna, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Palermo, Udine e Verona: stadi tutti già esistenti, 5 da rimodernare).

    montezemolo enrico zanetti montezemolo enrico zanetti

     

    La vela si farà a Cagliari, che ha battuto al fotofinish Bari grazie alle sue ideali condizioni climatiche e di vento (molto migliori anche della contendente francese Marsiglia; nei piani del Coni è una delle carte da giocare contro la candidatura di Parigi). Il resto nella Capitale, perché un’eccessiva dispersione sarebbe stata poco gradita al Cio. La mappa della Roma olimpica è già predisposta. Saranno coinvolti tutti gli impianti cittadini, perché “Roma ha il 70% delle strutture già disponibili, se volessimo potremmo fare la cerimonia d’apertura domattina”, afferma Montezemolo, forse esagerando un pochino.

     

    pierluigi e claudio toti pierluigi e claudio toti

    Altri verranno costruiti (facendo ricorso a strutture temporanee: “Tutto ciò che non serve verrà smontato alla fine”, promette Luca Pancalli, vicepresidente del comitato), o finalmente completati. Come ad esempio la famosa Vela di Calatrava, sede designata del torneo di basket, mentre al PalaLottomatica ci sarà la pallavolo. Lo stadio Flaminio, che rinascerà come casa del rugby (a sette). La Nuova Fiera di Roma, impianto polifunzionale per le disciplina di lotta e la scherma (mentre nel bacino artificiale si terranno canoa, kayak e nuoto di fondo).

     

    maurizio lupi francesco paolo tronca maurizio lupi francesco paolo tronca

    Fa discutere l’assegnazione del Foro Italico: per convenienza logistica al nuoto (nel complesso che ha già ospitato i Mondiali del 2009), e non al tennis, dirottato a Tor Vergata (insieme a ciclismo su pista, ginnastica e pallamano), in uno dei nuovi impianti che resteranno alla città. L’atletica ovviamente all’Olimpico, insieme alla finale del calcio (se il nuovo stadio della Roma non dovesse essere pronto).

    mario pescante mario pescante

     

    Come da previsioni, il villaggio olimpico sorgerà nella zona universitaria di Tor Vergata (per poi essere riconvertito in un campus studenti) e il Media Center a Saxa Rubra, dove ci sono già gli studi Rai. A pensare all’arrivo della maratona sotto l’Arco di Costantino, al tiro con l’arco con lo sfondo del Colosseo o al salto dei cavalli in Piazza di Siena vengono i brividi. Roma 2024 scommette soprattutto sulle emozioni, alla fine arriva anche l’omaggio di Paolo Sorrentino alla “Grande bellezza” della Capitale e delle sue Olimpiadi. Sperando che i conti non rovinino la festa.

     

    luca cordero di montezemolo (3) luca cordero di montezemolo (3)

    Twitter: @lVendemiale

     

     

     

    2. OLIMPIADI, ROMA 2024 ECCO IL DOSSIER PER LA CANDIDATURA

    Valerio Piccioni per www.gazzetta.it

     

    “Questa una città che è rinata mille volte, rimanendo sempre se stessa. Roma non è come tutte le altre”. Sergio Castellitto affabula i mille invitati del Palazzo dei Congressi dell’Eur e immagina di essere già a pochi giorni dall’apertura dei Giochi 2024. Tutto è futuro, ma un futuro che non scorda il passato. È il cuore della candidatura italiana che sfida Budapest, Los Angeles e soprattutto Parigi.

    giovanni malago con la coccarda giovanni malago con la coccarda

     

    Luca di Montezemolo, il presidente del comitato Roma 2024, illustra il titolo che ispira le carte del dossier arrivato a Losanna, al Cio: “l’arte italiana dell’accoglienza”. In apertura il presidente del CONI Giovanni Malagò aveva letto il messaggio del presidente della Repubblica: “Le Olimpiadi devono poter essere parte del corpo vivo della città - scrive Sergio Mattarella - con una crescita delle infrastrutture e dei servizi; un potenziamento della sua vocazione e del suo dialogo con il mondo, un miglioramento della qualità della vita e della pratica sportiva, per quanti continueranno a vivere a Roma”.

     

    FIGLIE D’ARTE — L’atmosfera è speciale. Al centro della platea, va in scena una sfida fra Diana Bianchedi e Giulia, sua figlia, fiorettista anche lei. Fiona May si presenta con Larissa, sua figlia, che ha appena vinto il titolo Indoor di categoria ai campionati toscani nello sprint...il sogno deve unire le generazioni, questo sembra dire il messaggio. Anche perché Roma 2024 sarà figlia, anzi nipote, di Roma 1960.

     

    federico coccia marianna madia federico coccia marianna madia

    È il riferimento di tutti. Pure se nel pantheon dei precedenti a cui ispirarsi ci sono anche Sydney, Barcellona, Vancouver e quella Torino in cui le Olimpiadi “hanno cambiato non solo la città ma anche i torinesi”, per dirla con Montezemolo. Intanto parte sullo schermo il viaggio di Stefano Baldini nella maratona olimpica. In platea non c’è il premier Renzi, rappresentato dal ministro dell’Interno, Angelino Alfano. C’è spazio anche per le grandi imprese paralimpiche dove la prima scena è inevitabilmente per Alex Zanardi. Luca Pancalli, il leader del Cip, non nasconde la commozione: “Roma fu anche la sede delle prime Paralimpiadi”.

    evelina christillin marcello lippi evelina christillin marcello lippi

     

    177MILA POSTI DI LAVORO — Le emozioni si intrecciano con i numeri. Vengono anticipati quelli di uno studio dell’Università di Tor Vergata, che parla di un più 0,4 di pil e della creazione di 177mila posti di lavoro, fra indeterminati e temporanei. Non c’è la cifra del budget complessivo, ma Montezemolo parla di 2,1 miliardi per costruire o migliorare gli impianti, dal Villaggio Olimpico al centro Media di Saxa Rubra, dalla vela di Calatrava all’arena velodromo, dal parco-bacino remiero della Magliana al rifacimento dello stadio Flaminio, attualmente in condizioni vergognose. Ce ne vorranno 3,2 per impianti temporanei, ma fra sponsor e contributo Cio si spera di pareggiare questa voce.

    domenico rossi e nico stumpo domenico rossi e nico stumpo

     

    VILLA ADA IN BICI — Poi Malagò fa il cicerone con Diana Bianchedi fra gli impianti del piano consegnato al Cio. C’è il punto interrogativo dello stadio della Roma, che potrebbe ospitare le finali. Poi la vela a Cagliari. La mountain bike a Villa Ada, l’equitazione a piazza di Siena, il tiro a volo e a segno all’ippodromo di Tor di Quinto. Il presidente del CONI parla dello stadio Flaminio come una “ferita”: avrà rugby a 7 e pentathlon moderno. La “sorpresa” è il vecchio Palazzetto di viale Tiziano disegnato dal grande Nervi: sarà il palcoscenico dei gironi eliminatori della pallavolo.

    carlo tavecchio (2) carlo tavecchio (2)

     

    I Pratoni del Vivaro, una specie di Flaminio fuori Roma per le sue condizioni disastrose, e su cui si scommetterà per la riqualificazione. Poi le quattro zone top, i cosiddetti cluster: Centro Storico, Foro Italico, Tor Vergata, Eur-Fiera di Roma. Le carte sono dunque in tavola e la Bianchedi rassicura tutte: “Le chiavette che contengono il nostro dossier sono arrivate a Losanna”.

    bionda bellezza bionda bellezza franco gabrielli prefetto di roma (2) franco gabrielli prefetto di roma (2) fiaccola dell olimpiade roma 1960 fiaccola dell olimpiade roma 1960 enrico zanetti sottosegretario all economia enrico zanetti sottosegretario all economia stefano fassina stefano fassina giancarlo abete giancarlo abete francesco paolo tronca e maurizio lupi francesco paolo tronca e maurizio lupi alessio vinci alessio vinci

     

    Condividi questo articolo

    FOTOGALLERY


    media e tv

    politica

    business

    cronache

    sport

    cafonal

    1. PANCIERA GIALLA! FUNERAL PARTY PER BONCOMPAGNI CON LA MUSICA DI JAMES BROWN, I VIDEO, LE FOTO E I RICORDI DEGLI AMICI (VIDEO INEDITI: ARBORE, AMBRA, GHERGO, DAGO) 2. LO STUDIO DI VIA ASIAGO 10, DOVE NEL 1965 DEBUTTO' "BANDIERA GIALLA", TRASFORMATO IN CAMERA ARDENTE (MAI SUCCESSO PRIMA IN CASA RAI) CON BARA, FIORI, NEON E SCHERMI TV 3. E TUTTI HANNO RESO OMAGGIO AL GRANDE BONCO: RAFFAELLA CARRA', CLAUDIA GERINI, ISABELLA FERRARI, SABRINA IMPACCIATORE, ALBA PARIETTI, ENRICA BONACCORTI, VESPA E MENTANA, FRASSICA E FERRINI, LAURITO E VELTRONI, PALOMBELLI E GIOVANNINO BENINCASA