1. FERIE CANNIBALI! A IBIZA UN POLIZIOTTO PRESO A MORSI DA UN TURISTA. SULL’ISOLA GIRA LA “CANNIBAL”, NUOVA DROGA CHE INDUCE A SBRANARE (NON DITELO A SUAREZ) 2. LE ISOLE BALEARI SONO UNA SPECIE DI LABORATORIO PER LE NUOVE DROGHE, E I TURISTI VENGONO USATI COME CAVIE. I NUOVI MISCUGLI SI PROVANO QUI E SI DIFFONDONO ALTROVE. SONO PERICOLOSI PERCHÉ SINTETICI E DAGLI EFFETTI COLLATERALI IGNOTI 3. NELL’ISOLA PIU’ CAFONAL DELL’ESTATE, AL DI LÀ DELLE ORDE DI RAGAZZINI UBRIACHI PROVENIENTI DA MEZZA EUROPA, ALLA SCOPERTA DELL’IBIZA SEGRETA E SCOSTUMATA. DALLE FESTE CON LA DUCHESSA DI ALBA AI PARTY NELLA VILLA DELLA TRANS BIBI ANDERSEN 4. MA LE SERATE PIÙ “HARD” SI CONSUMANO NEL MEGA–APPARTAMENTO DI UN FAMOSO BALLERINO CATALANO, DOVE AVVENGONO SCAMBI DI COPPIE E GIOCHI EROTICI DI OGNI TIPO 5. GANG-BANG INNAFFIATE DA FIUMI DI BLOODY-MARY E CUCINA DI PRIMA SCELTA, DOVE BLASONATE SIGNORE E FINI ARTISTI SI ABBANDONANO ALLE FANTASIE PIÙ SPUDORATE

Condividi questo articolo
  • 1. A IBIZA UN POLIZIOTTO PRESO A MORSI DA UN TURISTA

    da www.dailystar.co.uk

     

    ushuaia 2014 7 ushuaia 2014 7

    La polizia di Ibiza sospetta che gli spacciatori stiano vendendo ai vacanzieri una droga sperimentale soprannominata “Cannibal”, che già ha causato diversi attacchi in America. Il più eclatante è avvenuto nel giugno del 2012, quando un senzatetto di 65 anni è stato sbranato vivo dal giovane Rudy Eugene, poi ucciso dalla polizia.

     

    A Ibiza un altro turista ha azzannato un agente ed è stato arrestato. La squadra anti-droga  spiega che le Baleari sono una specie di laboratorio per le nuove droghe, dove i turisti vengono usati come cavie. I nuovi miscugli si provano qui e si diffondono altrove. Sono pericolosi perché sintetici e dagli effetti collaterali ignoti. Recentemente c’è stato molto spaccio di stimolanti letali come Metilone e PMMA.

     

     

    ushuaia 2014 4 ushuaia 2014 4

    2. LONTANO DAL PACHA E DALL’AMNESIA, L’IBIZA CHE NON SI VEDE NEI CATALOGHI TURISTICI

    Alberto Dandolo per Dagospia

     

    Benvenuti a Ibiza. Avete presente le orde di ragazzini ubriachi provenienti da mezza Europa che si trascinano tra i vicoli in cerca di piaceri dozzinali e a basso costo? Siete mai stai all’Amnesia, al Privilege o al Pacha dove smanettato a suon di euro i Dj più gettonati de’ noantri?

     

    ushuaia 2014 12 ushuaia 2014 12

    Avete mai cenato al ristorante del carissimo Lio con vista sul porto dove il massimo che ti può capitare è avere come vicine di tavola Aida Yespica e Claudia Galanti accompagnate dai loro facoltosi compagni o imbatterti nel chirurgo (per mancanza di laurea) Giacomo Urtis che offre da bere a Raffaella Zardo e Barbara Guerra?

     

    Bene. Se vi interessa questa Ibiza vi deluderemo. Noi in questo Cafonal vogliamo parlarvi di un’altra Eivissa. Quella meno popolare e “di facciata”. Quella dei “non presenzialisti”. L’Ibiza delle notti che non vengono pubblicizzate su siti, social o cataloghi. La parte dell’Isola in cui di certo non incontrerete i Vacchi e i Cipriani, gli Zambelli e le Parietti, né quel fighettume triste che durante l’inverno è parte integrante dell’arredamento urbano della cosiddetta “Milano che conta”.

    pacha 2014 7 pacha 2014 7

     

    La vera Ibiza non esibisce se stessa. Non vive delle luci della ribalta mediatica. E’ quanto di più lontano da quella atmosfera tamarra e pecoreccia, provinciale e burina che si respira nei luoghi di cui sopra.

     

    La vera Eivissa, a nostro avviso, vive “dentro”. Dentro le ville esclusive, dentro i locali e i club lontani dal centro, nelle cale selvagge e negli “anfratti” elitari.

     

    pacha 2014 4 pacha 2014 4

    Solo pochi eletti ad esempio sono ammessi alla festa d’inizio estate che ogni anno viene dedicata a Pedro Alcalde, uno dei più grandi compositori di classica del mondo (braccio destro di Abbado quando dirigeva la Filarmonica di Berlino) in una  bellissima villa alle porte di San Antonio, al nord dell’isola, di proprietà di un famoso armatore.

     

    Qui è di casa la mitologica Duchessa di Alba e la crema della borghesia e intellighentia catalana. Dal filosofo Miguel Ortega (nipote del più famoso Josè) alla mitologica Elisabeth, artista di origini iraniane ex amante di Placido Domingo (ha anche avuto un flirt con un noto giornalista italiano che ama la musica), ai trend setter Andrea ed Alessandro Carletti. Tra fiumi di champagne e vino tinto, ostriche e paella l’ultima festa ha visto Alcalde esibirsi nell’”istallazione del silenzio”. Una intera orchestra è rimasta per due ore senza suonare nel giardino della villa. Immobile, impassibile.

     

    pacha 2014 20 pacha 2014 20

    Più rumorosi invece i party organizzati dalla trans più famosa di Spagna: Bibi Andersen. Nella sua modernissima villa in prossimità della spiaggia frociona dei Figueretes, la Bibi organizza feste da far venire la pelle d’oca ai peggio libertini. Uomini statuari e disponibili, istallazioni di arte contemporanea, performance new age sono solo alcuni degli ingredienti di queste serate. Dalla Andersen passano i mejo “fulminati” d’Europa. Da Rossy de Palma a Jean Paul Gautier, da Almodovar alla stilista araba Mona Mohanna ai peggio markettari di Madrid. Le sue sono feste trasversali. Dove all’alto si unisce il basso. Che per Bibi sono la stessa cosa.

     

    Ma le serate più “hard” si consumano nel mega–appartamento di un famoso ballerino catalano, in prossimità delle mura medioevali della città vecchia. Qui tutto ruota intorno al sesso. E la parola d’ordine è “esagerazione”. Qui avvengono gli scambi di coppie più esclusivi di Ibiza e si praticano giochi erotici d’ogni tipo.

    thespace 2014 9 thespace 2014 9

     

    Memorabili le gang-bang innaffiate da fiumi di bloody-mary e cucina di prima scelta, dove blasonate signore e fini artisti si lasciano andare ai piaceri e alle fantasie più spudorate. Qualche anno fa l’eccentrico ballerino organizzò anche una gang-bang (accoppiamento di gruppo) dal sapore sado. Era tutta un’esultanza di fruste, anelli, tacchi appuntiti e borchie.

     

    Ma se a Ibiza si decide di vivere “fuori” non si può evitare la “notte” di due strade del quartiere storico: Calle de la Virgen e Calle Alfonso XII. Qui vicino si concentrano i mejo locali gay, trans e drag dell’isola: dal Benidorm al Broux al Drag Bar “Il Teatro”. E nei dedali delle vie del “centro antiguo” sono decine i luoghi deputati all’accoppiamento omo. Tutti arredati e corredati di dark room, camerini per l’accoppiamento, saune e (in molti) di  “stanze della tortura” (per gli amanti del fetish e del sadomaso).

     

    amnesia 2014 5 amnesia 2014 5

    E poi ci sono due imperdibili spiagge: Playa des Cavallet e Los Molinos. Qui oltre che prendere il sole e spalmarsi la crema, i turisti low-profile perdono ogni inibizione e senso di riservatezza. E’ tutta una esultanza di gioie carnali e di piaceri consumati in cale appartate.

    ushuaia 2014 5 ushuaia 2014 5 ushuaia 2014 34 ushuaia 2014 34 ushuaia 2014 35 ushuaia 2014 35 ushuaia 2014 33 ushuaia 2014 33 ushuaia 2014 32 ushuaia 2014 32 ushuaia 2014 31 ushuaia 2014 31 thespace 2014 11 thespace 2014 11 amnesia 2014 1 amnesia 2014 1

     

     

    Condividi questo articolo

    FOTOGALLERY

    media e tv

    politica

    business

    cronache

    sport

    cafonal