1. SE LA BARBA DI CONCHITA WURST VI SCANDALIZZA, LA SERATA “KUNST” NON FA PER VOI 2. A NEW YORK LE FESTE PIÙ DIVERTENTI LE ORGANIZZA SEMPRE LEI, LA MITOLOGICA SUSANNE BARTSCH. REGINA DELLA NOTTE NEGLI ANNI 80, È TORNATA IN PISTA PER INSEGNARE AI NUOVI YUPPIES COME CI SI DIVERTE. E SI È PORTATA IL SUO COLORATO BARACCONE 3. AMICA DI JIMMY PAGE E “SCOPRITRICE” DI JOHN GALLIANO, L’ULTRASESSANTENNE SUSANNE UNISCE CHIC E FREAK, DARK E TRANS, ARTE E SARTE, RAGAZZE BENE DEL CONNECTICUT E MIGNOTTE CHE SALGONO SUL PALCO FUMANDO SIGARETTE CON LA VAGINA 4. AL “VERBOTEN” DI BROOKLYN IL SUO CIRCO ITINERANTE HA RAGGIUNTO VETTE BASSISSIME, QUINDI PERFETTE. NEXT STEP: I TETTI DI MANHATTAN, DOVE ORGANIZZERÀ LE SUE SERATE ESTIVE

Condividi questo articolo
  • Foto da www.villagevoice.com

    DAGOREPORT

    VERBOTENVERBOTEN

    A molti in Italia il nome di Susanne Bartsch non dirà nulla. Ma la svalvolata signora ultrasessantenne è stata e rimane la regina delle notti newyorkesi. Certo, non la troverete nei club impomatati dove gli yuppies di Wall Street (esistono ancora) cercano la escort russa o la futura sposa di buona famiglia del Connecticut.

    VERBOTENVERBOTEN

    Nata in Svizzera, ha mollato la famiglia a 17 anni e si è trasferita a Londra, dove è diventata amica di Jimmy Page e Malcom McLaren. Nel 1981 è poi sbarcata a New York, dove ha aperto un negozio di vestiti a SoHo, subito diventato un luogo di culto. E' nella sua boutique che i giovani designer inglesi dell'epoca (vedi Vivienne Westwood e John Galliano) hanno trovato l'America. Con la fine degli anni '80, vendere i vestiti folli e costosi degli stilisti è diventato più difficile, e così Susanne si è reinventata organizzatrice di feste.

    VERBOTENVERBOTEN

    Prima al Savage, poi al Bentley's e alla fine al Copacabana, night club che ha portato al successo planetario grazie alle feste più divertenti di Manhattan: è riuscita a mettere insieme gli snob cittadini con il mondo drag, gay, freak della città. Negli epici giovedì del Copacabana c'erano i banchieri con le bretelle e Marc Jacobs, le signore-bene e le prostitute che sul palco fumavano sigarette con la vagina.

    Da quel momento non si è più fermata, e per tutti gli anni '90 è stata la stella più brillante, trasgressiva e divertente delle notti newyorkesi. HBO le aveva anche proposto di girare un reality sulla sua vita, quando ancora non c'erano gli show sugli Osbourne o sui Kardashian. Il programma fu cancellato prima di nascere, con successivo pentimento del network

    VERBOTENVERBOTEN

    Con l'arrivo di figli e del nuovo millennio aveva rallentato, pur continuando a organizzare eventi, serate di beneficienza e feste private. Finché nel 2006, stanca di vedere "Paris Hilton da tutte le parti e bottiglie di vodka da 15 dollari vendute a 300", si è rinfilata i suoi vestiti straordinari al limite della baracconata, si è ributtata in pista e ha ricominciato a far ballare ricchi ed emarginati, mignotte e figlie di papà.

    VERBOTENVERBOTEN

    La sua ultima creazione è KUNST (arte, in tedesco), serata super-freak che rimbalza tra Manhattan e Williamsburg. L'altra sera era al "Verboten", locale aldilà del fiume dove ha messo in piedi performance dal vivo e quattro dj: Amber Valentine, The Carry Nation, Juliana Huxtable and Becca McCharen (Chromat).

    La festa è stata solo un assaggio dei party estivi che Susanne ha già messo in cantiere: si chiameranno "On Top", si svolgeranno nei rooftop più belli della città. Si comincia il 3 giugno con il bar dello Standard Hotel.

    http://www.susannebartsch.com/on-top/

     

     

    VERBOTENVERBOTEN VERBOTENVERBOTEN VERBOTENVERBOTEN VERBOTENVERBOTEN VERBOTENVERBOTEN VERBOTENVERBOTEN VERBOTENVERBOTEN VERBOTENVERBOTEN VERBOTENVERBOTEN VERBOTENVERBOTEN

     

    Condividi questo articolo

    FOTOGALLERY

    media e tv

    politica

    business

    cronache

    sport

    cafonal