1. UN VIAGGIO NEL TEMPO NELLA IBIZA ANNI ’80, LÌ DOVE SBOCCIÒ L’EDONISMO EUROPEO 2. UNA MOSTRA LONDINESE CELEBRA L’ISOLA PIÙ DECA-DANCE CHE CI SIA, TERRA DI DISSIDENTI POLITICI (ANNI ’60), HIPPIE (’70) E SVALVOLATI IN CERCA DI DIVERTIMENTO COCATO (’80) 3. PRIMA CHE ARRIVASSERO I DJ MILIONARI, I VOLI LOW-COST, LE CELEBRITIES STRAPPONE, QUANDO “KU”, “PACHA”, “AMNESIA” ERANO LE PIÙ GRANDIOSE DISCOTECHE AL MONDO 4. CAPELLI COTONATI, LEGGINGS LEOPARDATI, VESTITI IN PELLE ANCHE AD AGOSTO (A IBIZA LA SERA PUÒ FARE FRESCHETTO), BORCHIE, SPANDEX, PAILLETTES, UOMINI VESTITI DA MARINARETTO, CAPEZZOLI IN VISTA, COLLARI, PARRUCCHE E SESSO PESANTISSIMO

Condividi questo articolo
  • Foto della mostra e di Derek Ridgers

    MOSTRAIBIZA MOMENTS IN LOVEMOSTRAIBIZA MOMENTS IN LOVE MOSTRAIBIZA MOMENTS IN LOVEMOSTRAIBIZA MOMENTS IN LOVE

    DAGOREPORT sulla mostra "Ibiza, Moments in love", all'Institute of Contemporary Art di Londra - https://www.ica.org.uk/


    E' sempre stata l'unica, vera, capitale dell'edonismo europeo. Perfino durante i tempi bui del Generalissimo Franco, era un porto sicuro per dissidenti politici e per chi voleva sfuggire dalle regole del regime. Negli anni Settanta era la meta degli hippie, e negli anni Ottanta ha visto nascere la "club culture", la festa permanente che arriva fino ai rave dei giorni nostri.

     

    A Ibiza, regina delle Baleari, l'Institute of Contemporary Art di Londra (ICA) dedica una mostra sulle origini del divertimento decadente europeo. Tra locandine dei club, foto rarissime, libri, vestiti, un'immersione in un tempo in cui i DJ non erano ancora milionari e le celebrities strappone ancora non sapevano cosa fosse il "Pacha", in cui non c'erano i voli a 20 euro di Ryanair ed Easyjet, e se volevi scatenarti sulla Isla Blanca dovevi veramente volerci andare.

    MOSTRAIBIZA MOMENTS IN LOVEMOSTRAIBIZA MOMENTS IN LOVE MOSTRAIBIZA MOMENTS IN LOVEMOSTRAIBIZA MOMENTS IN LOVE

    Girando per "Ibiza, Moments in Love", quello che salta all'occhio sono le foto in bianco e nero del fotografo inglese Derek Ridgers, scattate al "Ku", storica discoteca, nel 1984. In quelle serate si esibivano dj da tutta Europa, che poi tornavano nei rispettivi Paesi e davano il via all'industria della dance come la conosciamo oggi.

    L'isola negli anni '80 era la patria di tre dei più importanti nightclub al mondo: "Ku", la discoteca all'aperto più grande in assoluto, costruita intorno a una piscina olimpionica. "Amnesia" era dove si andava dalle 3 di notte fino alle prime ore della mattina, ben oltre l'alba, e dove il DJ Alfredo metteva Beethoven, Kate Bush e tutto quello che gli pareva. "Pacha", la discoteca simbolo che è diventato un super-brand globale.

    MOSTRAIBIZA MOMENTS IN LOVEMOSTRAIBIZA MOMENTS IN LOVE

     

    Se vi mancano capelli cotonati, leggings leopardati, vestiti in pelle anche ad agosto (a Ibiza la sera può fare freschetto), borchie, spandex, paillettes, uomini vestiti da marinaretto, capezzoli in vista, collari, parrucche e trucco pesantissimo, ora sapete dove trovare il vostro sollazzo...

     

    MOSTRAIBIZA MOMENTS IN LOVEMOSTRAIBIZA MOMENTS IN LOVE Ibiza moments in loveIbiza moments in love Cartel promocional KuCartel promocional Ku MOSTRAIBIZA MOMENTS IN LOVEMOSTRAIBIZA MOMENTS IN LOVE

     

    Condividi questo articolo

    FOTOGALLERY


    media e tv

    politica

    business

    cronache

    sport

    cafonal