CAFONALINO - SIAMO UOMINI DI MONDA! - LUCIA ANNUNZIATA E PAOLO SORRENTINO PRESENTANO IL PRIMO ROMANZO DI ANTONIO MONDA, TAPPA MONDANO-OBBLIGATA PER I RADICAL-CHIC CHE ATTERRANO A NEW YORK (HA PRESO IL POSTO DI FURIO COLOMBO) - IN PRIMA FILA I FRATELLI TAVIANI, UNO STRAVOLTO SAVERIO COSTANZO, LAURA MORANTE E BRACHETTI PERETTI…

Doto di Mario Pizzi da Zagarolo
Francesco Argento per "Nat1news.it"

VITTORIO TAVIANI E LAURA MORANTEVITTORIO TAVIANI E LAURA MORANTE

Presentato a Roma il 15 marzo alle 18 presso la Residenza di Ripetta (via di Ripetta 231) il libro di Antonio Monda «L' America non esiste» (Mondadori). Sono intervenuti la giornalista Lucia Annunziata e Paolo Sorrentino.

SORRENTINO MONDA ANNUNZIATASORRENTINO MONDA ANNUNZIATA

L'ultimo romanzo di Monda, è ambientato nella New York degli anni 50, quando a Manhattan approdano Nicola e Maria, fratello e sorella originari di un piccolo paesino del sud Italia. I due vengono accolti con affetto dal cugino del loro padre defunto, che gli offre un lavoro da portinai nel condominio di Brooklyn in cambio dell'alloggio.
E qui comincia l'avventura.

SAVERIO COSTANZOSAVERIO COSTANZO

Nicola non la prende bene, fatica ad adattarsi e reagisce male al cambiamento. Considera l'America un paese difficile, rozzo e volgare e gli va di traverso sin dal primo impatto: "La statua di cui parlava sempre il comandante, che conosceva la lingua di tutti gli emigranti, gli sembrò un monumento retorico e pesante: una donna verde con un libro, una torcia e un'assurda corona in testa".

ROSI GRECOROSI GRECO

Lo zio, un entusiasta, li va a prendere sulla sua Cadillac e indicando dal finestrino gli riassume la città: "Quello è l'Empire State Building, il grattacielo più alto di New York, non è bellissimo? Pensate che è stato costruito quando la gente, per sopravvivere, scendeva in strada a prendere la minestra. Questo è il bello dell'America. La puoi attaccare, umiliare, mettere in ginocchio, ma non muore mai."

Invece Maria, un pò sognatrice, un pò rassegnata, in qualche modo si adagia, con atteggiamento indifferente alla nuova vita. La ragazza, all'inizio restia ad allontanarsi dal suo microcosmo di quartiere, conoscerà la citta grazie a Nathan, un attore spiantato, che la guiderà tra le bellezze e la magia dei quartieri, dei grattacieli, consentendo peraltro all'autore di esprimersi in emozionanti descrizioni della città, chiaramente condite da esperienze e sensazioni autobiografiche.

PERSENTAZIONE LIBRO ANTONIO MONDAPERSENTAZIONE LIBRO ANTONIO MONDA

L'altro protagonista della storia, Nicola, più sanguigno, preferisce non vagare tra le architetture miracolose ma inizia a collaborare con il mondo della boxe, quella di Rocky Marciano, il campione del mondo dei pesi massimi che si ritirerà imbattuto nel 1956.
Anche Nic vivrà il suo amore, allontanandosi dal bordo ring grazie a Tess, una gallerista che lo introdurrà nel modo culturale degli scrittori, e di registi come Elia Kazan.

PAOLO TAVIANIPAOLO TAVIANI

Sono anni in cui a New York sta accadendo di tutto, la spinta del dopoguerra fa esplodere l'arte e la creatività, New York grazie all'opera di una mecenate come Peggy Guggenheim e ad artisti quali Pollock e Rothko, tanto per citarne un paio, è diventata la capitale dell'arte spodestando Parigi.

PAOLO SORRENTINOPAOLO SORRENTINO

L'America, "il posto dove tutto prima o poi accade", spariglia le carte e segna la vita e il futuro dei due giovani, l'energia della città e il racconto di Monda sui destini incrociati dei ragazzi, ci confermano una cosa: New York è sempre lo scenario ideale per un bel romanzo.

ANTONIO MONDAANTONIO MONDA

 

FOTOGALLERY