1- L’AFFAIRE FINI/TULLIANI POTEVA DEFLAGRARE IL 27 NOVEMBRE 2009 MA NESSUNO HA VOLUTO ACCENDERE LA MICCIA. ERA TUTTO SCRITTO SU UN BLOG, RAI E MONTECARLO E “COGNATINO” COMPRESI. COSA È SUCCESSO, ALLORA? FORSE PER “LIBERO” I TEMPI NON ERANO ANCORA BERLUSCONIAMENTE MATURI PER SFASCIARE L’EX FASCISTA FINI? - (TRA GLI ‘ADDETTI AI LIVORI’ SI SUSSURRA INFATTI CHE DIETRO IL BLOG ‘MATILDE DI CANOSSA’ SI CELI L’IDENTITÀ DELLLO ‘PISTAROLO’ FRANCO BECHIS, VICE DIRETTORE DI “LIBERO”) - 2- LA COATTISSIMA ROTTURA TRA L’EDITORE DI “LIBERO” GIAMPAOLO ANGELUCCI, CHE HA ALLE SUE DIPENDENZE IL FRATELLO DI FINI, E GIAN-MENEFREGO VA RACCONTATA PERCHé RACCHIUDE LA MEJO BATTUTA DELL’ANNO. FURIOSO, PER UN ARTICOLAZZO SU ELISABETTA, IL PRESIDENTE DEI LOS TULLIANIS TELEFONA AD ANGELUCCI. L’ARROGANTISSIMA SCENATACCIA DI FINI SI CHIUDE COSì: “IO, CON “LIBERO”, MI PULISCO IL CULO!”. “E IO DOMANI LO FARÒ DI CARTA VETRATA!”, È LA REPLICA FULMINANTE DELL’EDITORE DI “LIBERO”

Condividi questo articolo


DAGOREPORT
Maddai, l\'affaire Fini/Tulliani poteva deflagrare un bel venerdì 27 novembre 2009 - e sottolineo 2009 - ma nessuno lo ha voluto innescare. Era tutto scritto, per filo e per segno, con nomi e cognomi, Rai e Montecarlo e \"cognatino\" compresi. Cosa è successo? Forse i tempi non erano ancora berlosconiamente maturi per sfasciare l\'ex fascista Fini?

GIANPAOLOGIANPAOLO ANGELUCCI - copyright Pizzi

Di certo, il blog Matilde di Canossa (http://matildecanossa.blogspot.com/), dietro il quale si sussurra che si celi l\'identità del mitologico ‘scupparolo\' Franco Bechis, vice direttore di \"Libero\", scodella tutto ciò che poi sarebbe esploso tra le nostre gambe: la saga dei Tullianos. Prendete fiato, allontanate i pupi e accomodatevi alla lettura:

SI SPOSTA A MONTECARLO LA NUOVA RAI DEL TERZO COGNATO DELLA REPUBBLICA
http://matildecanossa.blogspot.com/

MATILDEMATILDE DI CANOSSA/LA CATTIVA STRADA

Per chi si occupa di televisione segnarsi assolutamente un indirizzo, viale Mazzini 114/a. Lì è nato e morto in meno di un mese il Giant entertainment group di Giancarlo Tulliani, fratello di Elisabetta e cognato della terza carica dello Stato, Gianfranco Fini. Da lì il gruppo è partito all\'assalto della Rai ottenendone però un piccolo fiasco su Rai Due. Dopo insuccesso e polemiche il terzo cognato della Repubblica è uscito di scena: via da Roma, approdato a Montecarlo dove ha preso pure la residenza fiscale.

MATILDEMATILDE DI CANOSSA/LA CATTIVA STRADA GIANCARLOGIANCARLO TULLIANI

E curiosamente lo ha fatto in Rue princesse Charlotte 14, stesso indirizzo di un immobile che risultava in bilancio di Alleanza Nazionale. Si tratta di una casa fra le tante lasciate in eredità al partito di Gianfranco Fini da una contessa nostalgica, Anna Maria Colleoni. Evidentemente Fini deve avere fatto espatriare il cognato lì perchè desse meno nell\'occhio nelle sue imprese televisive. Ma attenzione, Giancarlo Tulliani non figura più, ma nei suoi uffici di viale Mazzini 114/a sono spuntate come funghi società di casting e produzione televisiva. Una sembra addirittura gemella della Tulliani 1: si chiama Giant entertainment srl.

Un\'altra si chiama Absolute television media srl, nata nell\'estate 2009 e subito in grado di essere accolta a braccia aperte dal direttore di Rai Uno, Mauro Mazza. Che le ha affidato casting e piccole produzioni del programma- contenitore del pomeriggio, Festa italiana, condotto da Caterina Balivo. Curioso: per anni è stato tutto prodotto all\'interno, all\'improvviso è venuta l\'esigenza di farsi un giro fuori e mettersi nelle mani di una società appena nata...

finifini e tulliani

Finito? Bene. Avete letto lo scoop che non vide mai la luce. Ora, se il blog Matilde di Canossa è davvero frutto delle arti pistarole di Bechis, come mai \"Libero\" non fece esplodere in quel di novembre 2009 la bombastica notizia? Certo, significava mandare all\'aria, come poi è puntualmente successo, quello che restava del rapporto tra i due co-fondatori del PDL. Da una parte. Dall\'altra, l\'editore di \"Libero\" Giampaolo Angelucci ha alle proprie dipendenze, nelle cliniche del gruppo, nientemeno che il medico Massimo Fini, cioè il fratello di Gian-menefrego.

bechisbechis

Se tra il Banana e Fini, sappiamo benissimo cosa è successo per mandare all\'aria tutti i rapporti, tra l\'editore Angelucci e il presidente della Camera la storia è ancora tutta da raccontare e va assolutamente raccontata perché in sé racchiude la mejo battuta dell\'anno.

Magari per qualche articolazzo su Elisabetta Tulliani, Fini va su tutte le furie, cotona al max l\'arroganza, afferra il telefonino e digita il numero di Angelucci. La scenataccia termina con queste esatte parole: \"Io con \"Libero\" mi pulisco il culo!\". \"E io domani lo farò di carta vetrata!\", è la replica fulminante di Angelucci...

 

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY

media e tv

politica

business

cronache

sport

KEAN REGALA TRE PUNTI A ALLEGRI, ROMA FURIOSA CON ORSATO - MUGHINI: "TRA JUVE E ROMA NON È STATA UNA BELLA PARTITA. LA VITTORIA BIANCONERA È STATA IL FRUTTO DI OSTINAZIONE DIFENSIVA, DI UN PO’ DI FORTUNA, DI UNA MAGNIFICA PARATA DEL NOSTRO PORTIERONE SUL RIGORE DI VERETOUT. A 8 GIORNATE DALL’AVVIO DEL TORNEO LA JUVENTUS È A DIECI PUNTI DA UN NAPOLI FINORA ASTRALE. SE SIA MESSA MALE O MALISSIMO O BENINO RISPETTO A COME AVEVA COMINCIATO, NON SO DIRE" - ORSATO SPIEGA A CRISTANTE LE SUE DECISIONI IN OCCASIONE DEL PENALTY POI FALLITO DA VERETOUT: "SUL RIGORE IL VANTAGGIO NON SI DÀ MAI" - MA A LIVELLO REGOLAMENTARE NON E’ COME DICE L'ARBITRO...

cafonal

viaggi

salute