1- SETTETÉ, TRAVAGLIO ARRIVA A LA7? MENTANA E TELESE CORTEGGIANO IL SANTORINO - UNA RUBRICA ALL’INTERNO DEL TELEGIORNALE O UN PROGRAMMA TUTTO PER TRAVAGLIO? - (DOPO L’ATTOVAGLIAMENTO IN RISTORANTE ROMANO CON ANTONIO RICCI), TOCCA ALLA MARCHESA ROSSA SANDRA VERUSIO APPARECCHIARE UN FESTONE PER CHICCO & MARCO) - 2- SADO-MASI METTE L’ELMETTO E PREPARA LA TRINCEA PER SEPPELLIRE ’ANNOZERO’ - IL DIRETTORE GENERALE AL BIVIO: O CACCIA SANTORO O IL BANANA DI ARCORE CACCIA LUI - 3- MASI CONTRO VAN STRATEN E RIZZO NERVO: \"IGNORANO CHE LE TRASMISSIONI DA COLLOCARE IN PALINSESTO (\"ANNOZERO\", NDD) SPETTANO SOLO AL DIRETTORE GENERALE\" - 4- ROGNONI (PD): \"APPARE COME UN ESECUTORE DI ORDINI CHE VENGONO DA FUORI, COME UN COMPLICE DI VOLONTÀ PARTITOCRATICHE\". E MASI MINACCIA DI QUERELARLO

Condividi questo articolo

1 - SETTETÉ, TRAVAGLIO ARRIVA A LA7?
Qualche giorno fa (ore 20 e 40 di martedì), Dagospia ha fulminato uno strano quartetto attovagliato in un ristorante del quartiere Prati di Roma, a un tiro di schioppo da via Novaro, sede del TgLa7. Di cosa chicchieravano i nostri eroi Mentana, Travaglio, Luca Telese e, incredibile a dirsi, Antonio Ricci? Boh. Mah. Chissà chi lo sa.

MENTANAMENTANA

Ieri, ronzava un altro rumor. Lo sai che lunedì 26 luglio, la marchesa rossa Sandra Verusio apparecchia una bella cena in gloria di Chicco Mentana e di Marco Travaglio? Ancora loro?! Ma allora c\'è qualcosa che bolle nel pentolino.

MARCOMARCO TRAVAGLIO

Gira che ti rigira, ecco la versione che viaggia per cellulare. Condotto Travaglio, grazie ai buoni uffici del giornalista de \"Il Fatto\" e conduttore di un programma su La7 Luca Telese, al cospetto di Chicco Mitraglia potrebbe essere partita una bella e golosa proposta. E cioè: una rubrica quotidiana sul TGLa7. Magari, potrebbe scappar fuori anche una trasmissione per la rete telecomizzata di Giovanni Stella. (Già Bernabé ha approfittato, dopo vari fallimenti, di un momento debolissimo di Berlusconi, per strappargli il passi per Mentana...)

2 - SANTORO SCRIVE A MASI: ANNOZERO VADA IN ONDA RAINEWS, IL CDA RINVIA LA SOSTITUZIONE DI MINEO...
Leandro Palestini per \"la Repubblica\"

TRAVAGLIOTRAVAGLIO

Mauro Masi, direttore generale Rai, non vuole che in autunno si veda Annozero. L´ennesimo rinvio del Cda al prossimo mercoledì ne è una conferma. Il dg Masi vorrebbe dare a Santoro una ricca buonuscita (paga l´abbonato) pur di vederlo fuori della Rai. Ma il giornalista in una lettera a Masi spiega che «la mancata messa in onda» di Annozero sarebbe «un grave danno per il servizio pubblico e mi costringerebbe a impiegare tutte le energie per difendere diritti miei, dei miei collaboratori e degli spettatori».

Annozero è visto da cinque milioni di spettatori e porta molta pubblicità al servizio pubblico. Ma Masi replica a muso duro: «I palinsesti sono proposti al Cda esclusivamente dal direttore generale in base a considerazioni di merito specifico».

LUCALUCA TELESE

«Il direttore Liofredi, ha già inserito la scheda di Annozero nel sistema informatico Rai, partenza il 23 settembre, sono pronte le scenografie. Se Masi vuole chiuderci deve dirlo chiaramente», si sfoga Santoro con i suoi. Nel cda di ieri, il presidente Rai Paolo Garimberti ha espresso «disappunto» per l´intervista rilasciata a la Repubblica da Massimo Liofredi, nella quale rivela che non fu Masi bensì Berlusconi a chiamarlo. «Mi chiamò per darmi la guida di Rai2. Disse: \"Massimo fai una buona tv\"...». Dalla reprimenda dei consiglieri si prevede una \"punizione\" a Liofredi.

AntonioAntonio Ricci

Per i consiglieri di minoranza Nino Rizzo Nervo e Giorgio Van Straten «ormai il tempo è scaduto»: se Annozero non tornasse a settembre «sarebbe un autogol e un grave danno economico per la Rai». Sui casi Santoro e Mineo (che dovrà lasciare RaiNews, ma la sostituzione è stata rinviata dal cda), Paolo Gentiloni, responsabile Comunicazioni del Pd dichiara: «Masi, pur di salvare il posto, è ormai intenzionato ad azzerare il pluralismo. Ormai lavora contro la Rai». Il senatore Carlo Rognoni (Pd), sulla rimozione di Mineo dice: «Se così fosse, chi dirige la Rai si metterebbe nella condizione di apparire come un esecutore di ordini che vengono da fuori, come un complice di volontà partitocratiche». E Masi minaccia di querelarlo.

SANDRASANDRA VERUSIO

3 - MASI, CONSIGLIERI IGNORANO CHE PROPOSTE TRASMISSIONI SPETTANO A DG...
(Adnkronos) -
\"Ho rispetto formale e sostanziale per tutti i consiglieri di amministrazione della Rai, ma mi stupisce che due consiglieri sembrano ignorare che le proposte sulle trasmissioni da collocare in palinsesto spettano solo al Direttore Generale\". Lo scrive in una nota il dg Rai, Mauro Masi, commentando cosi\' quanto sostenuto oggi dai consiglieri Rai, Nino Rizzo Nervo e Giorgio Van Straten.

GiovanniGiovanni Stella

\"Tra l\'altro - aggiunge - bisogna uscire una volta per tutte da questa favola del programma che fa grandi introiti pubblicitari. Come e\' ben noto e\' l\'azienda stessa che decide quali spot pubblicitari devono andare in onda a seconda delle trasmissioni e delle fasce d\'ascolto\".

 

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY

media e tv

LA PESTE NUOVA – L’OMAGGIO “EROICOMICO” ALLA “PESTE” DI ALBERT CAMUS DI FULVIO ABBATE È PIÙ ATTUALE CHE MAI: IL PROTAGONISTA DEL SUO ULTIMO LIBRO “LA PESTE NUOVA” È UN INVENTORE DI BARZELLETTE CHE SI MUOVE IN UNA CITTÀ SOSPESA DOVE IMPERVERSA UN VIRUS SCONOSCIUTO. IL CALDO OPPRIMENTE SI MESCOLA AL TAPPETO SONORO DELLE SIRENE DELLE AMBULANZE E L’ANDIRIVIENI DELLE CAMIONETTE DEL GENIO MILITARE – IN QUESTO SCENARIO IL PROTAGONISTA FINISCE PER ABBANDONARSI AL DISINCANTO…

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute