1- URLA E RISSE SU YARA. È QUESTO L’ULTIMO SUPPLIZIO INFERTO ALLA RAGAZZINA DI BREMBATE DI SOPRA, \"UCCISA\" UNA SECONDA VOLTA DALLA MACCHINA DEI salotti tv - 2- IERI, PRIMO LUNEDÌ FERIALE DOPO IL RITROVAMENTO DEL CORPO, PER LE D’URSO E I VESPA È STATO IL MOMENTO IDEALE PER INTERCETTARE L’EMOTIVITÀ DI spettatori ossessionati E squilibrati: UN GRAN BEL BACINO D’OPINIONE, PIÙ FACILMENTE IRRETITO DAI DOLORI DI YARA, SARAH E GEMELLINE SCHEPP CHE DAI COMPLICATI GUAI GOVERNATIVI. ANCHE L’ENNESIMO SOLDATO MORTO IN AFGHANISTAN SCIVOLA VIA SENZA NOME DAVANTI AI DETTAGLI PIÙ LANCINANTI DEL CADAVERE IN DECOMPOSIZIONE A CHIGNOLO D’ISOLA - 3- CERTO, SE POI SI APRONO I GIORNALI, IL PRODOTTO NON CAMBIA. ANZI: COL PRETESTO DELLA CRONACA, GIù PAGINATE AL DI SOTTO DELLA DECENZA, AL DI Là DELLA MORBOSITÀ - -

Condividi questo articolo


BarbaraBarbara D’Urso, ieri, mentre parla di YaraYARAYARA

Chiara Paolin per il Fatto Quotidiano

Urla e risse su Yara. È questo l\'ultimo supplizio inferto alla ragazzina che ha fatto diventare Brembate di Sopra un argomento sociale, comodo ed eccitante, perfetto per riempire di tenera tensione gli infiniti spazi della tivù pop.

I talk-show hanno ampiamente attinto al tema in questi tre mesi di agonia. Il 30 novembre c\'era un \'Dillo a Lorena\', su Rai2, tutto condotto a strappo tra la padrona di casa, una preoccupatissima Lorena Bianchetti, e l\'inviato Vittorio Introcaso, interrotto con tale frequenza dall\'esser sul punto di mandare a quel paese la conduttrice. \"Vittorio, sappiamo?\"; \"No, Lorena, non sappiamo\".

VespaVespa e il plastico del delitto di Avetrana

Ma intanto continuiamo a parlarne. Come ha fatto Bruno Vespa, inserito a cucù nel cartone di Cenerentola per lanciare una serata speciale di Porta a Porta lo scorso 8 dicembre: sul videowall la mappa del percorso tra palestra e casa, in mano la stecca a indicare i punti caldi del giallo spremi audience. Seguito con dovizia di particolari anche dal concorrente Matrix (a Vinci l\'intervista del marocchino Fikri, prima sospettato e poi scagionato) e dai più specialistici Quarto Grado e Chi l\'ha visto.

YaraYara Gambirasio

Tra tante parole, inviati e commentatori accorati, chi sa la verità? Nessuno, e quindi tutti possono parlare. Anzi: devono. Perché l\'effetto choc collettivo ha i suoi lati positivi. Ieri pomeriggio, primo lunedì feriale dopo il ritrovamento del corpo, è stato il momento ideale per intercettare l\'emotività di casalinghe e pensionati: un gran bel bacino d\'opinione, più facilmente irretito dai dolori di Yara, Sarah e gemelline Schepp che dai complicati guai governativi. Anche l\'ennesimo soldato morto in Afghanistan scivola via senza nome davanti ai dettagli più lancinanti del cadavere in decomposizione a Chignolo d\'Isola.

Su Rai1 il postprandiale di Casa Perego subito un pugno nello stomaco, con l\'analisi psico-posturale delle braccia abbandonate sulla terra e l\'ipotesi trascinamento nel fango. \"Il mostro vive nella comunità\" lancia l\'allarme Paola, che poi sferra la trovata geniale: un minuto di silenzio per mamma Gambirasio.

YaraYara Gambirasio

Intanto su Pomeriggio 5, il programma di Barbara D\'Urso su Canale 5, il criminologo Vincenzo Mastronardi evoca l\'antico tema della setta satanica, Alessandra Mussolini rilancia la pena di morte e poi litiga con Alessandro Meluzzi sul parroco del paese (colpevole di aver nascosto l\'orco mantenendo il silenzio del confessionale).

BARBARABARBARA DURSO

Mentre a \'L\'Italia in Diretta\' Milo Infante s\'agita parecchio: \"Com\'è possibile che i cani molecolari non l\'abbiano trovata? Poi là si appartano le coppiette, nessuno l\'ha vista?\". Riecco puntuale Introcaso: \"Confermo, abbiamo trovato diversi reperti lasciati dalle coppiette\".

YaraYara Gambirasio

Andrea Acquarone, cronista del Giornale, va oltre: \"Qualcuno ha voluto non trovarla\". Caterina Collovati, esperta di calcio, rilancia: \"Le indagini dovevano essere più serie\". Ma scoppia generale la risata in studio, perché il cellulare di Acquarone continua a squillare tra un fraseggio e l\'altro, e lui non riesce a spegnerlo. Il bel Milo lo disinnesca al volo, e spiega: \"Se ci sono riuscito io, anche l\'assassino di Yara - che ha lasciato sul corpo la sim e la batteria del telefonino - non va ricercato tra i geni del male ma tra i comuni mortali. Applauso del pubblico.

2- «NO ALL\'ACCANIMENTO MEDIATICO» - INVITO DI MASI AI DIRETTORI RAI
La Stampa -
Evitare l\'accanimento mediatico sulla tragica vicenda di Yara Ganmbirasio nei programmi televisivi. È l\'invito che è arrivato dal direttore generale della Rai Mauro Masi ai direttori di rete. Masi avrebbe fatto riferimento al codice «Tv e minori», in particolare nei programmi in onda in fascia protetta, quella pomeridiana. Gli stessi programmi che ultimamente hanno avuto come unico tema casi di cronaca nera.

yarayara

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

“LETIZIA MORATTI? UNA RICCA SIGNORA, ANNOIATA E IN CERCA DI UNA POLTRONA, COSTRETTA A COMPORTARSI COME UNA QUALSIASI SCIACALLA – LICIA RONZULLI CHE TEME IL PREVISTO TONFO DI FORZA ITALIA ALLE REGIONALI LOMBARDE SIA L'INIZIO DELLA SUA FINE POLITICA E SPARA CANNONATE SU LADY MESTIZIA: “PROVO TRISTEZZA PER LA SIGNORA MORATTI. GALLINA CHE CANTA HA FATTO L'UOVO…” -  “KISS ME LICIA” SMENTISCE LA RICOSTRUZIONE DI “REPUBBLICA” SECONDO CUI BERLUSCONI AVREBBE PREFERITO APPOGGIARE LA CANDIDATA DEL TERZO POLO ALLE REGIONALI...

business

DARE LA CACCIA AI TRUFFATORI DELLA FINANZA È UN BUSINESS MILIARDARIO – CHI SONO E COME OPERANO I FONDI “ATTIVISTI” CHE STANNO FACENDO TREMARE LA FINANZA GLOBALE: LUNGHE E METICOLOSE INDAGINI PER SCOPRIRE LE MAGAGNE NEI CONTI DELLE AZIENDE, POI LE OPERAZIONI “SHORT” PER INVESTIRE SUI RIBASSI – AZIONI CONDOTTE NON TANTO PER LA GIUSTIZIA DEI MERCATI, QUANTO PER IL PROFITTO – IL CASO DEL PICCOLO FONDO HINDENBURG, DEL 37ENNE AMERICANO NATHAN ANDERSON, CHE È RIUSCITO AD AFFOSSARE GAUTAM ADANI, L'UOMO PIÙ RICCO D'ASIA…

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

IL MODELLO SANITARIO ITALIANO: CHI HA I SOLDI SI CURA SUBITO, GLI ALTRI ASPETTANO E SPERANO – SUPERATO IL COVID, INSIEME ALL’AUMENTO DELLE RICHIESTE DI VISITE ED ESAMI IN OSPEDALI PUBBLICI SONO AUMENTATI ANCHE I TEMPI DI ATTESA. RISPETTO AL 2019, LO SCORSO ANNO SONO STATI ESEGUITI 8,4 MILIONI DI CONTROLLI IN MENO – MI-JENA GABANELLI: “I SOLDI PER PAGARE PIÙ MEDICI CI SAREBBERO MA LE STRUTTURE PUBBLICHE NON RIESCONO A ORGANIZZARSI. MENTRE A QUELLE PRIVATE ACCREDITATE CONVIENE OFFRIRE PRESTAZIONI A PAGAMENTO…” – VIDEO