''CLINT NON HA MESSO LE COSE A POSTO, NON DA SOLO: '10 GIORNI SENZA MAMMA' HA INCASSATO LA BELLEZZA DI 2 MILIONI 133MILA EURO''. IL PRODUTTORE MAURIZIO TOTTI PRECISA CHE IL FILM CON LA MEDIA COPIA PIÙ ALTA È LA COMMEDIA ITALIANA E NON LA PELLICOLA DI EASTWOOD. ''SE CI HA DISTACCATO PER 67MILA EURO È SOLO IN VIRTÙ DELLE 49 COPIE IN PIÙ CHE I NOSTRI LUNGIMIRANTI ESERCENTI GLI HANNO ATTRIBUITO''

-

Condividi questo articolo

Marco Giusti per Dagospia

10 GIORNI SENZA MAMMA 10 GIORNI SENZA MAMMA

 

Polemica! Polemica! Non solo Clint e il suo mulo hanno salvato il cinema nel week ebd contro l'uragano Sanremo, ma anche Fabio De Luigi e il suo film per ragazzini "10 giorni senza mamma", che ha incassato la bellezza di 2 milioni 133 mila euro contro i 2 milioni 205 mila euro del film di Clint, "Il corriere -The Mule". Ricevo infatti dal produttore del film con Fabio De Luigi questa lettera che spiega un po' le cose:

 

 

Caro Marco , capisco la tua simpatia per Clint , è anche la mia , ma ti segnalo che non ha messo le cose a posto , ovvero non da solo.

Infatti osservando con un minimo di attenzione i numeri , scopriresti che il film con 390 euro in più a schermo é 10 giorni senza mamma e se ci ha distaccato di “ben 67 mila” euro é solo in virtù delle 49 copie in più che i nostri lungimiranti esercenti gli hanno attribuito .

 

Scusa se dopo tanti anni di conoscenza mi permetto di farti questa segnalazione.

Credimi  , nel  mio mestiere , avendo tra le altre difficoltà , lo strapotere delle Major americane è  veramente difficile mandarne una in “ buca” e non vederselo riconosciuto da un esperto quale sei tu mi fa leggermente irritare.

Spero che tu mi capisca.

A presto , con immutata stima e rispetto.

MAURIZIO TOTTI MAURIZIO TOTTI 10 GIORNI SENZA MAMMA 10 GIORNI SENZA MAMMA 10 GIORNI SENZA MAMMA 10 GIORNI SENZA MAMMA the mule 6 the mule 6

Maurizio Totti

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

LA LETTERA DI MELANIA RIZZOLI AI MALATI DI TUMORE AL CERVELLO: “NON FATEVI IMPRESSIONARE DALLA MORTE DI NADIA TOFFA, PERCHÉ LEI HA AVUTO UNO DI QUEI TIPI PER I QUALI NON CI SONO CURE CERTE E PER I QUALI LA SCIENZA E LA RICERCA STANNO LAVORANDO MOLTO. I SEGNI E I SINTOMI DELLA PRESENZA DI LESIONI OCCUPANTI SPAZIO NEL CRANIO SONO SIMILI, E RICONOSCERLI ALLO STADIO INIZIALE PUÒ MIGLIORARE LA PROBABILITÀ DI GUARIGIONE E DI SOPRAVVIVENZA, E QUANDO SI PRESENTA UNO DI QUESTI SINTOMI..."