BERLUSCONI E DE BENEDETTI UNITI NEI LICENZIAMENTI – SFORBICIATE IN GRANDE STILE PER LA MONDADORI (104 TRA PRE-PENSIONAMENTI ED ESUBERI VARI) - A “REPUBBLICA” SONO 84 ACCOMPAGNARE ALLA PORTA CON 16 ASSUNZIONI DI PRECARI) - A SEGRATE 10 GIORNI DI SCIOPERO…

Condividi questo articolo

1 - QUI SEGRATE
Ieri assemblea incadescente che ha prodotto alla fine un pacchetto di 10 giorni di sciopero. La Mondadori di Marina ha deciso 104 teste da eliminare: metà pre-pensionamenti metà ancora non si sa. Non solo: occorre aggiungere il ridimensionamento dell'organico della sede romana di via Sicilia.

2 - QUI REPUBBLICA
Gian Maria Pica per "Il Riformista"

MARINA BERLUSCONI AL BILLIONAIRE DI MONTE CARLOMARINA BERLUSCONI AL BILLIONAIRE DI MONTE CARLO

Tra gli ottantaquattro giornalisti coinvolti dal piano di ristrutturazione di Repubblica rientrerebbero alcune firme importanti: Pietro Veronese, Maurizio Ricci, Antonio Cianciullo, l'inviato a New York Alberto Flores d'Arcais, il corrispondente a Mosca Leonardo Coen, il corrispondente a Gerusalemme Alberto Stabile. Ma questi sono solo alcuni nomi tra i più "famosi" cronisti della testata romana. Poi, ci sarebbero altri tagli alla redazione sport e in quella politica.

MARINA BERLUSCONI AL BILLIONAIRE DI MONTE CARLOMARINA BERLUSCONI AL BILLIONAIRE DI MONTE CARLO

Ieri si è tenuta l'assemblea di redazione di Repubblica. «Un'assemblea molto movimentata, lunga e pesante» dice al Riformista un giornalista presente. Il cdr ha informato i redattori dei tagli previsti all'organico redazionale. Anche se il piano non è ufficiale, sembra siano in uscita ottantaquattro redattori che hanno superato i 58 anni d'età. Il mezzo è quello dei prepensionamenti e per chi non avesse raggiunto i trenta anni di contributi versati verranno proposti degli incentivi (5 anni a carico dello Stato e due dell'azienda).

Ottantaquattro prepensionamenti a fronte, però, di 16 nuove assunzioni: giornalisti che da anni collaborano con il quotidiano, ma che non sono mai stati regolarizzati. Ma nulla è ancora deciso. L'accesa assemblea - durata più di cinque ore - non ha prodotto alcun risultato ufficiale. Dice uno dei partecipanti al Riformista: «La redazione non ha avuto modo di votare per due motivi: mancava un testo ufficale con il piano; e l'accordo deve essere ancora perfezionato».

Monica MondardiniMonica Mondardini

Quindi, tutto è stato rimandato a oggi. La scorsa notte il cdr di Repubblica ha inviato a tutti i giornalisti il testo definitivo di accordo con i numeri dei prepensionamenti ufficiali: i redattori avranno tempo fino alle 19 di questa sera per dare il loro voto (favorevole o contrario) al piano.

Al via, quindi, il piano ristrutturazione del Gruppo Espresso (editore del quotidiano Repubblica) che ha presentato nell'ultimo bilancio approvato - quello relativo all'esercizio finanziario 2008 - perdite in fatturato (meno 6,6 per cento rispetto all'anno precedente), in diffusione e in pubblicità (meno 7,4 per cento).

DEBENEDETTI BERLUSCONIDEBENEDETTI BERLUSCONI

Il risparmio complessivo del piano sarà di 140 milioni di euro: i costi industriali subiranno un abbattimento del 22 per cento rispetto al 2008 «grazie alla soppressione - ha scritto in una nota il gruppo - delle iniziative di distribuzione scarsamente remunerative», mentre l'insieme degli altri costi (redazionali, commerciali e di gestione) daranno luogo a un risparmio di circa il 15 per cento.

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute