DEPARDIEU, UCRAINA ADIEU - L’ATTORE FILO-PUTIN FINISCE NELLA BLACK LIST DI KIEV: INGRESSO NEL PAESE VIETATO PER 5 ANNI - E IL DIVO FRANCESE SI FA RITRARRE A PASSEGGIO CON LUKASHENKO, L’ULTIMO DITTATORE D’EUROPA...

Depardieu -con altri 500 artisti stranieri- è stato accusato dal governo di Kiev di appoggiare la violazione dell’integrità territoriale e della sovranità del Paese da parte della Russia - Nell’agosto 2014 l’attore aveva dichiarato: «Amo la Russia e l’Ucraina, che fa parte della Russia»...

Condividi questo articolo

Da il “Corriere della Sera”

DEPARDIEU LUKASHENKO 1 DEPARDIEU LUKASHENKO 1

 

Adieu Ucraina. Secondo quanto dichiarato dal portavoce del servizio di sicurezza di Kiev (Sbu) Olena Guitlianska, a Gerard Depardieu è stato vietato l’ingresso nel Paese «per cinque anni su richiesta del Ministero della Cultura».

 

Monsieur Depardieu, da due anni in possesso del passaporto russo grazie alle dichiarazioni di amicizia e stima nei confronti del presidente Vladimir Putin, è stato inserito nella «black list» stilata dall’Ucraina in cui sono inseriti circa 500 artisti stranieri accusati dal governo di Kiev di appoggiare apertamente la violazione dell’integrità territoriale e della sovranità del Paese da parte della Russia.

DEPARDIEU LUKASHENKO DEPARDIEU LUKASHENKO

 

Nell’agosto 2014, quando infuriavano i combattimenti tra separatisti filo-russi e soldati ucraini, il divo francese aveva sfidato la sovranità dell’Ucraina, dichiarando: «Amo la Russia e l’Ucraina, che fa parte della Russia».

 

DEPARDIEU PUTIN LUKASHENKO DEPARDIEU PUTIN LUKASHENKO

Un mese dopo aveva rincarato la dose prendendo le difese del Paese e dicendosi «molto orgoglioso» che la Serbia avesse rifiutato di applicare le sanzioni europee contro Mosca per il suo ruolo nel conflitto ucraino. Ieri, intanto, Depardieu si è fatto riprendere a passeggio nelle campagne bielorusse al fianco di Aleksander Lukashenko, descritto come l’ultimo dittatore d’Europa. (R. S. ) 

gerard depardieu e sepp blatter gerard depardieu e sepp blatter

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

GIRO DI WALTER (SABATINI) – “CON MIHAJLOVIC VOLEVO SFIDARE IL MONDO, FRENEREMO UN PO' MA LUI CE LA FARÀ. SAPER SCONFIGGERE GLI EVENTI TRAUMATICI SARÀ LA NOSTRA FORZA. È LA MIA STORIA E SARÀ ANCORA QUELLA DI SINISA – LA JUVE SARÀ ANCORA LA NUMERO 1? IN EUROPA, DA SUBITO - LA ROMA SENZA TOTTI E DE ROSSI? È COME SE A ROMA TOGLIESSERO IL CENTRO STORICO. MA I GIOCATORI PASSANO. LA ROMA SENZA PRESIDENTE È IMPERDONABILE. SE AVESSI ICARDI? TROVEREI UN FIDANZATO A WANDA…" - ECCO CHI PRENDEREI A BOLOGNA SE AVESSI TANTI SOLDI

cafonal

viaggi

salute