“CHIEDO SCUSA, NON SONO SESSISTA” – PARLA SERGIO VESSICCHIO, IL TELECRONISTA CAMPANO DI AGROPOLI-SANT'ANGELLO, LICENZIATO DA UNA DELLE TV CON CUI LAVORAVA E SOSPESO DALL’ORDINE DEI GIORNALISTI, DOPO AVER DETTO: “E’ UNO SCHIFO VEDERE GUARDALINEE DONNA” - "A FARE SCHIFO" È ANCHE LA FEDERAZIONE: "PERCHÉ UNA DONNA NON ARBITRA A LIVELLO NAZIONALE? LA PRIMA DISCRIMINAZIONE LA FANNO LORO". ALL’EX INTERISTA RONALDO AVEVA DETTA CHE ERA “UN CHIATTONE” E CHE ANDAVA “A TRANS” - VIDEO

-

Condividi questo articolo

 

Giuseppe Candela per www.ilfattoquotidiano.it

 

 

sergio vessicchio sergio vessicchio

 “Ho chiesto e chiedo scusa, non sono sessista. Alle donne affiderei il mondo intero, gli arbitri donna sono migliori degli uomini”, Sergio Vessicchio parla per la prima volta al FqMagazine. Il telecronista di CanaleCinqueTv è finito al centro di un caso mediatico dopo le parole pronunciate durante la partita di Eccellenza tra Agropoli e Sant’Angello: “Prego la regia di seguire l’assistente donna – aveva detto durante la telecronaca, prima ancora che la gara iniziasse – è una cosa inguardabile.

 

E’ uno schifo vedere le donne che vengono a fare gli arbitri in un campionato dove le società spendono centinaia di migliaia di euro ed è una barzelletta della Federazione questa. Eccola, Annalisa Moccia di Nola, una cosa impresentabile per un campo di calcio”. Frasi che, spiega, devono essere interpretate al contrario di quello che tutti hanno capito: “E’ uno schifo quello che si verifica, finiscono nel mirino tra offese, insulti, battutine e ingiurie”. Nel frattempo però TeleColore, una delle tv per cui lavorava, l’ha licenziato.

campionato di eccellenza guardalinee donna campionato di eccellenza guardalinee donna

 

 

L’Ordine dei Giornalisti della Campania l’ha sospesa immediatamente.

Immagino per un atto dovuto, sono finito in un tritacarne nelle ultime ore. Mi hanno messo in bocca parole che non ho mai detto.

 

Il filmato sembra chiaro e la voce è la sua.

Ho sbagliato ma non era quella la mia intenzione, per questo mi scuso. Volevo dire che nel Cilento e in Campania le arbitre donne vengono vessate. E’ uno schifo quello che si verifica, finiscono nel mirino tra offese, insulti, battutine e ingiurie dal momento in cui arrivano sul campo di calcio.

 

Mi sta dicendo che la sua voleva essere una denuncia a loro favore?

La guardalinee in questione è stata la migliore ieri. Il discorso andrebbe ampliato: perché la partita femminile di ieri Juventus-Fiorentina non l’hanno fatta arbitrare a una donna? Perché una donna non arbitra a livello nazionale? La prima discriminazione la fanno loro, non le fanno arrivare ai vertici. Se lei viene in Cilento si accorgerà di dove si spogliano e dell’assenza di strutture adatte.

 

nicchi foto mezzelani gmt nicchi foto mezzelani gmt

 

Il presidente dell’Aia Marcello Nicchi si è detto sconcertato e ha annunciato che procederà per vie legali.

Alla Federazione non chiedo scusa, per me Nicchi si dovrebbe dimettere. Gravina (presidente della Figc, ndr) dovrebbe prendere una posizione. Gli uomini non devono arbitrare le donne e le donne non devono arbitrare gli uomini.

 

Come ha reagito la sua emittente, CanaleCinqueTv, che ha trasmesso la discussa telecronaca?

Ha stigmatizzato le mie parole mentre Telecolore, altra tv con cui collaboro da dodici anni, mi ha licenziato questa mattina. Ho ricevuto molti insulti, stanno tutti strumentalizzando le mie parole. Non è una questione di sessismo o di razzismo, ho scritto un libro sull’integrazione tunisina ad Agropoli. Ho una sensibilità enorme, ho detto quelle cose perché l’Agropoli viene vessato da due anni circa da arbitri maschi. La Federazione è uno schifo.

 

 

Lo scorso anno era finito nel mirino per una frase sull’ex interista Luis Nazario Ronaldo: “Un cesso che va a trans”.

Una frase piuttosto dura. E’ vero sono un pochino duretto, voi del Fatto Quotidiano siete insegnanti su questo. O mi sbaglio?

RONALDO IULIANO JUVE INTER 1998 RONALDO IULIANO JUVE INTER 1998

 

Si sbaglia, qui parliamo di insulti.

A Ronaldo avevo detto soltanto che era un chiattone che va a trans.

 

Di Federico Ruffo, giornalista di Report, ha detto che è un comunista e in quanto tale non credibile, riferendosi all’inchiesta sulla Juventus.

Confermo, ha fatto deragliare una inchiesta che poteva portare lontano indirizzandola verso la Juventus. Il problema delle curve è un problema che riguarda tutti.

 

Nella sua foto profilo su Twitter compare dietro Luciano Moggi, lei è un tifoso bianconero?

Sì.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute