“A MORETTI, MA VAFFA…” - LINA WERTMÜLLER RACCONTA QUELLA VOLTA A BERLINO CON NANNI: “FU UN CAFONE”. ECCO PERCHE’ - LA REGISTA 90ENNE SARÀ CELEBRATA A CANNES CON ‘PASQUALINO SETTEBELLEZZE’: “DEI PREMI NON ME NE FREGA, PREFERISCO MI DICANO CHE SONO SIMPATICA. RIFIUTAI SOLDI A HOLLYWOOD, POI PIANSI - IL MORSO A DE CRESCENZO? FUI VOLGARE. LUI ERA UNO DI QUELLI CHE RECITAVANO CON IL DITO. LO AVVISAI: SAI DOVE TE LO DOVRESTI METTERE? SONO STATA CAMPIONESSA ROMANA DI BOOGIE WOOGIE, IN COPPIA CON SERGIO CORBUCCI. BALLAVO MOLTO BENE…” – VIDEO

-

Condividi questo articolo

 

Stefania Ulivi per il “Corriere della sera”

 

mariangela melato lina wertmuller giancarlo giannini mariangela melato lina wertmuller giancarlo giannini

A come allegria, la sua parola preferita. Z come Rita la zanzara ,grazie a cui incontrò Giancarlo Giannini (faceva il professore di musica della Pavone) destinato a diventare un suo alter ego cinematografico. Il vocabolario di Lina Wertmüller, 90 anni compiuti in agosto, è un mondo popoloso e appassionante. Lei che con le parole ci ha sempre giocato (sceneggiatrice, autrice per il teatro, scrittrice, paroliera) inventandosi quei titoli chilometrici fonte di gioia e disperazione per pubblico e critica. Il 22 maggio sarà a Cannes, per l' omaggio che il festival le riserva con la versione restaurata dalla Csc-Cineteca nazionale di Pasqualino Settebellezze .

 

ENRICO JOB LINA WERTMULLER ENRICO JOB LINA WERTMULLER

«Di premi e festeggiamenti non me ne frega molto, preferisco mi dicano che sono simpatica. Ma certo questo omaggio di Cannes mi rende felice», commenta dal salotto della sua casa, a un passo da piazza del Popolo. Su una parete il ritratto in bianco e nero, magnifico, di suo marito Enrico Job («un uomo straordinario che mi ha reso molto felice: intelligente, bello, spiritoso. Per lui scrissi Mi sei scoppiato dentro al cuore che cantò Mina»). Risate, sigarette, curiosità, tenerezze verso la figlia Maria che l' accompagnerà a Cannes («Sono io che insisto») e Valerio Ruiz, autore del doc Dietro gli occhiali bianchi , da sempre il suo marchio.

pasqualino settebellezze lina wertmuller pasqualino settebellezze lina wertmuller

 

Ci sarà Giannini?

«Lo spero. Un amico, abbiamo vissuto vite insieme».

«Pasqualino Settebellezze» mostra il lato grottesco del nazismo, con quel personaggio della kapò.

«Un incrocio tra Buddha e Winston Churchill. Scelsi un' attrice, Shirley Stoler, che vidi in un film, I killers della luna di miele . Andai a New York a cercarla, in un teatrino off Broadway. Il grottesco aiuta a guardare anche le cose più atroci. Deformando la realtà è più facile farmi capire».

Fu candidato agli Oscar, regia compresa, la prima volta di una donna.

lina wertmuller lina wertmuller

«Merito di un critico cattivissimo, John Simon del New York Magazine , che già aveva apprezzato Storia d' amore e d' anarchia . Venne a Roma a incontrarmi e scrisse un articolo molto bello. Poi alla prima di New York mi chiesero di fare un discorso ma parlavo male l' inglese. Avevo una bella cintura fatta con un calamaio, chiesi come si dicesse cintura. "Do you like my belt?" esordii. Venne giù la sala».

 

LINA WERTMULLER CON SOPHIA LOREN IN SABATO DOMENICA E LUNEDI LINA WERTMULLER CON SOPHIA LOREN IN SABATO DOMENICA E LUNEDI

Con i produttori di Hollywood andò peggio, vero?

«All' inizio tutti mi volevano, feci un contratto con la Warner Bros per quattro film.

Il primo, Fine del mondo nel nostro solito letto in una notte piena di pioggia con Giannini e Candice Bergen non andò bene. Mi cercò il proprietario di Penthouse per propormi il Caligola scritto da Gore Vidal, che poi fece, male, Tinto Brass. Rifiutai. All' inizio mi sentivo eroica, poi in taxi mi vennero le lacrime agli occhi. Che cretina, rinunciare a tutti quei soldi».

 

lina wertmuller e jean marc lina wertmuller e jean marc

Rimpianti?

«Nessuno. Meglio l' Italia dell' America. Non c' è gara».

 

C' è Agnès Varda sul manifesto di Cannes '72. Lei è stata tra le pioniere anche lì, in concorso nel '73 con «Film d' amore e d' anarchia» per cui Giannini fu premiato.

«Noi ragazze eh... Sul set bisogna avere la forza di imporsi. Dirigere vuol dire tenere in mano le fila di tutto».

 

È una leggenda che menasse?

neri parenti tognazzi wertmuller boldi neri parenti tognazzi wertmuller boldi

«Vero, vero. De Crescenzo era uno di quelli che recitavano con il dito. Lo avvisai: guarda che te lo mozzico. Poi con una certa volgarità gli dissi: sai dove te lo dovresti mettere? Niente. E lo morsi».

 

Cambiato idea su Moretti?

«No. Fu cafone. Mi aveva preso in giro in Io sono un autarchico. Quando lo incontrai a Berlino, sul red carpet, mi avvicinai per stringergli la mano e riderci su. Lui se ne andò. E allora gli dissi: A Moretti, ma vaffa... Perché con il ma davanti vale di più».

 

SOPHIA LOREN E LUCIANO DE CRESCENZO SUL SET DI SABATO, DOMENICA E LUNEDI' DI LINA WERTMULLER SOPHIA LOREN E LUCIANO DE CRESCENZO SUL SET DI SABATO, DOMENICA E LUNEDI' DI LINA WERTMULLER

Fellini e i musicarelli. Canzonissima di cui fu autrice e le regie liriche. «I Basilischi» e «Giamburrasca». Le sceneggiature per Zeffirelli e per Sollima. Tutto si tiene con lei.

«Libertà assoluta, non credo nei generi. La gioia di vivere è la cosa più importante. Le regole? Vanno tradite. Però c' è una cosa che non sa di me».

Cosa?

«Sono stata campionessa romana di boogie woogie, in coppia con Sergio Corbucci.

Ballavo molto bene, mi divertivo. Lei balla?».

A volte. Niente gare, però.

wertmuller giannini wertmuller giannini wertmuller wertmuller lina wertmuller (2) lina wertmuller (2) pasqualino settebellezze pasqualino settebellezze lina wertmuller lina wertmuller lina wertmuller lina wertmuller LINA WERTMULLER LINA WERTMULLER LINA WERTMULLER CON GIANNINI E MELATO LINA WERTMULLER CON GIANNINI E MELATO nanni moretti su wertmuller in sono un autarchico nanni moretti su wertmuller in sono un autarchico nanni moretti su wertmuller in sono un autarchico nanni moretti su wertmuller in sono un autarchico wertmuller giancarlo giannini mariangela melato wertmuller giancarlo giannini mariangela melato travolti da un insolito destino travolti da un insolito destino wertmuller super letta foto mezzelani gmt 029 wertmuller super letta foto mezzelani gmt 029 wertmuller sul set wertmuller sul set

«Mai dire mai».

lina wertmuller foto lapresse lina wertmuller foto lapresse wertmuller foto di bacco wertmuller foto di bacco mariangela melato film d amore e d anarchia mariangela melato film d amore e d anarchia mariangela melato mimi metallurgico mariangela melato mimi metallurgico pasqualino settebellezze pasqualino settebellezze

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

BEVI E GODI CON CRISTIANA LAURO - GIANFRANCO VISSANI SARA PAZZARIELLO QUANTO VI PARE, MA QUANDO SI METTE AI FORNELLI RESTA QUEL GRANDE CHEF CHE È SEMPRE STATO. ALLA FACCIA DEI FRANCESI CHE TRATTANO UNO DEI MONUMENTI DELLA TAVOLA ITALIANA (CASA VISSANI A BASCHI, TERNI) COME SE FOSSE UN BISTROT - AL GALA DINNER PER LA NUOVA GUIDA BIBENDA DELLA FONDAZIONE ITALIANA SOMMELIER DI FRANCO RICCI, VISSANI HA TIRATO FUORI SENSIBILITA E CORAGGIO, E UN RISOTTO IMPECCABILE PER OLTRE MILLE PERSONE

salute