“LINKIESTA” NON TROVA UN DIRETTORE, E IL SITO SI FERMA - L’EDITORE (DIFFUSO) DEL GIORNALE ONLINE IN DUE MESI NON È RIUSCITO A NOMINARE UN SOSTITUTO DI MARCO ALFIERI: TEMONO L’INSTABILITÀ FINANZIARIA

La redazione fa una specie di “resistenza passiva a oltranza”: il lavoro fino a ieri proseguiva come se nulla fosse. Ma da oggi, senza un direttore responsabile, non può più pubblicare contenuti. E il sito si è fermato - Nata nel 2011, la testata ha cambiato 2 direttori e non ha mai raggiunto la sostenibilità economica...

Condividi questo articolo


1. NESSUNO VUOLE FARE IL DIRETTORE DE “LINKIESTA”

Riceviamo e pubblichiamo:

 

logo LINKIESTA logo LINKIESTA

La potremmo chiamare resistenza passiva a oltranza. Linkiesta non ha più un direttore responsabile perché sono scaduti i termini di preavviso del direttore Marco Alfieri, dimessosi il 17 luglio. Eppure il lavoro in redazione prosegue come se nulla fosse, tra l'incertezza generale.

 

MARCO ALFIERI MARCO ALFIERI

Dopo due mesi l'editore non ha trovato un sostituto, in molti infatti si sono tirati indietro preoccupati per l'instabilità economica del progetto.

 

Tra gli ultimi nomi in lista per la funesta eredità di Alfieri c'è un cronista di un importante quotidiano finanziario. Che si chiede se gli convenga abbandonare un solido contratto per approdare nelle ben più insicure acque de Linkiesta...

 

 

2. PERCHÉ LINKIESTA HA SOSPESO GLI AGGIORNAMENTI DEL SITO?

Gianluca Dotti per www.wired.it

 

Come la redazione del giornale ha comunicato con un post, l’editore de Linkiesta ha temporaneamente interrotto le pubblicazioni e gli aggiornamenti del sito. Il motivo della sospensione è la necessità di nominare un “nuovo direttore pro-tempore”, dopo la fine dell’incarico del dimissionario Marco Alfieri. Gli aggiornamenti del sito, è scritto, dovrebbero riprendere al più presto.

jacopo tondelli jacopo tondelli

 

L’idea de Linkiesta era nata nell’autunno del 2008, e la società Linkiesta.it spa è stata fondata circa due anni più tardi, nell’autunno 2010. Il giornale digitale Linkiesta.it, comparso online per la prima volta il 31 gennaio 2011, rappresenta il primo caso nel nostro Paese di una società editoriale con un azionariato diffuso. Dal 27 febbraio 2013 il giornale è stato diretto da Marco Alfieri, e fino a oggi il sito conta ogni mese oltre un milione di visitatori unici.

 

Alessandro Profumo Alessandro Profumo

A luglio era invece arrivato un annuncio nel quale si spiegava che gli aggiornamenti del sito erano temporaneamente interrotti (per il 18 dello stesso mese) per protesta davanti al rifiuto, da parte dell’azienda, di versare ai dipendenti la metà dello stipendio relativo al mese di giugno, che era ancora in sospeso.

 

3. IL MESSAGGIO SUL SITO DE “LINKIESTA”

 

Cari Lettori,

A integrazione della nota pubblicata questa‎ mattina (che trovate di seguito), si precisa che il mancato aggiornamento del sito de Linkiesta.it dipende dalla necessità di procedere alla nomina del nuovo direttore pro-tempore. Il giornale tornerà a essere aggiornato quanto prima. Ci scusiamo ancora per l'inconveniente e vi ringraziamo per la pazienza.

L'Editore

 

Cari lettori, oggi il sito de Linkiesta.it non sarà aggiornato.  Ci spiace per l’inconveniente. Riprenderemo gli aggiornamenti quanto prima.

L'Editore

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

BOLLETTINIAMOCI! – OGGI 3.882 NUOVI CASI E 39 DECESSI, CON 487.218 TAMPONI EFFETTUATI E IL TASSO DI POSITIVITÀ CHE RIMANE STABILE ALLO 0,8% - LE DOSI DI VACCINO SOMMINISTRATE SONO OLTRE 88,3 MILIONI, CON PIÙ DI 44,2 MILIONI DI CITTADINI CHE HANNO COMPLETATO IL CICLO VACCINALE (81,84% DELLA POPOLAZIONE OVER 12) – BRUSAFERRO DELL’ISS: “IN ITALIA NON C'È UNA RISALITA DELLA POSITIVITÀ COME IN ALTRI PAESI UE. LA MORTALITÀ MOSTRA UN LIEVE AUMENTO ANCHE SE SI PARLA DI NUMERI LIMITATI”