NEL MONDO VINCE L’HORROR ‘A QUIET PLACE’, MA DA NOI È SUPERPRIMO IL CAFONISSIMO ‘ESCOBAR’ CON JAVIER BARDEM SOVRAPPESO (1 MLN). SEGNO CHE CI PIACCIONO I CATTIVI. E ALLORA DOVREBBE ANDAR BENE ANCHE “LORO 1” DI PAOLO SORRENTINO, CHE USCIRÀ DOMANI IN TUTTA ITALIA, DEDICATO A BERLUSCONI, CHE AFFRONTERÀ IN SFIDA APERTA IL 25 APRILE GLI AVENGERS

-

Condividi questo articolo

 

Marco Giusti per Dagospia

ESCOBAR - IL FASCINO DEL MALE .jpg ESCOBAR - IL FASCINO DEL MALE .jpg

 

Incassi del 22 aprile 2018.

 

In tutto il mondo torna alla vittoria A Quiet Place, 22 milioni di dollari in America per un totale di 132, l’ottimo film di fantascienza di John Krasinski dove gli alieni te si magnano se fai un rumorino, ma da noi è superprimo il cafonissimo Escobar – Il fascino del male con la coppia Javier Bardem – Penelope Cruz, 956 mila euro. Segno che ci piacciono i cattivi. E allora dovrebbe andar bene anche Loro 1 di Paolo Sorrentino, che uscirà domani in tutta Italia, dedicato al nostro ex premier Silvio Berlusconi, che affronterà in sfida aperta il 25 aprile tutti gli Avengers di Avengers: Infinity War.

ESCOBAR - IL FASCINO DEL MALE ESCOBAR - IL FASCINO DEL MALE

 

Preparandoci a questo scontro epico, Silvio contro gli Avengers, dopo che Koulibaly ha infilzato Buffon riaprendo il campionato, vi dico che da noi, dietro al trionfo del baffuto Escobar di un Javier Bardem sovrappeso, troviamo Rampage con 477 mila euro e un totale di quasi 2 milioni di euro, seguito da Io sono Tempesta di Daniele Luchetti con 288 mila euro e un totale di 1,2 milioni. Il tuttofare di Valerio Attanasio con Sergio Castellitto si ferma invece a 189 mila euro nella sua prima settimana.

 

Pochino, purtroppo, ma farlo uscire dopo un film simile, Io sono Tempesta, non è stata una grande idea. L’ottimo horror Ghost Stories con Martin Freeman ha incassato anche meno, 185 mila euro. Per non parlare di due notevoli film francesi, come L’amore secondo Isabelle di Claire Denis, 60 mila euro, e Doppio amore di François Ozon, 31 mila euro. Il mio nome è Thomas, commovente, ingenuo ritorno alle scene western di Terence Hill, con tanto di dedica finale al vecchio socio Bud Spencer (“Al mio amico Bud”), malgrado le tante ospitate in tv, arriva a 37 mila euro.

ESCOBAR - IL FASCINO DEL MALE ESCOBAR - IL FASCINO DEL MALE

 

In America, insomma, aspettando Avengers: Infinity War dei fratelli Russo, si fa spazio A Quiet Place di John Krasinski e vince il week end con 22 milioni di dollari per un totale di 132 e un totale globale di 207 milioni. Bellissimo risultato che premia un film inventivo e intelligente benissimo interpretato dallo stesso regista e dalla moglie Emily Blunt, girato con un budget da 17 milioni, che per gli americani sono noccioline. Se non lo avete visto, recuperatelo. Al secondo posto troviamo il pelatone Dwayne Johnson e il suo Rampage – Furia animale con 21 milioni, un totale americano di 66 milioni e globale di 283.

DWAYNE JOHNSON RAMPAGE DWAYNE JOHNSON RAMPAGE

 

Il film non è un capolavoro, ma si vede con piacere grazie a The Rock. Al terzo posto I Feel Pretty diretto da Abby Kohn e Marc Silverstein con la comica sovrappeso Amy Schuler, 16 milioni con un budget di 32, stroncatissimo dalla critica. Ancora più stroncato Super Snooper 2, comicarolo demenziale di e con Jay Chandrasekhar, 14,7 milioni con un budget di 13 milioni.

 

Tra i nuovi film della settimana in America possiamo ricordare Traffik con Omar Epps e Laz Alonso, 3,8 milioni, l’indiano Bharat Ane Nenu, 2,8 milioni. Il mio Godard di Michel Hazanavicius esce con un anno di ritardo e raccatta in 4 sale 12 mila dollari. Ahi! Ghost Stories, 12 mila dollari con una sala. Il notevolissimo documentario The Devil and Father Amorth di William Friedkin, 10 mila dollari in 8 sale.

RAMPAGE – FURIA ANIMALE RAMPAGE – FURIA ANIMALE RAMPAGE – FURIA ANIMALE RAMPAGE – FURIA ANIMALE A QUIET PLACE A QUIET PLACE A QUIET PLACE A QUIET PLACE A QUIET PLACE A QUIET PLACE RAMPAGE – FURIA ANIMALE RAMPAGE – FURIA ANIMALE

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

“QUALCOSA HA IMPEDITO LA RIEDIZIONE DEL GOVERNO M5S-LEGA CON DI MAIO PREMIER” - NEL LIBRO “LADRI DI DEMOCRAZIA”, PAOLO BECCHI E GIUSEPPE PALMA SVELANO I RETROSCENA DELLA CRISI BALNEARE: “DOMENICA 25 AGOSTO SALVINI CHIAMA MATTARELLA PER  PROPORRE DI MAIO PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. SE IL PRESIDENTE ABBIA INFORMATO DI MAIO NON LO SAPPIAMO. COSÌ COME NON SAPPIAMO SE ABBIA CHIAMATO ZINGARETTI O QUALCUNO VICINO AL SEGRETARIO DEM. FATTO STA CHE IL GIORNO DOPO IL PD APRE D'IMPROVVISO AL M5S SUL NOME DI CONTE COME PRESIDENTE DEL CONSIGLIO…”

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute