È MORTO GIGI ZAZZERI – AVEVA 69 ANNI E CON I SUOI ARTICOLI E LE SUE BATTAGLIE HA LASCIATO TRACCE DAPPERTUTTO: NEI GIORNALI, NELLE TELEVISIONI, NEI PORTALI WEB – I COCKTAIL, LE SIGARETTE, LA SPIDER GIAPPONESE E IL MITICO ARTICOLO SULLE "SCIURE" CHE ANDAVANO A VEDERE LUCIO DALLA SOLO PER ESIBIRE LORO STESSE

-

Condividi questo articolo

1 – IL GIORNALISTA CHE CREDEVA ALLE LOTTE CIVILI

Francesco Cevasco per il “Corriere della Sera”

 

GIGI ZAZZERI GIGI ZAZZERI

Troppo giovane per morire, Gigi Zazzeri se n' è andato. Aveva sessantanove anni. Ha lasciato tracce dappertutto. Nei giornali di carta, nelle televisioni, nei portali web. Aveva un solo difetto: lavorava, lavorava, lavorava. E di far carriera gliene importava poco o nulla. Infatti lo hanno amato tutti: al Corriere , alla Stampa , a Repubblica , all' Europeo , a Mediaset e in mille posti ancora. Sapeva organizzare un' inchiesta sul Libano che stava esplodendo come una comparsata della sosia di Belen a una trasmissione televisiva.

 

Ma la cosa che gli riusciva meglio era scrivere: infatti gliel' hanno fatto fare pochissimo. Resta mitico un suo articolo (era il 1986) in cui canzonava i sciuri e le sciure che andavano al concerto di Lucio Dalla soltanto per esibire se stessi. Sapeva anche, con discrezione, occuparsi di chi era in difficoltà. Ma gli piaceva pure esibire la sua spider giapponese, il vecchio flipper restaurato all' ingresso della casa che condivideva con la compagna Valentina Crepax, la sua abilità a confezionare cocktail (sul tema ha scritto anche un libro).

GIGI ZAZZERI GIGI ZAZZERI

 

E amava le giuste cause di oggi e di ieri: nipote di quel Guelfo Zamboni, console generale d' Italia nella Grecia occupata dai nazisti che salvò centinaia di ebrei, Zazzeri era sempre pronto a partecipare a ogni sensata battaglia civile. E lo faceva con forza ma anche con l' understatement che ha segnato tutta la sua vita. Era talmente signore che faceva passare quasi inosservati i calzini e i gilet rossi che spesso indossava. E gli si perdonava tutto: persino l' acre odore delle sigarette Winston che gli facevano molta compagnia.

 

2 – ATTENZIONE, ARRIVA LUCIO DALLA, CANTAUTORE PER TUTTE LE STAGIONI

Estratto dall’articolo di Gigi Zazzeri per “la Repubblica” del 17 maggio 1986

 

LUCIO DALLA LUCIO DALLA

Liceali in blues jeans, camiciole e scarpe Nike, e quarantenni professionisti fasciati di grisaglia; giovin signori con magliettine più costose di una camicia su misura e famigliole con prole; tardi epigoni dei movimenti alternativi e bionde signore tutte mèche: un panorama estremamente variegato di persone, in gran parte under 40, ma punteggiato qua e là da barbe incanutite e fronti un po' troppo spaziose. Insomma, una platea eterogenea per età, censo, stile di vita, inchiodata per due ore e mezza sulle sedie che, contrariamente ad altre occasioni, coprivano interamente il parterre del Tenda per garantire a tutti, soprattutto al pubblico meno giovane, un adeguato comfort.

 

Condividi questo articolo

media e tv

“QUANDO FAI UNA SCENA DI SESSO IN UN FILM NON SENTI UN CAZZO…” - PASSIONI E DELIRIO DI ALESSANDRO HABER: “DOPO IL ‘ME TOO’ NON SI PUÒ PIÙ FARE LA CORTE A UNA DONNA. CHI VEDE SESSISMO OVUNQUE È RIDICOLO, HA PROBLEMI SERI - UNA DONNA CHE MI HA SEGNATO È STATA GIULIANA DE SIO: SIAMO STATI INSIEME 3 ANNI, IO AVEVO 29 ANNI, LEI 19, POI SI È ROTTO QUALCOSA - UNA VOLTA A MIA MAMMA DOMANDAI: ‘MA TU E PAPÀ LE FATE... QUELLE COSETTE LÌ?’. E LEI…” - VIDEO SCAZZO CON VERDONE

politica

business

cronache

sport

“NON LA VIVO COME UNA BATTAGLIA” - VIALLI TIRA FUORI GLI OCCHI DELLA TIGRE E RACCONTA COME STA AFFRONTANDO IL TUMORE. “NON E' UNA LOTTA. NON PUOI LOTTARE CONTRO UNA COSA CHE È PIÙ FORTE DI TE. LO VIVO COME UN VIAGGIO IN COMPAGNIA DI UN OSPITE INDESIDERATO, CHE PRIMA O POI SI STUFERÀ DI ME E SE NE ANDRÀ" – L'EX BOMBER TORNERA’ IN NAZIONALE COME CAPODELEGAZIONE, BARTOLETTI: "UN COMBATTENTE. L'AZZURRO (ACCANTO AL MANCIO) GLI FARÀ BENE" – LA FOTO CHE PREOCCUPA I TIFOSI

cafonal

viaggi

salute