PASSATA LA FESTA, ABBADO LO SANTO – CINQUE ANNI FA MORIVA IL GRANDE DIRETTORE D'ORCHESTRA. DUE MOSTRE LO RICORDANO A BERLINO E FERRARA – MATTIOLI: “RETORICO SAREBBE ANCHE DIRE CHE CI MANCA. PERÒ È VERO. ANZI, È UNO DEI RARI CASI IN CUI IL VUOTO È DAVVERO INCOLMABILE, IL RIMPIANTO SEMPRE VIVO, LA COMMOZIONE ANCORA PALPABILE”

-

Condividi questo articolo

Alberto Mattioli per “la Stampa”

 

claudio abbado 4 claudio abbado 4

Già cinque anni. Claudio Abbado morì il 20 gennaio 2014, nella sua casa di Bologna. L' abbiamo amato in tanti, molti di più di quanti si potrebbe immaginare per un personaggio così schivo, divo antidivo, quasi un retore dell' antiretorica.

 

Lo testimoniò, nei giorni seguenti, la sorpresa per le lunghe file davanti alla chiesa dove l' avevano esposto, ministri e gente comune, i fedelissimi e i curiosi, i musicisti delle sue orchestre e gli «abbadiani itineranti» arrivati alla fine del viaggio. E la folla composta e commossa davanti alla Scala, tutta la piazza piena e silenziosa mentre dentro, nella sala vuota, Daniel Barenboim dirigeva la Marcia funebre dell' Eroica , l' ultimo omaggio che il teatro tributa ai direttori.

FUNERALI DI ABBADO FOTO LAPRESSE FUNERALI DI ABBADO FOTO LAPRESSE

 

Vuoto incolmabile

Retorico sarebbe anche dire che Abbado ci manca. Però è vero. Anzi, è uno dei rari casi in cui il vuoto è davvero incolmabile, il rimpianto sempre vivo, la commozione ancora palpabile. Le commemorazioni saranno sobrie com' era lui. Aprono due mostre, una alla Filarmonica di Berlino e l' altra al Comunale di Ferrara, oggi Teatro Abbado, con le foto del Viaggio a Reims , uno dei suoi spettacoli mitici, l' opera di Rossini perduta e ritrovata e ripresa infinite volte a Pesaro, alla Scala, a Vienna, a Tokyo, a Ferrara, a Berlino, a casa di Dio, ogni volta scintillante e spiazzante, come se Rossini avesse appena finito di scriverla, e per noi. Il concerto ufficiale si terrà il 20 a Bologna, per raccogliere fondi per l' associazione Mozart14 che porta avanti i suoi progetti «sociali», la musicoterapia nei reparti pediatrici e il coro dei carcerati, dirige Ezio Bosso.

claudio abbado giovane 3 claudio abbado giovane 3

 

Ma in realtà non c' è bisogno dell' anniversario per provare nostalgia per Abbado. In questi cinque anni sono state trafitture improvvise, flash della memoria, madeleine sonore. Capita di accendere Rai 5 e di vederlo proprio a Ferrara mentre dirige il Finale primo del Così fan tutte , illuminandosi in un sorriso bellissimo mentre Daniela Mazzucato fa Despina travestita da Dottore: era l' unico, dei direttori di mia conoscenza, in grado di dare un attacco con un sorriso, come si vede nel video dell' ultima incredibile Eroica di Lucerna.

claudio abbado giovane 1 claudio abbado giovane 1

 

I ricordi ti aggrediscono a tradimento. Per esempio, l' ultima volta che lo si è visto, 14 aprile 2014 alla Salle Pleyel di Parigi con Martha Argerich. Nel Largo nel Primo concerto di Beethoven mi capitò d' incrociare lo sguardo con lo sconosciuto vicino di posto e di scoprire che non ero l' unico a piangere. All' ultimo accordo del Rondò, Martha si alzò di scatto e andò dritta ad abbracciare Claudio sbalordito sul podio, e la sala esplose. Le Monde, il giorno dopo: «Miracolosa, una di quelle serate di cui ci si ricorda a lungo», infatti.

claudio abbado 3 claudio abbado 3

 

Beethoven il più eseguito Ma se Abbado oggi ci manca più che mai è per la sua curiosità. Per la musica nuova, certo, che ha sempre difeso. Ma anche per quella vecchia, perché ogni volta che Abbado dirigeva una partitura, nuova lo diventava. Helmut Failoni ha calcolato la hit parade dei più eseguiti: 712 volte Beethoven, 623 Mozart, 449 Mahler, 398 Brahms, 309 Schubert, 223 Verdi e così via. Bene: per Abbado, il settecentododicesimo Beethoven era come il primo.

 

claudio abbado 6 claudio abbado 6

Per lui fare musica non era ribadire certezze, ma esplorare, ripensare, inventare, il gioco perenne della fantasia e del rigore. Non si sentiva il depositario della verità, ma di una verità, una delle tante possibili, contingente come il Tempo e la Storia, cangiante ogni volta che Abbado si chiedeva e ci insegnava cosa volessero dire Beethoven o Rossini o Mahler per noi, qui, oggi, adesso.

Ivo Pogorelich, Claudio Abbado 0 Ivo Pogorelich, Claudio Abbado 0

L' eccitazione che avvolgeva la musica quando dirigeva lui non aveva niente a che vedere con il mito stantio del maestro demiurgo. Era l' eccitazione che dà il salto senza rete, il brivido e lo sgomento della scoperta. La lezione di Abbado non è stata solo estetica, ma anche etica. Perché per lui, e quando la faceva lui anche per noi, la musica era libertà.

FUNERALI DI ABBADO FOTO LAPRESSE FUNERALI DI ABBADO FOTO LAPRESSE claudio abbado 5 claudio abbado 5 CLAUDIO ABBADO GIOVANE CLAUDIO ABBADO GIOVANE CLAUDIO ABBADO PODIO CLAUDIO ABBADO PODIO FUNERALI DI ABBADO FOTO LAPRESSE FUNERALI DI ABBADO FOTO LAPRESSE FUNERALI DI ABBADO FOTO LAPRESSE FUNERALI DI ABBADO FOTO LAPRESSE FUNERALI DI ABBADO FOTO LAPRESSE FUNERALI DI ABBADO FOTO LAPRESSE NAPOLITANO AI FUNERALI DI ABBADO FOTO LAPRESSE NAPOLITANO AI FUNERALI DI ABBADO FOTO LAPRESSE

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

DANDOLO FLASH! ECCO LE PRIME IMMAGINI DEL MATRIMONIO DI ELEONORA DANIELE - DOPO 16 ANNI DI FIDANZAMENTO OGGI POMERIGGIO LA CONDUTTRICE RAI È CONVOLATA A NOZZE CON GIULIO CESARE TASSONI A ROMA, NELLA BASILICA DI SAN GIOVANNI BATTISTA DEI FIORENTINI – LUI, DI ORIGINI NOBILI, E’ UN IMPRENDITORE DEL SETTORE FARMACEUTICO – TRA GLI INVITATI SIMONA VENTURA COL COMPAGNO GIOVANNI TERZI, LA GNOCCHISSIMA SAMANTHA DE GRENET, CORINNE CLERY, BEPPE CONVERTINI, MAURIZIO MATTIOLI E ANGELO PERRONE – IL BACIO DELLA CUCINOTTA

viaggi

salute