QUEL "BELINONE" DI FABER: “UN MODO PER IMBALSAMARTI È QUELLO DI METTERE UN TUO TESTO IN UNA ANTOLOGIA SCOLASTICA” – A 20 ANNI DALLA MORTE UN LIBRO RILEGGE CANZONI E PAROLE DI FABRIZIO DE ANDRE’ - “UNO COMINCIA A SCRIVERE PER DIVERTIRSI E PER DIVERTIRE, POI SE HA CULO, SUCCEDE CHE LO ISTITUZIONALIZZANO” - IL ’68 DIETRO A UN TAVOLINO, IL "POVERO FRACCHIA" (CHE ISPIRO' VILLAGGIO) CHE VOMITO’ LA COLAZIONE SULLA CATTEDRA DELLA PROFESSORESSA E “I VINTI DI IERI, VINCITORI DI DOMANI”. ECCO PERCHE’ - VIDEO

-

Condividi questo articolo

 

FABRIZIO DE ANDRE FABRIZIO DE ANDRE

Francesco Persili per Dagospia

“Io il ’68 l’ho vissuto dietro a un tavolino. Non ho partecipato. Ogni tanto veniva della gente con il naso rotto e mi raccontava cosa stava succedendo…”. In piena rivolta studentesca De Andrè scriveva di Gesù di Nazareth e si dilettava nel raccontare le avventure del povero Fracchia, uno studente, poi diventato famoso grazie al genio di Paolo Villaggio: “Alla sedicesima volta che dava Istituzioni di Diritto romano vomitò la colazione sulla cattedra della professoressa, incaricata perché era la moglie di un ministro…”.

 

E’ una delle gocce di splendore contenute nel libro “Anche le parole sono nomadi”, curato dalla Fondazione Fabrizio De Andrè Onlus. Un viaggio, attraverso canzoni, appunti e altri scritti, al centro dell’homo Faber, che diventò “belinone da palcoscenico e non avvocatucolo” grazie a Mina. Fu lei a cambiargli la vita quando decise di interpretare “La canzone di Marinella”. “Se non l’avesse fatto, io non avrei continuato a fare questo mestiere perché di palanche non ne arrivavano…”.  Volta la carta e finisce in gloria.

de andrè cover de andrè cover

 

“Uno comincia a scrivere per divertirsi e per divertire, poi se ha culo, succede che lo istituzionalizzano”. Ci aveva visto lungo Faber: a 20 anni dalla morte, il suo nome campeggia su molte scuole, i suoi versi sono diventati oggetto di tesi di laurea, inesausta fonte di ispirazione anche per altri artisti (“Cerco un po’ di te/ nei testi di De Andrè”, canta Fedez) e argomento colto di discussione sulla differenza tra “canzone” e “poesia”.

de andrè ghezzi de andrè ghezzi

 

Il musicista genovese 'bigger than life', “cantore degli ultimi, delle infinite princese, della vita negata e delle traviate”, ridotto a una definizione, depotenziato nella figura del santino da esibire con posa pensosa, maglione a collo alto e citazione incorporata. Un rischio ampiamente previsto da De Andrè: “Invece di restare un cantautore si rischia di finire per essere una cosa che poi si va a vedere al Museo Egizio di Torino, cioè ti imbalsamano. E un modo per imbalsamare è quello di mettere un tuo testo in una antologia scolastica. Io non dico che non ci tengo perché anch’io ho il mio amor proprio, però c’è il rischio di restare ingessati…”.Quanto di più angusto ci possa essere per chi ha viaggiato sempre in direzione ostinata e contraria, senza verità assolute in cui credere (“Le sue canzoni non si prestano né al coro, né all’inno. Alla sua biografia manca l’imputazione per convinzioni politiche”, scrive Erri De Luca nella postfazione), libero di contaminarsi come ai tempi di “Creuza de Ma” quando i discografici erano convinti che quel disco non lo avrebbero venduto neanche a Genova. 

Paolo Villaggio e Fabrizio De Andre Paolo Villaggio e Fabrizio De Andre

 

La storia prese poi un’altra piega e quell’album, che sa di Mediterraneo, Pasolini (“Il dialetto è il popolo e il popolo è l’autenticità”) e world music, resta una delle manifestazioni più potenti del codice De Andrè. “E’ sempre dai comportamenti non uniformi e non omologati al gregge della maggioranza che l’umanità riesce a trovare spunti evolutivi”, scrive Faber.

 

de andrè dori ghezzi de andrè dori ghezzi

"E poi via di nuovo verso il vento/ davanti agli occhi ancora il sole”. Guardano e invitano al “riscatto” le sue parole. Cambiano di significato, si arricchiscono, vanno fuori dai margini, raccontano un mondo in cui “i vinti di ieri diventano i vincitori di domani”. “Chiunque coltivi le proprie diversità con dignità e coraggio, attraversando i disagi dell’emarginazione con l’unico intento di rassomigliare a se stesso, è già di per sé un vincente perché muove la storia”. Una direzione sempre “allegramente” ostinata e contraria, quella del “belinone” Faber.

 

de andrè de gregori de andrè de gregori de andrè de gregori de andrè de gregori

 

Il matrimonio di Dori Ghezzi e Fabrizio De Andre Il matrimonio di Dori Ghezzi e Fabrizio De Andre de andrè dori ghezzi de andrè dori ghezzi fabrizio e cristiano de andrè fabrizio e cristiano de andrè Dori Ghezzi e Fabrizio De Andre Dori Ghezzi e Fabrizio De Andre FABRIZIO DE ANDRE FABRIZIO DE ANDRE FABRIZIO DE ANDRE FABRIZIO DE ANDRE BEPPE GRILLO SI SPOSA CON PARVIN TADJK E FABRIZIO DE ANDRE TESTIMONE BEPPE GRILLO SI SPOSA CON PARVIN TADJK E FABRIZIO DE ANDRE TESTIMONE DORI GHEZZI CON FABRIZIO DE ANDRE DORI GHEZZI CON FABRIZIO DE ANDRE FABRIZIO DE ANDRE PAOLO VILLAGGIO FABRIZIO DE ANDRE PAOLO VILLAGGIO FABRIZIO DE ANDRE FABRIZIO DE ANDRE FABRIZIO E CRISTIANO DE ANDRE FABRIZIO E CRISTIANO DE ANDRE FABRIZIO DE ANDRE FABRIZIO DE ANDRE FABRIZIO E CRISTIANO DE ANDRE - ENRICA RIGNON FABRIZIO E CRISTIANO DE ANDRE - ENRICA RIGNON fabrizio e cristiano de andrè fabrizio e cristiano de andrè FABRIZIO E CRISTIANO DE ANDRE 1 FABRIZIO E CRISTIANO DE ANDRE 1 FABRIZIO E CRISTIANO DE ANDRE 2 FABRIZIO E CRISTIANO DE ANDRE 2 foto di fabrizio de andre di guido harari foto di fabrizio de andre di guido harari fabrizio de andre' villaggio fabrizio de andre' villaggio CRISTIANO E FABRIZIO DE ANDRE 7 CRISTIANO E FABRIZIO DE ANDRE 7 FABRIZIO E CRISTIANO DE ANDRE - ENRICA RIGNON FABRIZIO E CRISTIANO DE ANDRE - ENRICA RIGNON de andrè dori ghezzi de andrè dori ghezzi de andrè dori ghezzi de andrè dori ghezzi de andrè dori ghezzi de andrè dori ghezzi

 

Condividi questo articolo

media e tv

“QUANDO FAI UNA SCENA DI SESSO IN UN FILM NON SENTI UN CAZZO…” - PASSIONI E DELIRIO DI ALESSANDRO HABER: “DOPO IL ‘ME TOO’ NON SI PUÒ PIÙ FARE LA CORTE A UNA DONNA. CHI VEDE SESSISMO OVUNQUE È RIDICOLO, HA PROBLEMI SERI - UNA DONNA CHE MI HA SEGNATO È STATA GIULIANA DE SIO: SIAMO STATI INSIEME 3 ANNI, IO AVEVO 29 ANNI, LEI 19, POI SI È ROTTO QUALCOSA - UNA VOLTA A MIA MAMMA DOMANDAI: ‘MA TU E PAPÀ LE FATE... QUELLE COSETTE LÌ?’. E LEI…” - VIDEO SCAZZO CON VERDONE

politica

business

cronache

sport

ROBY BAGGIO, ANCHE NOI NON SMETTIAMO DI PENSARCI – IL 'DIVIN CODINO' RACCONTA AL FESTIVAL DELLO SPORT DI PENSARE ANCORA A QUEL RIGORE DI ITALIA-BRASILE NELLA FINALE DI USA’ 94 (TRAGEDIA NAZIONALE): ”A VOLTE ANCORA PRIMA DI ANDARE A DORMIRE CI RIPENSO" – IL RIMPIANTO DEL MONDIALE 2002, L’ADDIO ALLA FIORENTINA CON LA GUERRIGLIA IN CITTA’ (“UN PESO ENORME”), GLI SCREZI CON LIPPI, CR7 E MESSI E LA CONFESSIONE: “QUANDO VEDO L'ARBITRO CON LO SPRAY CHE TIRA LA LINEA DELLA BARRIERA...”

cafonal

viaggi

salute