"MI ASPETTAVO UN MAZZO DI FIORI E DELLE SCUSE", LA GRUBER BACCHETTA SALVINI E FA ECCITARE I NEMICI DEL CAPITONE. GLI ALTRI TWITTANO CHE GLI HA REGALATO ALTRI VOTI - “MI PAGANO PER FARE IL MINISTRO, NON PER ESSERE SIMPATICO". ''LA PAGANO PER ESSERE EDUCATO'' - E POI RINCARA: "LA DROGA È UN'EMERGENZA, NON IL FASCISMO". LILLI: ''SE RICEVE MINACCE DI MORTE E' PERCHE' AGGREDISCE LE PERSONE''. ''MI FACCIA UN ESEMPIO''. ''EHM...FABIO FAZIO'' – VENEZIANI: “FA VOMITARE LA FAZIOSITA’ ISTERICA DELLA GRUBER E DELLA SUA SPALLA” (DE ANGELIS) - VIDEO

-

Condividi questo articolo

 

 

 

 

 

Da www.lettera43.it

 

gruber salvini gruber salvini

Dopo le frecciate a distanza, a Otto e mezzo è andato in scena lo scontro fra il leader della Lega Matteo Salvini e la conduttrice Lilli Gruber. «Mi aspettavo unmazzo di fiori e delle scuse da lei», ha esordito la conduttrice della trasmissione di La7. Il titolare del Viminale ha replicato ironico: «Le voglio un sacco di bene». Ma poi ha aggiunto:

 

«Mi pagano per fare il ministro dell'Interno, non per essere simpatico». La "lite" tra i due era iniziata quando Salvini, nel corso di un comizio, aveva detto di non aver voglia di andare in trasmissione: «Domani devo andare dalla Gruber, simpatia portami via». La risposta non si era fatta attendere: «Visto che si è proposto lui e visto che chi viene da noi lo fa volentieri, se ha un problema può restare a casa o preferibilmente al ministero».

 

gruber salvini gruber salvini

Il vicepremier, però, non è rimasto a casa e si è presentato negli studi di via Novaro. La prima domanda di Gruber ha preso di petto la questione: «Ha detto che le toccava venire qui e non ne aveva voglia e ne ha fatto una questione di simpatia. Mi aspettavo un mazzo di fiori e delle scuse». Salvini le ha sorriso: «Le voglio un sacco di bene e, anche se non ho moltissimo tempo per guardarla da casa, ritengo che questa trasmissione sia assolutamente equilibrata». «Eppure nel comizio lei non è stato educato», ha ribattuto la conduttrice. E il leader della Lega di rimando: «Mi pagano per fare il ministro dell'Interno, non per essere simpatico. Passo la giornata a occuparmi di droga, mafia, immigrazione clandestina. Le manderò comunque rose e margherite».

alessandro de angelis alessandro de angelis

 

Gruber non ha minimamente mollato il colpo e ha incalzato il ministro: «La pagano anche per essere educato». Tutta l'intervista è proseguita su toni abbastanza accesi anche con l'altro ospite, il vicedirettore dell'Huffington Post Alessandro De Angelis, sui temi del fascismo e delle critiche del ministro al conduttore della Rai Fabio Fazio. In conclusione Gruber è tornata alla carica. «Allora me lo manda quel mazzo di fiori?». «Gliene mando due», ha promesso Salvini.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

matteo salvini lilli gruber (4) matteo salvini lilli gruber (4)

 

 

 

GRUBER SALVINI GRUBER SALVINI matteo salvini lilli gruber (7) matteo salvini lilli gruber (7) matteo salvini saluta lilli gruber (4) matteo salvini saluta lilli gruber (4) matteo salvini saluta lilli gruber (3) matteo salvini saluta lilli gruber (3) matteo salvini lilli gruber (5) matteo salvini lilli gruber (5)

veneziani tweet veneziani tweet

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute