RIDI SU 'STA RISPOSTA - VAURO SCRIVE A TRAVAGLIO SULLA FAMIGERATA VIGNETTA, E MARCOLINO CHIARISCE: ''SE UN SATIRISTA FA UNA VIGNETTA SCIATTA, O POCO DIVERTENTE, O SCONCLUSIONATA, O INCOMPRENSIBILE, O MALE INFORMATA, SPETTA AL DIRETTORE L'INGRATO COMPITO DI FARGLIELO NOTARE. CAPITA A TUTTI DI SBAGLIARE. BASTA SCENDERE DAL PIEDISTALLO...'' - OGGI VIGNETTA DI NATANGELO SU TONINELLI DISABILE

- -

 

- -

 

-

Condividi questo articolo

TRAVAGLIO VAURO TONINELLI VIGNETTA TRAVAGLIO VAURO TONINELLI VIGNETTA

 

1. VAURO: ''NON HO SFIDATO NESSUNO A PUBBLICARE LA MIA VIGNETTA, ANZI...''

Lettera di Vauro al ''Fatto Quotidiano''

 

Tre piccole precisazioni:

1) Non considero il nostro giornale come una "buca delle lettere". Ho voluto farne parte come redattore perché convinto che "I satiristi sono sacri (almeno qui al Fatto)", titolo di un editoriale del direttore Marco Travaglio dell' agosto 2016, e perché Il Fatto è "un giornale nato per pubblicare ciò che nessuno pubblicherebbe mai in una stanza conformista e bigotta", di Marco Travaglio dal medesimo editoriale.

 

2) Leggo il giornale che "ospita" le mie vignette: "Io un No Tav? Assolutamente no. Sono dalla parte degli italiani e non accetto gli sprechi", Danilo Toninelli da Il Fatto quotidiano online del 5 Dicembre 2018.

Vauro e Marco Travaglio Vauro e Marco Travaglio

 

3) Non ho "sfidato" nessuno a non pubblicare la mia vignetta, anzi, ho messo per iscritto il fatto che il direttore possa decidere in tal senso, rientra nel suo pieno diritto. Nel mio rientra quello di poter contestare questa decisione e ribadisco ambedue i concetti.

 

 

2. LA RISPOSTA DI TRAVAGLIO: ''PUBBLICAMMO A SCATOLA CHIUSA 'CHARLIE HEBDO', LA LIBERTÀ DI SATIRA NON È IN DISCUSSIONE''

 

I satiristi sono sempre sacri, tant' è che il "Fatto" ne ha in squadra un numero spropositato rispetto agli altri giornali e li ha sempre lasciati totalmente liberi (pubblicammo, addirittura a scatola chiusa, l' intero numero di "Charlie Hebdo" dopo la strage in redazione). "Il Fatto" è nato per pubblicare ciò che gli altri non pubblicano quando non vogliono dire la verità, non quando non vogliono dire bugie. La libertà di satira non c' entra nulla con la libertà di bufala. E non pubblicare un pezzo o una vignetta sbagliati non è censura: è un' opera buona (in ogni caso la vignetta in questione è stata pubblicata).

NATANGELO SU TONINELLI NATANGELO SU TONINELLI

 

Naturalmente Toninelli non c' entra nulla: l' abbiamo attaccato e sbeffeggiato in decine di articoli e vignette, e continueremo a farlo. Ma per quello che fa e dice, non per quello che qualcuno si inventa o fraintende.

 

Quando un giornalista prende una cantonata o non scrive in italiano o usa un linguaggio criptico, oppure un satirista fa una vignetta sciatta, o poco divertente, o sconclusionata, o incomprensibile, o male informata, spetta al direttore l' ingrato compito di farglielo notare e chiedergli di riscrivere meglio l' articolo o di mandare una vignetta più azzeccata. Capita a tutti di sbagliare. Basta scendere dal piedistallo, applicare a se stessi l' ironia che si usa per gli altri e riconoscerlo serenamente. È tanto difficile ammettere di avere sbagliato vignetta?

BOSCHI COSCE NATANGELO BOSCHI COSCE NATANGELO

m. trav.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

“CHI HA SCRITTO IL PEZZO ERA COSI’ PIPPA CHE DA PICCOLO FINIVA SEMPRE IN PORTA?”- I CALCETTARI INSORGONO CONTRO 'ROLLING STONE' CHE STRONCA "I MAMMIFERI FLACCIDI" CHE GIOCANO A CALCETTO: “NULLA TESTIMONIA MEGLIO L’IDEA DEL PUNTO MORTO A CUI È ARRIVATA LA STORIA UMANA” – COMMENTO DA INCORNICIARE: “SI PUO' SUONARE LA CHITARRA SENZA ESSERE GILMOUR E SI PUO' GIOCARE A CALCETTO SENZA ESSERE MESSI. SI CHIAMA POESIA, ROMANTICISMO, STRONZAGGINE. SO SOLO CHE E' BELLISSIMO…”

cafonal

viaggi

salute