DALLO SMART WORKING NON SI TORNA INDIETRO: FATEVENE UNA RAGIONE! – OLTRE 1.300 DIPENDENTI DEL “NEW YORK TIMES” SI RIFIUTANO DI TORNARE IN REDAZIONE PER ALMENO 3 GIORNI A SETTIMANA, COME PRETENDE INVECE L'AZIENDA  – I SINDACATI CHIEDONO UN AUMENTO DEI SALARI: IL RITORNO AL VECCHIO SISTEMA PRE-PANDEMIA NON È SOSTENIBILE IN UN PERIODO DI INCREMENTO DI COSTI A CAUSA DELL'INFLAZIONE IMPAZZITA. E POI LAVORARE DA CASA RENDE PIÙ PRODUTTIVI E FELICI. INSOMMA, CONVIENE A TUTTI: MA ALLORA PERCHÉ I DATORI DI LAVORO SI OSTINANO A COSTRINGERE I DIPENDENTI A STARE IN PRESENZA?

-

Condividi questo articolo


Da www.lastampa.it

 

sede del new york times sede del new york times

Oltre 1300 dipendenti del New York Times hanno firmato per non tornare al lavoro in ufficio. Lo rendono noto le associazioni sindacali che rappresentano le diverse categorie di lavoro. Il rifiuto è arrivato nella settimana in cui 'La signora in grigio' (The Grey Lady, soprannome per il quotidiano di New York, ndr) aveva chiesto il ritorno in ufficio per i suoi dipendenti.

 

Citando un giornalista del NyTimes, il NyPost scrive che il ritorno al vecchio sistema pre-pandemia non è sostenibile in un periodo di incremento di costi a causa dell'alto livello dell'inflazione. Al contrario non c'è stato un aumento degli stipendi. Al momento i sindacati stanno contrattando con l'azienda un rinnovo del contratto, e quindi nuovi termini salariali, scaduto circa un anno e mezzo fa.

redazione new york times redazione new york times

 

Un portavoce del New York Times ha detto che non c'è un numero prestabilito di giorni obbligatori in ufficio e la decisione spetta alle singole redazioni. «Crediamo - ha sottolineato - che il sistema ibrido (tre giorni a settimana, ndr) sia la soluzione migliore per il New York Times al momento».

sede del new york times sede del new york times sede del new york times sede del new york times sede del new york times sede del new york times redazione new york times 2 redazione new york times 2

 

Condividi questo articolo

media e tv

“A LETTO VANNO BENE LE COCCOLE, MA NON SOLO QUELLE. CONTA QUALITÀ E QUANTITÀ” – L’INTERVISTA BOMBASTICA AD ANTONELLA CLERICI CHE NELL'INTIMITA’ VUOLE “UNA CERTA DOSE DI TRASGRESSIONE" - A 58 ANNI LA CONDUTTRICE NON HA PERSO LA PASSIONE E SOTTO LE COPERTE SI VUOLE DIVERTIRE: "MAGARI NON TUTTI I GIORNI COME UN TEMPO MA COME SI DEVE” – “LA PRIMA VOLTA DAL CHIRURGO ESTETICO? A 40 ANNI, MA NON CI VADO PIÙ DI DUE VOLTE L’ANNO. NON VOGLIO TRASFORMARMI, VEDO CERTE BOCCHE IN GIRO, MAMMMA MIA…”

politica

business

cronache

sport

DAGO RETROSCENA - DA TEMPO JOHN ELKANN AVEVA PROVATO A FAR CAPIRE AL CUGINO ANDREA (E ALLA MADRE ALLEGRA) CHE IL CAPOLINEA ERA ARRIVATO CON L’INDAGINE DELLA PROCURA DI TORINO: DIMETTITI, CORRI IL RISCHIO DI ESSERE ARRESTATO. IL NIPOTE DELL’AVVOCATO NON POTEVA CREDERCI: IO SONO UN AGNELLI… - POI, VIA PROCURA, TUTTO È PRECIPITATO. NON ERA INFATTI IERI LA GIORNATA GIUSTA, LE DIMISSIONI DOVEVANO AVVENIRE DOPO I MONDIALI. LA SCELTA DI SCANAVINO NE È LA PROVA: UNA SOLUZIONE TEMPORANEA VISTO CHE L’ALTER EGO DI ELKANN È STRAIMPEGNATO CON LA GEDI

cafonal

CAFONALISSIMO! GOVERNO MELONI ALL'OPERA – L'EMOZIONANTE PRIMA DI “DIALOGHI DELLE CARMELITANE”, REGIA DI EMMA DANTE, CON IL PALCO REALE OCCUPATO DA SANGIULIANO ASSEDIATO DI LINGUE BIFORCUTE, CASELLATI, SGARBI, MOLLICONE - GUALTIERI È FILATO VIA ALLA FINE DEL PRIMO ATTO PER NON PERDERE L'AEREO PER BRUXELLES - IL SIPARIETTO TRA IL NEOSENATORE LOTITO E L’ASSESSORE ONORATO (FLAMINIO CI COVA?) – E POI LETTA, GRILLI, PADOAN, PALERMO, MASI, SEVERINO, NASTASI, AUGIAS, GOTOR, JERVOLINO, DAGO LEOPARDATO, LUCCI CHE SI BECCA DEL “BASTARDO” E DUE DIPENDENTI DEL TEATRO CHE DENUNCIANO: “QUI SI RUBANO LE PALLINE DELL’ALBERO DI NATALE!” – FOTO BY DI BACCO

viaggi

salute