VIETATO AI MINOLI – IL GIORNALISTA DÀ LE PAGELLE AI COLLEGHI: “BISOGNEREBBE TENERE FRECCERO 'FOREVER'. CATTELAN È IL MIGLIORE A FARE INTERVISTE: È SPIRITOSO, SIMPATICO, ORIGINALE. COSTANZO È BRAVISSIMO, PORRO NON PERVENUTO. FAZIO? NON FA INTERVISTE. TRAVAGLIO SCRIVE CA**ATE” – “IO E GIORGIO GORI SCEGLIEMMO IL CAST PER IL PRIMO GRANDE FRATELLO. CASALINO ERA INTRIGANTE, SI CAPIVA CHE POTEVA FARE POLITICA, MA TARICONE…”

-

Condividi questo articolo

TV, MINOLI: CATTELAN IL PIU' BRAVO A INTERVISTARE. FAZIO? NON FA INTERVISTE; PORRO? NON PERVENUTO

 

GIOVANNI MINOLI GIOVANNI MINOLI

Il giornalista ospite di Un Giorno da Pecora: Travaglio ha scritto che volevo agguantare poltrona Presidente Rai? Lui scrive tante cazzate...il giornalista italiano più bravo è Salvatore Merlo. Giovanni Minoli, le nomine Rai, i suoi colleghi più bravi e quelli che non lo entusiasmano molto. Ospite di Un Giorno da Pecora, su Rai Radio1, il giornalista ha esordito parlando della recentissima nomina di Carlo Freccero alla direzione di Rai2.

 

“Sono molto contento, penso che bisognerebbe fare una petizione per lui, perché nominarlo per un solo anno non ha senso. Ha i palinsesti già fatti fino a settembre e a dicembre andrà via. Bisognerebbe cambiare la legge e tenere Freccero 'forever'”. Ad un certo punto si era parlato di lei come il nome giusto per fare il Presidente della Rai. Poi, pare, sia saltato tutto per il 'no' di Silvio Berlusconi...”Non credo che sia andata così”.

giovanni minoli giovanni minoli

 

Ha sentito Berlusconi su questo tema? “No, non l'ho sentito”. Travaglio, sul Fatto, ha scritto che in quei giorni lei era ”attivissimo, a chiamare, messaggiare e far telefonate a questo e quello per agguantare l'ambitissima poltrona”. E' vero? “Lui scrive tante di quelle cazzate...”Lei è uno dei giornalisti più noti del Paese. Qual è il suo collega più bravo? “Salvatore Merlo del Foglio, scrive bene e capisce la realtà molto bene. Così come Mattia Feltri”.

 

Facciamo una classifica di coloro che apprezza di più quando si parla di interviste. televisivi. Chi è il suo preferito? “Cattelan. È spiritoso, simpatico, originale”. Fabio Fazio le piace? “Fazio fa interviste?” Il conduttore di 'Che tempo che fa' non fa interviste secondo lei? “Non mi sembrano tanto interviste. Però lui è giovane, il suo potrebbe essere un nuovo modo di fare interviste”.

 

ROCCO CASALINO ROCCO CASALINO

Cosa ne pensa di Barbara D'Urso? “Nel suo genere è una brava, le sue sono chiacchieratine però più che interviste”. Bruno Vespa le piace? “Le sue interviste sono sempre competenti ma non particolarmente ficcanti”. E Costanzo? “Lui è bravissimo”. Andiamo avanti con Nicola Porro. “Non pervenuto”. Floris. “E' bravo, specie ora che ha cambiato il format del programma”. Concludiamo con Bianca Berlinguer. “Non mi piace particolarmente”, ha detto a Un Giorno da Pecora Minoli.

 

M5S, GIOVANNI MINOLI: FECI PROVINO A CASALINO PER PRIMO GF, AVEVA VOCAZIONE A LEADERSHIP MA ERA MENO INTRIGANTE DI TARICONE

 

romano prodi giovanni minoli romano prodi giovanni minoli

Giovanni Minoli e la selezione a Rocco Casalino per il cast della prima edizione di Grande Fratello. Ospite di Un Giorno da Pecora, su Rai Radio1, il giornalista ha raccontato quell'esperienza, risalente al 2000. “Io ero dg di Stream e, con Giorgio Gori, scegliemmo il cast. Casalino me lo ricordo benissimo”. Com'era all'epoca? “Com'è adesso, si capiva che poteva fare politica, aveva una notevole vocazione alla leadership, era intrigante e si dava molto da fare nel costruire e disfare alleanze”. Aveva più leadership lui che Pietro Taricone? “No no, Taricone ne aveva molto da più”. Marina La Rosa, altra protagonista di quella edizione, potrebbe fare politica oggi? “In politica c'è stato posto per tutti, anche lei potrebbe fare politica, in tutti i partiti”, ha concluso Minoli a Rai Radio1.

fazio casalino fazio casalino ROCCO CASALINO ROCCO CASALINO

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

LA LETTERA DI MELANIA RIZZOLI AI MALATI DI TUMORE AL CERVELLO: “NON FATEVI IMPRESSIONARE DALLA MORTE DI NADIA TOFFA, PERCHÉ LEI HA AVUTO UNO DI QUEI TIPI PER I QUALI NON CI SONO CURE CERTE E PER I QUALI LA SCIENZA E LA RICERCA STANNO LAVORANDO MOLTO. I SEGNI E I SINTOMI DELLA PRESENZA DI LESIONI OCCUPANTI SPAZIO NEL CRANIO SONO SIMILI, E RICONOSCERLI ALLO STADIO INIZIALE PUÒ MIGLIORARE LA PROBABILITÀ DI GUARIGIONE E DI SOPRAVVIVENZA, E QUANDO SI PRESENTA UNO DI QUESTI SINTOMI..."