ALABAMA 1955? NO, ALESSANDRIA 2019! "NON TI SIEDI, SEI NERA", UNA 60ENNE VIETA ALLA BIMBA DI STARLE ACCANTO SUL BUS - L'EPISODIO È STATO RACCONTATO DALLA CONSIGLIERA DEL COMUNE DI ALESSANDRIA, VITTORIA ONETO, IN UN POST SU FACEBOOK: “ HO DETTO ALLA DONNA FAR SEDERE LA BAMBINA MA LEI MI HA INVITATO IN MODO ARROGANTE A FARMI GLI AFFARI MIEI. HO PIANTO. È QUESTO QUELLO CHE SIAMO? NON VOGLIO CREDERCI"

-

Condividi questo articolo

Rosa Scognamiglio per www.ilgiornale.it

bimba nera discriminata sul bus bimba nera discriminata sul bus

"No, qui tu non ti siedi". Con queste parole, una signora in età avanzata avrebbe vietato ad una bimba dalla pelle scura, di circa sette anni, di prendere posto sull'autobus.

 

 

Una intimazione che potrebbe avere una matrice xenofoba. O, almeno, questa sarebbe stata la percezione della consigliera comunale dem, Vittoria Oneto, che ha assistito alla sortita dell'anziana passeggera di un pullman pubblico nella città di Alessandria. L'episodio è stato raccontato con un post su Facebook, apparso sul profilo social dell'amministratrice alessandrina pressapoco alle ore 19 di ieri, 6 novembre.

 

"Questa sera ho preso l'autobus per tornare a casa. - scrive Vittoria Oneto - Pochi posti a sedere. Io rimango in piedi. Salgono una mamma con due bambini. Lei si appoggia in uno spazio largo col passeggino e la bambina di circa 7 anni prova a sedersi in un posto vicino ad una signora di circa 60 anni che aveva appoggiato la sua borsa della spesa sul sedile. La signora guarda la bambina e le dice : NO NO TU QUI NON TI SIEDI!".

bimba nera discriminata sul bus bimba nera discriminata sul bus

 

A quel punto, la consigliera avrebbe preso le parti della bimba rispondendo per le rime all'anziana. "Io dico alla donna di spostare la borsa e di fare sedere la bambina ma lei insiste e mi dice in modo arrogante di farmi gli affari miei - continua il racconto - o dico alla donna di spostare la borsa e di fare sedere la bambina ma lei insiste e mi dice in modo arrogante di farmi gli affari miei".

 

Dopo l'increscioso accadimento, Vittoria Oneto è scoppiata in lacrime: "Ho pianto. Sono scesa dall'autobus e ho pianto. Per il nervoso, per la tristezza per il senso di sconfitta che ho provato e provo. Come se questi giorni non fossero già dolorosi. È questo quello che siamo? È questo quello che vogliamo essere? Io non voglio crederci", conclude il post.

 

vittoria oneto post vittoria oneto post

Immediata la reazione del popolo social che non ha mancato di esprimere solidarietà nei confronti della piccola vittima complimentandosi con la consigliera per l'intraprendenza dell'intervento. "Non lasceremo l'Italia nelle mani di queste persone", scrive un utente; "è assurdo nel 2019", commenta un altro.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

MELA AVVELENATA - APPLE È ACCUSATA DI SESSISMO PERCHÉ LA SUA CARTA DI CREDITO OFFRE LIMITI DIFFERENTI A UOMINI E DONNE: TUTTA COLPA DELL’ALGORITMO CHE FISSA I TETTI DEI PAGAMENTI - A SEGNALARLO È STATO UN IMPRENDITORE CHE SOSTIENE CHE GLI È STATO DATO UN LIMITE 20 VOLTE SUPERIORE ALLA MOGLIE. E IL CO-FONDATORE DI APPLE STEVE WOZNIAK HA CONFERMATO – LA RISPOSTA DI GOLDMAN SACHS, LA BANCA CHE GESTISCE LA CARTA: “LE NOSTRE DECISIONI SONO BASATE SULL’AFFIDABILITÀ CREDITIZIA” – VIDEO

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute