ANCHE LE SCIMMIE NEL LORO PICCOLO SI INCAZZANO - I MACACHI DI BALI, RIMASTI SENZA IL CIBO OFFERTO DAI TURISTI, HANNO INIZIATO A RAZZIARE LE CASE A CACCIA DI QUALCOSA DI GOLOSO - "ABBIAMO PAURA CHE DIVENTINO SELVAGGE E FEROCI", DICONO GLI ABITANTI DEL VILLAGGIO DI SANGEH, UN'AREA PROTETTA CHE OSPITA 600 SCIMMIE, E CHE DALL'INIZIO DELLA PANDEMIA HA VISTO CROLLARE I VISITATORI... - VIDEO

-

Condividi questo articolo


Dagotraduzione dalla Ap

 

Macachi Bali Macachi Bali

Prive della loro fonte di cibo preferita - le banane, gli arachidi e altre prelibatezze portate dai turisti ora tenuti lontani dal coronavirus - le scimmie affamate sull'isola turistica di Bali hanno iniziato a razziare le case degli abitanti del villaggio nella loro ricerca di qualcosa di gustoso.

 

Gli abitanti del villaggio di Sangeh dicono che i macachi grigi dalla coda lunga si sono avventurati fuori da un santuario a circa 500 metri di distanza e si sono appostati sul tetto in attesa del momento giusto per piombare giù e rubare uno spuntino.

 

Macachi Bali Macachi Bali

Preoccupati che le sporadiche sortite si trasformino in un assalto delle scimmie al villaggio, i residenti hanno portato frutta, noccioline e altro cibo nella foresta delle scimmie di Sangeh per cercare di placare i primati.

 

«Abbiamo paura che le scimmie affamate diventino selvagge e feroci», ha detto Saskara Gustu Alit, un abitante del villaggio. Circa 600 dei macachi vivono nel santuario della foresta, dondolandosi dagli alti alberi di noce moscata e saltando intorno al famoso tempio di Pura Bukit Sari, e sono considerati sacri.

 

Macachi Bali Macachi Bali

In tempi normali l'area protetta della giungla nel sud-est dell'isola indonesiana è popolare tra i residenti locali così come tra i visitatori internazionali. Le scimmie sono docili e possono essere facilmente indotte a sedersi su una spalla o in grembo per una o due noccioline. Normalmente, il turismo è la principale fonte di reddito per i 4 milioni di residenti di Bali, che hanno accolto più di 5 milioni di visitatori stranieri ogni anno finché non è arrivata la pandemia.

 

La Sangeh Monkey Forest raccoglieva in genere circa 6.000 visitatori al mese, ma quando la pandemia si è diffusa e i viaggi internazionali sono diminuiti drasticamente, quel numero è sceso a circa 500. Da luglio, quando l'Indonesia ha vietato a tutti i viaggiatori stranieri l'isola e ha chiuso il santuario anche ai residenti locali, non c'è più nessuno.

 

Macachi Bali Macachi Bali

Non solo nessuno porta più cibo extra per le scimmie, ma il santuario ha perso gli incassi degli ingressi e sta esaurendo i soldi per acquistare cibo, ha detto il responsabile delle operazioni Made Mohon. Le donazioni degli abitanti del villaggio hanno aiutato, ma anche loro stanno risentendo della stretta economica e gradualmente donano sempre meno. «Questa pandemia prolungata va oltre le nostre aspettative», ha affermato Made Mohon, «Il cibo per le scimmie è diventato un problema».

 

I costi del cibo ammontano a circa 850.000 rupie (60 dollari) al giorno, ha spiegato Made Mohon: servono a pagare 200 chilogrammi di manioca, l'alimento base delle scimmie, e 10 chilogrammi di banane.

 

Macachi Bali Macachi Bali

Il macaco è un onnivoro e può mangiare una varietà di animali e piante che si trovano nella giungla, ma quelli che vivono nella foresta delle scimmie di Sangeh, abituati agli umani, preferiscono altre cose. E non hanno paura di prendere in mano la situazione, ha detto Gustu Alit.

 

«Qualche giorno fa ho partecipato a una cerimonia tradizionale in un tempio vicino alla foresta di Sangeh», ha detto Gustu Alit. «Quando ho parcheggiato la mia auto e ho tirato fuori due sacchetti di plastica contenenti cibo e fiori come offerte, improvvisamente sono apparse due scimmie che hanno afferrato tutto e sono corse nella foresta molto velocemente».

 

Macachi Macachi

Normalmente, le scimmie trascorrono tutto il giorno a interagire con i visitatori - rubando occhiali da sole e bottiglie d'acqua, tirando i vestiti, saltando sulle spalle - e Gustu Alit teorizza che più che avere fame, sono annoiate.

 

«Ecco perché ho invitato gli abitanti del villaggio a venire nella foresta per giocare con le scimmie e offrire loro cibo», ha detto. «Penso che abbiano bisogno di interagire con gli umani il più spesso possibile in modo che non si scatenino».

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"? 

E ORA LA MELONA, RIMASTA CON UN PUGNO DI POLVERE IN MANO, CHE FA? ALL’EVITA PERON DE’ NOANTRI NON RESTA CHE ATTACCARSI ALLA GIACCHETTA DI CICCIO TAJANI PER LA PARTITA DEI COMMISSARI (PROBABILMENTE PERÒ, NON OTTERRÀ DI MEGLIO CHE LA DELEGA ALLA COESIONE) – LA DUCETTA ERA TORMENTATA DAI DUBBI SUL VOTO ALLA VON DER LEYEN, MA POI HA CEDUTO ALLA FIAMMA MAGICA DI FAZZOLARI E ARIANNA, IDEOLOGICAMENTE CONTRARIA. L’HANNO MANDATA A SBATTERE PER LA PAURA DI PERDERE IL 6% RAPPRESENTATO DALLO ZOCCOLO DURO E PURO DI VECCHI ARNESI FASCI CHE ANCORA POPOLA FDI – LA POVERA URSULA CI HA PROVATO IN TUTTI I MODI: NEL SUO DISCORSO HA PARLATO APERTAMENTE DEL PATTO SUI MIGRANTI, MA DI FRONTE ALLA FOLLE RICHIESTA ITALIANA DI OTTENERE UNA VICEPRESIDENZA, HA DOVUTO FARE PIPPA – PS: CHI SONO I DUE FRATELLI D’ITALIA CHE HANNO VOTATO SÌ A VON DER LEYEN?

FLASH – PARE CHE L’INSISTENZA DI GIORGIA MELONI NON SIA SERVITA A MOLTO: LA PREMIER ITALIANA NON AVREBBE OTTENUTO LA VICEPRESIDENZA ESECUTIVA DELLA COMMISSIONE EUROPEA, CHE TANTO BRAMAVA PER IL “SUO” RAFFAELE FITTO. LA DUCETTA DEVE FARE I CONTI CON LA SPACCATURA, AMPIAMENTE PREVISTA, DI ECR: LA “MAGGIORANZA” DEI CONSERVATORI VOTERÀ CONTRO URSULA VON DER LEYEN, CHE SI È PARATA LE CHIAPPE ACCORDANDOSI CON I VERDI. E FRATELLI D’ITALIA? SARANNO COMPATTI, MA SU COSA CE LO DIRANNO SOLO DOPO...

TRUMP HA SCELTO J.D. VANCE CON UN OBIETTIVO PRECISO: LASCIARGLI FARE L’ESAGITATO A CACCIA DI ELETTORI INCAZZATI, MENTRE LUI SI RITAGLIA UN RUOLO PIÙ MODERATO – “THE DONALD”, CHE PENSA DI RIPORTARE NEL SUO STAFF MIKE POMPEO, HA EPURATO LA FIGLIA “TRADITRICE” IVANKA E IL GENERO JARED KUSHNER – OBAMA NON SA SE SILURARE BIDEN: HA PAURA CHE IL CANDIDATO SCELTO PER SOSTITUIRLO VENGA SCONFITTO (A QUEL PUNTO LUI PERDEREBBE LA FACCIA) – IL PRESIDENTE PUÒ ARRENDERSI SOLO SE FINISCE I SOLDI – LA TELEFONATA TRA LO SVALVOLATO ROBERT F. KENNEDY E TRUMP, SPIATTELLATA ONLINE - VIDEO