ATTACCO DI “GOMORROIDI” - IL DIRETTORE EDITORIALE DI “CRONACHE DI NAPOLI”, UGO CLEMENTE, SCRIVE A DAGOSPIA: “SAVIANO CONTINUA A TIRARE IN BALLO A SPROPOSITO I GIORNALI DA ME DIRETTI, CHE GLI HANNO FATTO CAUSA PER PLAGIO E OTTENUTO UNA CONDANNA IN VIA DEFINITIVA NEI SUOI CONFRONTI. QUANDO PARLA DI DON PEPPE DIANA DIMENTICA CHE ‘REPUBBLICA’ SCRIVEVA…”

-

Condividi questo articolo


Ugo Clemente Ugo Clemente

Riceviamo e pubblichiamo:

 

Caro Dago, sono Ugo Clemente, direttore editoriale dei quotidiani Cronache di Napoli e di Caserta. A proposito della polemica tra Roberto Saviano e Giorgia Meloni, ho notato che purtroppo lo "scrittore" continua a tirare in ballo a sproposito i giornali da me diretti, che gli hanno fatto causa per plagio e hanno ottenuto una sentenza di condanna in via definitiva nei suoi confronti per l'illecita riproduzione dei nostri articoli in "Gomorra".

 

Quando infatti la Meloni gli ha ricordato la condanna, il Saviano ha replicato affermando: "Quelli che titolavano “Don Peppe Diana era un camorrista”? Ora capisco perché non disdegna i voti di Passariello". Ora, a parte che gli articoli di Cronache li ha copiati Saviano e non Meloni, lo "scrittore" fa finta di ignorare che il suo giornale, la Repubblica, all'epoca delle indagini sull'omicidio (nel 1997, tre anni dopo il delitto) scriveva: "Sacerdote anticamorra? No - ipotizza la Procura di Agostino Cordova - stando alle parole di un "attendibile pentito", don Giuseppe Diana, il prete assassinato a Casal di Principe, nel casertano, il 19 marzo 1994, "tempo addietro, aveva custodito armi per conto della camorra dei casalesi".

 

Ecco il link all'articolo, consultabile sul sito Internet di Repubblica http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1997/11/16/arrestati-killer-di-don-diana-polemica-tra.html?ref=search

ROBERTO SAVIANO ROBERTO SAVIANO

 

Ti invio inoltre in allegato la foto degli articoli pubblicati all'epoca da Repubblica e da Rosaria Capacchione sul Mattino, quest'ultimo titolato: "Ombre su Don Diana. Un pentito: quel prete era amico del clan". Ti invio anche gli articoli del Corriere della Sera e de "L'Unità", nei quali si ipotizzava che l'omicidio del parroco anticamorra fosse stato commesso perché lo stesso aveva custodito armi per conto dei Casalesi, ipotesi poi smontata e accantonata nel processo.

 

Mi piacerebbe sapere perché Saviano si accalora tanto a proposito degli articoli del Corriere di Caserta e non si pronuncia mai su quelli del suo giornale e su quello della sua amica Capacchione.

 

Grazie per quanto potrai fare per ricordare a Saviano da quale pulpito viene a farci la predica.

Ugo Clemente

Giornalista professionista - Direttore editoriale

"Cronache di Napoli", "Cronache di Caserta"

DON GIUSEPPE DIANA - ARTICOLO DEL CORRIERE DELLA SERA DON GIUSEPPE DIANA - ARTICOLO DEL CORRIERE DELLA SERA DON GIUSEPPE DIANA - ARTICOLO DI REPUBBLICA DON GIUSEPPE DIANA - ARTICOLO DI REPUBBLICA DON GIUSEPPE DIANA - ARTICOLO DI IL MATTINO DON GIUSEPPE DIANA - ARTICOLO DI IL MATTINO DON GIUSEPPE DIANA - ARTICOLO DI REPUBBLICA DON GIUSEPPE DIANA - ARTICOLO DI REPUBBLICA

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute