AVEVANO RAGIONE I POLIZIOTTI: I GIUBBOTTI ANTIPROIETTILE E L’ATTREZZATURA MOSTRATI NEL SERVIZIO DI “BALLARÒ” ERANO DAVVERO SCADUTI – LO DIMOSTRA IL SINDACATO DI POLIZIA CON NUOVI DOCUMENTI – L’AGENTE CHE AVEVA PARLATO CON I GIORNALISTI E’ STATO MULTATO E PUNITO

L’Assistente Capo del Commissariato Vescovio di Roma, di 45 anni, aveva detto la verità: i caschi per l' ordine pubblico obsoleti, l'M12 di 37 anni fa e il giubbotto antiproiettili in scadenza mostrati il 22 novembre scorso a un giornalista di "Ballarò" sono veramente in uso a chi esce di pattuglia, rischiando due volte la vita… -

Condividi questo articolo


Roberta Catania per “Libero Quotidiano”

 

Un poliziotto denuncia le condizioni di degrado dell'attrezzatura in uso agli agenti e viene sospeso dal servizio. Di più, il Capo della Polizia, Alessandro Pansa, come punizione ne dispone anche il dimezzamento dello stipendio: e poco importa che l'agente sia un padre di famiglia con una bambina di sei anni a carico. Tanto accanimento viene motivato  da un' infamante accusa: l' agente, rappresentante sindacale, avrebbe mentito per screditare l'Amministrazione.

il servizio di ballaro sulla dotazione scadente della polizia il servizio di ballaro sulla dotazione scadente della polizia

 

Ma adesso il Sap (il sindacato autonomo di polizia) tira fuori le prove che il loro delegato, un Assistente Capo del Commissariato Vescovio di Roma, F.R. di 45 anni, aveva detto la verità: i caschi per l' ordine pubblico obsoleti, l'M12 di 37 anni fa e il giubbotto antiproiettili in scadenza mostrati il 22 novembre scorso a un giornalista di "Ballarò" sono veramente in uso a chi esce di pattuglia, rischiando due volte la vita. Per correre incontro al pericolo, e garantire la sicurezza dei cittadini che chiedono loro aiuto, e perché lo fa con protezioni marce.

il servizio di ballaro sulla dotazione scadente della polizia il servizio di ballaro sulla dotazione scadente della polizia


La ricostruzione dei fatti esplosi lo scorso 23 novembre con la messa in onda dell'intervista al programma di Raitre è stata fatta ieri in un hotel di fronte a Montecitorio. Una location scelta non a caso, anche per chiedere al Governo un intervento concreto in questa vicenda.


Alla scrivania era seduto il segretario generale del Sap, Gianni Tonelli, da oggi in sciopero della fame per chiedere al Presidente della Repubblica di intervenire contro un evento di censura «unico nella storia della polizia italiana». Al suo fianco c' era il legale del poliziotto finito nel tritacarne, l' avvocato Eugenio Pini, che chiede la riabilitazione in servizio di F.R., e all' altro capo del tavolo stava l' avvocato Marco Zincani, sceso in campo per la sigla di rappresentanza, che alza il tiro e chiede al Governo le teste del Capo della Polizia e del Questore di Roma.

 

il servizio di ballaro sulla dotazione scadente della polizia 5 il servizio di ballaro sulla dotazione scadente della polizia 5

Di più, nei giorni scorsi Tonelli ha depositato formale denuncia nei confronti del Capo della Polizia e del Questore di Roma per «falso in atto pubblico», perchè a suo avviso solo scrivendo «patacche prive di fondamento» è stato possibile sospendere l' agente.


Con il fine, secondo il segretario, di «minare la credibilità del Sap e delle sue denunce», che da due anni si batte per far sapere che la Polizia prova a combattere il crimine senza mezzi. E anche perchè avevano chiesto corsi di formazione antiterrorismo per i poliziotti al costo di sei milioni di euro, mentre per le pulizie di Montecitorio se ne spendono sette, Tonelli non ha dubbi che questo bavaglio sia stato fatto annodare da un «mandante politico».

 

Ripristinata la verità, perciò, il ministro dell' Interno, Angelino Alfano, e il premier, Matteo Renzi, dovrebbero sbrigarsi a reintegrare l'Assistente Capo, che fino a ora aveva avuto a suo carico solo procedimenti per ricevere encomi e apprezzamenti per il lavoro svolto in divisa.

il servizio di ballaro sulla dotazione scadente della polizia 4 il servizio di ballaro sulla dotazione scadente della polizia 4


Le principali accuse nei confronti di F.R. erano state tre. Una, di avere rilasciato un'intervista senza essere stato autorizzato. «Ma un rappresentante sindacale non ha bisogno del via libera degli uffici per parlare con la stampa», ha chiarito Tonelli, «e la scelta di denunciare il degrado dei mezzi indossando la divisa non è un reato. Il divieto di stare in divisa è limitato alle manifestazioni, perchè non si può sfilare in corteo portando armi addosso. Ed è la ragione per cui i vigili del fuoco non hanno questa limitazione e possono scendere in piazza con l'uniforme».

il servizio di ballaro sulla dotazione scadente della polizia 3 il servizio di ballaro sulla dotazione scadente della polizia 3


La seconda colpa è quella di avere mostrato materiali non in uso. Ma dalle carte depositate in procura, delle quali il Sap è entrato in possesso, si capisce che invece è proprio così. Perchè anche chi "monta" il turno successivo riporta nell'«elenco custodito all' interno dell' armadio blindato» del commissariato le stesse cose che sembrava F.R. avesse tirato fuori da una specie di discarica. Il terzo punto, infine, è che l'agente era stato accusato di avere portato il mitra fuori dagli uffici di nascosto, mettendolo sotto la giacca.

 

Ma la telecamera di sicurezza riprende la scena e l'esile figura dell' Assistente Capo non sembra affatto alterata dalla presenza addosso di un mitra da oltre quattro chili.
Intervenuti alla conferenza stampa, il vicepresidente del Senato, Maurizio Gasparri, l' ex sottosegretario Carlo Giovanardi e Nicola Molteni, responsabile sicurezza della Lega, hanno auspicato un «chiarimento» tra i vertici della Polizia e l' agente sospeso. Giovanardi ha chiarito che «finora si è mostrata una verità e, se è questa invece la verità, il caso si deve risolvere in massimo 24/48 ore. Se così non fosse», ha concluso, «la controparte deve replicare nel giro di poche ore».

il servizio di ballaro sulla dotazione scadente della polizia il servizio di ballaro sulla dotazione scadente della polizia


Basta tenere alla gogna un agente che ha fatto il proprio dovere, denunciando gravi violazioni della 626/1994 e della 81/2008, le leggi sulla sicurezza sul lavoro. «Abbiamo chiesto spiegazioni ad Alfano oltre un mese fa», ha denunciato Molteni, «ma non è arrivata alcuna risposta. Bisognerebbe chiedere scusa a questo agente, revocare ogni sanzione e dimettersi. Non possiamo essere rappresentati da chi non ha fiducia nei propri dipendenti, uomini e donne che rischiano la vita per tutti noi».

il servizio di ballaro sulla dotazione scadente della polizia il servizio di ballaro sulla dotazione scadente della polizia


Infine Gasparri ha ammesso che «le manchevolezze per le forze dell' ordine sono oggettive». Perciò «chi si lamenta non lo fa per distruggere, ma per cercare aiuto. Non andava punito, quel dipendente andava convocato e ascoltato».


Il Sap, che sul proprio sito ha pubblicato "La vetrina della vergogna" con immagini che da tutta Italia mostrano le condizioni di «indigenza» in cui sono quasi tutti i commissariati, chiede di andare fino in fondo a questa storia. Tonelli chiede una commissione d' inchiesta, perchè «non temiamo la verità», come lavoriamo è sotto gli occhi di chiunque abbia la voglia e la possibilità di andare in un commissariato di polizia e accedere alle stanze del personale.

il servizio di ballaro sulla dotazione scadente della polizia il servizio di ballaro sulla dotazione scadente della polizia

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - A MEDIASET NULLA SARÀ COME PRIMA: CON PIER SILVIO E MARINA AL COMANDO, TRAMONTA LA STELLA DEL GRAN CAPO DELL'INFORMAZIONE, MAURO CRIPPA (DA OLTRE 25 ANNI SOTTO L'ALA PROTETTIVA DI CONFALONIERI) - NELLA PROSSIMA STAGIONE TV, I CONDUTTORI-ULTRA’ CHE HANNO POMPATO I VOTI DI SALVINI E ORA TIRANO LA VOLATA ALLA MELONI (DEL DEBBIO, PORRO E GIORDANO) DOVRANNO DARSI UNA REGOLATA: PIER SILVIO VUOLE UN BISCIONE PLURALISTA - LO SCAZZO DI “PIERDUDI” CON PAOLO DEL DEBBIO - NICOLA PORRO, SE NON SI TOGLIE IL FEZ, RISCHIA DI PERDERE IL PROGRAMMA: LO STIPENDIO GLIELO PAGA MEDIASET, NON FRATELLI D’ITALIA - SILVIO NON C'E' PIU', CONFALONIERI HA 87 ANNI E CRIPPA INIZIA A PRENDERE CEFFONI: LA CACCIATA DELLA D’URSO E IL LICENZIAMENTO IN TRONCO DI DEL CORNO…

DAGOREPORT - I FRATELLINI D’ITALIA VARANO TELE-MELONI CON GIAMPAOLO ROSSI SEDUTO SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO E SIMONA AGNES (IN QUOTA FORZA ITALIA) ALLA PRESIDENZA - ALLA LEGA, CHE VUOLE LA DIREZIONE GENERALE, NIENTE. SALVINI S'INCAZZA DI BRUTTO E SFANCULA I MELONI DI VIALE MAZZINI: LE NOMINE RAI RISCHIANO DI SALTARE A SETTEMBRE - LA DAGO-INDISCREZIONE DI UNA TRATTATIVA IN CORSO PER UN TRASLOCO DI FIORELLO A DISCOVERY NON HA FATTO PER NIENTE PIACERE (EUFEMISMO) ALLA MELONA. C’È UN ANTICO AFFETTO E SIMPATIA TRA FIORELLO E L’EX BABY SITTER DELLA FIGLIA OLIVIA DIVENTATA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. ED È SUBITO PARTITA UNA TELEFONATA DELLA MELONA AI “SUOI” DIRIGENTI RAI: IL SUO “FIORE ALL’OCCHIELLO” DEVE RESTARE IN AZIENDA A QUALSIASI COSTO…

DAGOREPORT - GIORGIA MELONI È AL SUO PIÙ IMPORTANTE BANCO DI PROVA: IL VOTO PER L’ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE DEFINIRÀ IL SUO PROFILO INTERNAZIONALE. FARÀ UNO SCATTO DA STATISTA, METTENDO GLI INTERESSI ITALIANI AL CENTRO E VOTANDO PER LA RICONFERMA DI URSULA VON DER LEYEN O DIRÀ “NO, GRAZIE”, IN VERSIONE RAMBA DELLA GARBATELLA, SPINGENDO L’ITALIA IN UN MARE DI GUAI? - DAL MES AL PATTO DI STABILITA’, DALLA FINANZIARIA AL POSTO DA COMMISSARIO, CON BRUXELLES BISOGNERA’ TRATTARE: MEGLIO FARLO DA AMICO CHE DA NEMICO - LA SPINTA DI CONFINDUSTRIA, TAJANI E CROSETTO: GIORGIA, VOTA URSULA…

DAGOREPORT - DOPO LA CONFERENZA STAMPA AL VERTICE NATO, BIDEN HA PARTECIPATO A UNA CONFERENCE CALL CON BARACK OBAMA, IL LEADER DEI DEMOCRATICI AL SENATO, CHUCK SCHUMER, E LA GOVERNATRICE DEL MICHIGAN, GRETCHEN WHITMER. I TRE SONO STATI PIUTTOSTO ASSERTIVI NEL FAR CAPIRE A BIDEN CHE LA SITUAZIONE È PRECIPITATA: SE NON FARÀ UN PASSO INDIETRO, I GOVERNATORI DEMOCRATICI NON MANDERANNO I LORO DELEGATI ALLA CONVENTION DEMOCRATICA, PREVISTA DAL 19 AL 22 AGOSTO A CHICAGO: UN CHIARO ATTO OSTILE PER SABOTARE LA CANDIDATURA - DIETRO LA LETTERA DI CLOONEY C'E' LA MANO DI OBAMA CHE DOMANI PARLERA' AGLI AMERICANI...

L’ESTATE SI CONFERMA LA STAGIONE PIÙ CRUDELE PER LE CELEBRITÀ! - DOPO TOTTI-BLASI, AMENDOLA-NERI, MARCUZZI-CALABRESI, BONOLIS-BRUGANELLI, FEDEZ-FERRAGNI, DAGOSPIA È COSTRETTA AD ANNUNCIARE LA SEPARAZIONE DI CHECCO ZALONE DALLA COMPAGNA MARIANGELA EBOLI - I DUE STAVANO INSIEME DAL 2005, ANNO IN CUI IL COMICO PUGLIESE ESORDI' SUL PALCO DI ZELIG OFF - IN BARBA ALLA LORO IDIOSINCRASIA PER IL BARNUM DEL FLASH, SULLA COPPIA CIRCOLAVANO DA TEMPO VOCI DI CRISI. IL SIPARIO SI È DEFINITIVAMENTE ABBASSATO ALCUNI GIORNI FA QUANDO CHECCO, ALL’ANAGRAFE LUCA PASQUALE MEDICI, SI È PRESENTATO NELLO STUDIO DI UN AVVOCATO DI ROMA PER ATTIVARE LE PRATICHE DI FINE RAPPORTO (MALGRADO LA NASCITA DI DUE BAMBINE, NON HANNO MAI TROVATO LA STRADA VERSO L’ALTARE PER IL FATIDICO “SÌ”)