AL BUIO E RITORNO - L’INCREDIBILE STORIA DI UN 18ENNE DELLA PROVINCIA DI VERONA FINITO IN COMA DOPO UN INCIDENTE IN MOTORINO E RITORNATO ALLA VITA QUANDO ORMAI I GENITORI AVEVANO DATO IL CONSENSO PER L’ESPIANTO DEGLI ORGANI – IL RAGAZZO AVEVA CRISI NEUROVEGETATIVE E UN DANNO CEREBRALE MOLTO PROFONDO, MA IMPROVVISAMENTE HA APERTO GLI OCCHI E HA INIZIATO A MUOVERE LE GAMBE …

-

Condividi questo articolo

Enrico Ferro per “la Repubblica”

 

lorenzo mori 1 lorenzo mori 1

Mamma Claudia è ancora confusa, guarda e riguarda il suo ragazzone biondo e non riesce proprio a fare a meno di dirla quella parola. «Miracolo, sì questo è un miracolo », ripete e ancora si commuove. I medici del reparto di terapia intensiva gliel' hanno spiegato in tutti i modi che una ragione scientifica c' è dietro a tutto questo ma a lei piace chiamarlo miracolo perché è una parola che racchiude tutto: dramma, dolore e rinascita.

 

Correre in ospedale dopo un incidente in motorino del proprio figlio, vederlo in coma, affrontare le pratiche dell' espianto degli organi, parlare di stato vegetativo. Vivere tutto questo e poi d' improvviso "puf", torna la luce: quel ragazzone parla, cammina, ti riabbraccia, torna a scuola.

ospedale 4 ospedale 4

 

«Voglio solo riprendermi la mia vita e dimenticare l' incidente» dice con burbera sincerità Lorenzo Mori, 18 anni compiuti il 2 gennaio scorso in un letto del reparto di Rianimazione dell' ospedale Borgo Trento. Non vedeva né sentiva ma intorno a lui c' era tutto l' amore di una famiglia, con mamma Claudia, papà Nicola, i fratelli Samuele e Andrea.

 

lorenzo mori 2 lorenzo mori 2

C' era l' amore di una classe, anche. Lorenzo Mori frequenta il liceo scientifico Fracastoro ed è lì che andava la mattina dell' incidente, il 20 dicembre, in una città già trafficata per la corsa agli acquisti di Natale. Lorenzo in scooter è stato travolto in via Da Mosto, stradina di quartiere tra Borgo Trento e Borgo Milano. Una Mercedes Gls l' ha preso in pieno e lui da terra non s' è più mosso. In ospedale nessuno ha nascosto la gravità della situazione, anzi.

 

«Sembrava spacciato», ricorda la madre con un nodo in gola che ancora non si è sciolto. «Aveva crisi neurovegetative e un danno cerebrale molto profondo. Ci hanno detto che sarebbe potuto rimanere in coma per anni». La parola morte entra quindi in questa famiglia, invade la casa e diventa un argomento di discussione anche con gli altri due figli, tanto che tutti insieme decidono di donare gli organi. In quei giorni i compagni di classe facevano la spola ogni giorno.

ospedale 1 ospedale 1

 

Carezze, parole bisbigliate tra i bip del respiratore elettronico, preghiere. Claudia ripensa a quei momenti: «Il giorno di Natale c' era lì più di mezza classe, a un certo punto è arrivato persino un insegnante». La rinascita di Lorenzo è anche una storia di sanità che funziona, con Paolo Zanatta, direttore di Anestesia e Rianimazione, che l' ha affrontata come una missione.

ospedale 3 ospedale 3

 

«Quel giovane va salvato », è il mantra anche tra gli infermieri che lo vegliano giorno e notte. Il ritorno alla vita porta con sé tutto il calore di una mano immobile che torna a muoversi, di una bocca che sussurra. «Improvvisamente ha aperto gli occhi e cominciato a muovere le gambe. Danni neurologici praticamente spariti, una ripresa da record», raccontano. In classe festeggiano e basta il ritorno di Lorenzo senza porsi troppe domande.

ospedale 2 ospedale 2

 

I medici la spiegano come la reazione efficace di un fisico forte che ha saputo assorbire il trauma. Ma per mamma Claudia e papà Nicola resta un miracolo, il loro miracolo, il più bello e luminoso che ci sia.

ospedale 5 ospedale 5

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY


media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

BEVI E GODI CON CRISTIANA LAURO - GIANFRANCO VISSANI SARA PAZZARIELLO QUANTO VI PARE, MA QUANDO SI METTE AI FORNELLI RESTA QUEL GRANDE CHEF CHE È SEMPRE STATO. ALLA FACCIA DEI FRANCESI CHE TRATTANO UNO DEI MONUMENTI DELLA TAVOLA ITALIANA (CASA VISSANI A BASCHI, TERNI) COME SE FOSSE UN BISTROT - AL GALA DINNER PER LA NUOVA GUIDA BIBENDA DELLA FONDAZIONE ITALIANA SOMMELIER DI FRANCO RICCI, VISSANI HA TIRATO FUORI SENSIBILITA E CORAGGIO, E UN RISOTTO IMPECCABILE PER OLTRE MILLE PERSONE

salute