IL BUSTO? TE LO STAMPO IN 3D! LA NOSTRA “STATUA” DA METTERE IN GIARDINO A LONDRA COSTA “SOLO” 99 STERLINE

Le stampanti in 3D abbinate alle materie plastiche rendono tutti dei potenziali “produttori” - Da Selfridges per 99 sterline stampano un busto di plastica perfettamente uguale a noi - Più complicato esporre in un museo la pistola “faidate” inventata da uno studente americano…

Condividi questo articolo


Claudio Gallo per La Stampa

In questi anni di corsa non si fa tempo ad annunciare una rivoluzione che subito ne incalza un'altra ancora più epocale, una specie di gara a chi prende il pesce più grosso. Adesso è il turno delle stampanti 3D, quelle che promettono di trasformare ognuno di noi in piccoli manifatturieri, come si diceva nell'800.

STATUE IN PLASTICA PRODOTTE CON STAMPANTE TRE DSTATUE IN PLASTICA PRODOTTE CON STAMPANTE TRE D

Londra è naturalmente al vertice della rivoluzione: mentre da Selfridges è possibile con «sole» 99 sterline farsi stampare un busto di plastica perfettamente uguale a noi (un «MiniMe» in onore del cattivissimo e tenero clone del Dr Male in Austin Powers), al Victoria&Albert Museum stanno cercando di esporre la Liberator Gun, la pistola fai da te, la wiki-arma progettata dallo studente di legge americano Cody Wilson in modo che ognuno possa stamparsela a casa da solo (in realtà, bisogna poi aggiungere un percussore di metallo perché funzioni).

Kieran Long, uno dei curatori delle mostre del V&A, ha detto entusiasticamente al «Guardian»: «Finora la gente si è concentrata sulla possibilità di stampare oggetti, specialmente giocattoli, ma la pistola apre scenari completamente differenti. È la disseminazione dei mezzi di produzione, ognuno diventa un potenziale produttore».

STATUE IN PLASTICA PRODOTTE CON STAMPANTE TRE DSTATUE IN PLASTICA PRODOTTE CON STAMPANTE TRE D STATUE IN PLASTICA PRODOTTE CON STAMPANTE TRE DSTATUE IN PLASTICA PRODOTTE CON STAMPANTE TRE D

Il museo ha comprato da Wilson due pistole, una montata e una disassemblata. Il progetto di esporre l'arma, un blocco di plastica bianca che sembra un aggeggio per bagnare le piante, sta però diventando per il museo un incubo legale. Il progettista ha una licenza per produrla che per ora vale solo in Texas: non sa come spedirla e non vuole portarla di persona a Londra per timore di essere accusato di porto abusivo di arma.

È ovvio che il museo ha pensato di stamparne una copia in Inghilterra, ma non è così facile. Una società londinese che stampa in 3D si è detta riluttante a produrre la Liberator non sapendo come fare con la licenza per le armi.

Molto più semplice andare nel grande magazzino di lusso Selfridges, in Oxford Street, a farsi stampare una statuetta a propria immagine, fatta di una materia plastica che sembra ceramica. La fotografia tridimensionale da cui trarre lo stampo è presa in una cabina da 40 fotocamere digitali.

STATUE IN PLASTICA PRODOTTE CON STAMPANTE TRE DSTATUE IN PLASTICA PRODOTTE CON STAMPANTE TRE D

Sylvain Preumont, il boss della iMakr, l'azienda che fornisce il macchinario, sostiene che i limiti della stampa 3D sono imposti dalla fantasia, non dalla tecnologia. L'americano Terry Wohlers, uno dei massimi esperti del settore, non è così sicuro: «Si prendono troppe scorciatoie. Per ora non vedo un grande futuro per l'uso privato. La svolta sarà nei servizi e nel campo dell'educazione».

 

STATUE IN PLASTICA PRODOTTE CON STAMPANTE TRE DSTATUE IN PLASTICA PRODOTTE CON STAMPANTE TRE D BUSTO DI THOMAS JEFFERSON REALIZZATO CON STAMPANTE TRE DBUSTO DI THOMAS JEFFERSON REALIZZATO CON STAMPANTE TRE D

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - A MEDIASET NULLA SARÀ COME PRIMA: CON PIER SILVIO E MARINA AL COMANDO, TRAMONTA LA STELLA DEL GRAN CAPO DELL'INFORMAZIONE, MAURO CRIPPA (DA OLTRE 25 ANNI SOTTO L'ALA PROTETTIVA DI CONFALONIERI) - NELLA PROSSIMA STAGIONE TV, I CONDUTTORI-ULTRA’ CHE HANNO POMPATO I VOTI DI SALVINI E ORA TIRANO LA VOLATA ALLA MELONI (DEL DEBBIO, PORRO E GIORDANO) DOVRANNO DARSI UNA REGOLATA: PIER SILVIO VUOLE UN BISCIONE PLURALISTA - LO SCAZZO DI “PIERDUDI” CON PAOLO DEL DEBBIO - NICOLA PORRO, SE NON SI TOGLIE IL FEZ, RISCHIA DI PERDERE IL PROGRAMMA: LO STIPENDIO GLIELO PAGA MEDIASET, NON FRATELLI D’ITALIA - SILVIO NON C'E' PIU', CONFALONIERI HA 87 ANNI E CRIPPA INIZIA A PRENDERE CEFFONI: LA CACCIATA DELLA D’URSO E IL LICENZIAMENTO IN TRONCO DI DEL CORNO…

DAGOREPORT - I FRATELLINI D’ITALIA VARANO TELE-MELONI CON GIAMPAOLO ROSSI SEDUTO SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO E SIMONA AGNES (IN QUOTA FORZA ITALIA) ALLA PRESIDENZA - ALLA LEGA, CHE VUOLE LA DIREZIONE GENERALE, NIENTE. SALVINI S'INCAZZA DI BRUTTO E SFANCULA I MELONI DI VIALE MAZZINI: LE NOMINE RAI RISCHIANO DI SALTARE A SETTEMBRE - LA DAGO-INDISCREZIONE DI UNA TRATTATIVA IN CORSO PER UN TRASLOCO DI FIORELLO A DISCOVERY NON HA FATTO PER NIENTE PIACERE (EUFEMISMO) ALLA MELONA. C’È UN ANTICO AFFETTO E SIMPATIA TRA FIORELLO E L’EX BABY SITTER DELLA FIGLIA OLIVIA DIVENTATA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. ED È SUBITO PARTITA UNA TELEFONATA DELLA MELONA AI “SUOI” DIRIGENTI RAI: IL SUO “FIORE ALL’OCCHIELLO” DEVE RESTARE IN AZIENDA A QUALSIASI COSTO…

DAGOREPORT - GIORGIA MELONI È AL SUO PIÙ IMPORTANTE BANCO DI PROVA: IL VOTO PER L’ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE DEFINIRÀ IL SUO PROFILO INTERNAZIONALE. FARÀ UNO SCATTO DA STATISTA, METTENDO GLI INTERESSI ITALIANI AL CENTRO E VOTANDO PER LA RICONFERMA DI URSULA VON DER LEYEN O DIRÀ “NO, GRAZIE”, IN VERSIONE RAMBA DELLA GARBATELLA, SPINGENDO L’ITALIA IN UN MARE DI GUAI? - DAL MES AL PATTO DI STABILITA’, DALLA FINANZIARIA AL POSTO DA COMMISSARIO, CON BRUXELLES BISOGNERA’ TRATTARE: MEGLIO FARLO DA AMICO CHE DA NEMICO - LA SPINTA DI CONFINDUSTRIA, TAJANI E CROSETTO: GIORGIA, VOTA URSULA…

DAGOREPORT - DOPO LA CONFERENZA STAMPA AL VERTICE NATO, BIDEN HA PARTECIPATO A UNA CONFERENCE CALL CON BARACK OBAMA, IL LEADER DEI DEMOCRATICI AL SENATO, CHUCK SCHUMER, E LA GOVERNATRICE DEL MICHIGAN, GRETCHEN WHITMER. I TRE SONO STATI PIUTTOSTO ASSERTIVI NEL FAR CAPIRE A BIDEN CHE LA SITUAZIONE È PRECIPITATA: SE NON FARÀ UN PASSO INDIETRO, I GOVERNATORI DEMOCRATICI NON MANDERANNO I LORO DELEGATI ALLA CONVENTION DEMOCRATICA, PREVISTA DAL 19 AL 22 AGOSTO A CHICAGO: UN CHIARO ATTO OSTILE PER SABOTARE LA CANDIDATURA - DIETRO LA LETTERA DI CLOONEY C'E' LA MANO DI OBAMA CHE DOMANI PARLERA' AGLI AMERICANI...

L’ESTATE SI CONFERMA LA STAGIONE PIÙ CRUDELE PER LE CELEBRITÀ! - DOPO TOTTI-BLASI, AMENDOLA-NERI, MARCUZZI-CALABRESI, BONOLIS-BRUGANELLI, FEDEZ-FERRAGNI, DAGOSPIA È COSTRETTA AD ANNUNCIARE LA SEPARAZIONE DI CHECCO ZALONE DALLA COMPAGNA MARIANGELA EBOLI - I DUE STAVANO INSIEME DAL 2005, ANNO IN CUI IL COMICO PUGLIESE ESORDI' SUL PALCO DI ZELIG OFF - IN BARBA ALLA LORO IDIOSINCRASIA PER IL BARNUM DEL FLASH, SULLA COPPIA CIRCOLAVANO DA TEMPO VOCI DI CRISI. IL SIPARIO SI È DEFINITIVAMENTE ABBASSATO ALCUNI GIORNI FA QUANDO CHECCO, ALL’ANAGRAFE LUCA PASQUALE MEDICI, SI È PRESENTATO NELLO STUDIO DI UN AVVOCATO DI ROMA PER ATTIVARE LE PRATICHE DI FINE RAPPORTO (MALGRADO LA NASCITA DI DUE BAMBINE, NON HANNO MAI TROVATO LA STRADA VERSO L’ALTARE PER IL FATIDICO “SÌ”)