DOVE C’È UN PRETE, C’È UNA CAPPELLA - IN PROVINCIA DI CATANIA, UN RELIGIOSO SCAMBIA FOTO E VIDEO HARD CON UN 30ENNE E FINISCE UCCELLATO: LA FIDANZATA DEL RAGAZZO INIZIA A RICATTARLO CHIEDENDOGLI SOLDI PER NON DIFFONDERE I FILMATI - IL PRETE HA SGANCIATO 7.600 EURO MA ALLA TERZA RICHIESTA DI SOLDI…

-

Condividi questo articolo


Da https://www.leggo.it/

 

I PRETI E IL SESSO I PRETI E IL SESSO

Aveva scambiato foto e video a luci rosse con il suo fidanzato: così una ragazza di 28 anni ha iniziato a chiedere soldi ad un sacerdote per evitare la diffusione degli scatti e dei filmati. Accade in provincia di Catania. Un ricatto a cui il prete ha ceduto per ben due volte, dandole in due occasioni un totale di 7.600 euro: ma dopo la terza richiesta di soldi, è andato dai carabinieri e ha denunciato la giovane.

 

Dopo la denuncia sono scattate le indagini, con la Procura di Catania che ha chiesto e ottenuto dal Gip un'ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari per estorsione nei confronti della donna: ad accusarla c'erano messaggi, telefonate, cellule telefoniche e accertamenti sui social network. Su un social network era iniziato tutto nel gennaio del 2019 quando il prete accettò l'amicizia di un 30enne imbianchino.

 

I PRETI E IL SESSO I PRETI E IL SESSO

Il giovane afferma di essere in ritiro con la squadra di calcio dilettanti in cui gioca dalle sue parti, che gli avrebbe detto di essere interessato a nuove esperienze sessuali pur essendo fidanzato con una ragazza di 28 anni. L'uomo, che non è indagato, lo 'pressa' inviandogli una sua foto e lo invita a un incontro in una struttura alberghiera di un suo conoscente dove non sarebbe rimasta traccia della sua presenze perché non sarebbe stata registrata. Al diniego del prete insiste postando suoi scatti in cui è nudo e in posizioni 'provocatorie'.

 

I PRETI E IL SESSO I PRETI E IL SESSO

Il sacerdote 'risponde' con foto e un suo video altrettanto esplicito, e lì iniziano le richieste di denaro: è il 30enne a dire al prete che la sua fidanzata, per gelosia, ha controllato il suo cellulare e ha trovato il materiale che lui gli aveva inviato. Facendo scattare, spiega ancora, la rabbia della donna che vuole denunciare tutto all'Arcivescovado di Catania ed alla trasmissione televisiva «Le Iene».

 

È lui allora a indicargli la soluzione: «incontrala e dille che nel 2018 avevo fatto dei lavori di tinteggiatura in parrocchia e che devi saldarmi ancora 3.600 euro». Il sacerdote accetta, per evitare lo scandalo, e incontra la 28enne in una villa comunale dove le consegna i soldi. Lei, col volto travisato da sciarpa, cappello e occhiali, prende il denaro e lo rassicura: «sono una ragazza di chiesa, felice in questo momento di avere salvato la reputazione di un sacerdote e del mio fidanzato».

I PRETI E IL SESSO I PRETI E IL SESSO

 

La donna però si rifà viva e chiede altri 4.000 euro perché, sostiene, era rimasta incinta e i suoi l'avevano cacciata di casa. Identica modalità di incontro e consegna dei soldi da parte del prete e la promessa «sul bambino che porto in grembo» che non l'avrebbe più chiamato. Impegno non mantenuto con la terza richiesta di denaro sui social network della vittima, che riceve anche telefonate anonime e una volta è affrontato anche in strada. È l'ultima minaccia a fare trovare al sacerdote il coraggio di porre fine al ricatto: va in caserma e denuncia tutto ai carabinieri che avviano le indagini che si concludono con gli arresti domiciliari per estorsione della donna.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LUGLIO SI CONFERMA IL MESE PIÙ CRUDELE PER IL FASCISMO DI IERI (25 LUGLIO, LA CADUTA DEL DUCE) E PER IL POST-FASCISMO DI OGGI (18 LUGLIO, L’EURO-CAPITOMBOLO DELLA DUCETTA) - IL "NO" A URSULA VON DER LEYEN SEGNA LO SPARTIACQUE DEL GOVERNO MELONI NON SOLO IN EUROPA MA ANCHE IN CASA: SI TROVERÀ CONFICCATA NEL FIANCO NON UNA BENSÌ DUE SPINE. OLTRE ALL'ULTRA' SALVINI, S'AVANZA UNA FORZA ITALIA CON VOLTI NUOVI, NON PIÙ SUPINA MA D’ATTACCO, CHE ''TORNI AD ESSERE RIFERIMENTO DEI TANTI MODERATI DEL PAESE” (PIER SILVIO) - ORA I PALAZZI ROMANI SI DOMANDONO: CON DUE ALLEATI DI OPPOSIZIONE, COSA POTRÀ SUCCEDERE AL GOVERNO DELLA UNDERDOG DELLA GARBATELLA? NELLA MENTE DELLA DUCETTA SI FA STRADA L’IDEA DI ANDARE AL VOTO ANTICIPATO (COLLE PERMETTENDO), ALLA RICERCA DI UN PLEBISCITO CHE LA INCORONI “DONNA DELLA PROVVIDENZA” A PIAZZA VENEZIA - MA CI STA TUTTA ANCHE L’IDEA DI UNA NUOVA FORZA ITALIA CHE RIGETTI L'AUTORITARISMO DI FDI PER ALLEARSI CON IL PARTITO DEMOCRATICO E INSIEME PROPORSI ALL’ELETTORATO ITALIANO COME ALTERNATIVA AL FALLIMENTO DEL MELONISMO DEL “QUI COMANDO IO!”

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"?