UNA GRANDE CAZZATA O UN CAPOLAVORO? LA SECONDA CHE HAI DETTO - IL FILM "TITANE" DI JULIA DUCOURNAU, CHE HA VINTO LA PALMA D’ORO AL 74° FESTIVAL DI CANNES, È L'OPERA DI UNA VISIONARIA; LA STORIA DI ALEXIA, UNA SERIAL KILLLER CHE FA SESSO CON UN'AUTO, PRIMA DI TRASFORMARSI IN UNA FAVOLA MODERNA SU QUANTO LE PERSONE ABBIANO SOLO BISOGNO DI QUALCUNO CHE SI PRENDA CURA DI LORO - ''QUESTO È UN FILM CHE DEVE ESSERE VISTO SU UN GRANDE SCHERMO CON UN SUONO ANCORA PIÙ GRANDE E UNA FOLLA URLANTE CHE TI CIRCONDA DA TUTTI I LATI" - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Dagotraduzione da Indiewire

 

Titane Titane

Durante la prima metà di “Titane”, il film di Julia Ducournau, è difficile dire se si sta guardando la più grande cazzata mai realizzata sull'idea di famiglia, o il film più dolce mai fatto su un serial killer che fa sesso con un'auto, si spaccia per la versione adulta di un ragazzo del posto scomparso un decennio prima, e poi si trasferisce prontamente dal padre in lutto. Durante il secondo tempo, diventa ovvio che il film è entrambe le cose, che in qualche modo non potrebbe essere uno senza l'altro.

 

Titane 2 Titane 2

Dopo il cannibale "Raw", film che spinge il suo fascino per la fame e la malleabilità della carne umana ad altri estremi, Ducournau ha mantenuto la promessa fatta al suo debutto.

 

Qualunque cosa il pubblico sia disposto a trarne, non si può negare che "Titane" è l'opera di una visionaria; prima di trasformarsi in una favola moderna su quanto le persone abbiano solo bisogno di qualcuno che si prenda cura di loro, la pellicola ha un'aria scintillante di fuoco e metallo, una sorta di incrocio tra "Crash" di David Cronenberg e "Tetsuo: The Iron Man" di Shinya Tsukamoto.

 

Titane 9 Titane 9

I genitori di Alexia non hanno mai veramente rispettato nessuna delle due estremità di quell'accordo – men che meno lo squallido padre, interpretato dal regista di “Nocturama” Bertrand Bonello.

 

La prima volta che la incontriamo è una ragazza pre-adolescente seduta sul sedile posteriore della berlina di suo padre e che gira rumorosamente il suo corpo come se fosse una Ferrari. Si infastidisce, distoglie lo sguardo dalla strada, e nella scena successiva Alexia è in un ospedale con una placca di titanio impiantata chirurgicamente nel suo cranio. «Fate attenzione a eventuali segni neurologici», dice il medico ai suoi genitori. Chiunque abbia visto "Raw" starà già ridacchiando.

 

Titane 3 Titane 3

Si passa poi al presente, quando Alexia è un modello di auto sulla trentina, conciso e severo, incarnato dalla nuova arrivata Agathe Rousselle (in una performance indimenticabile che spesso evoca un'interpretazione gender-fluid della vulnerabilità omicida che Scarlett Johansson ha portato in "Under the Skin").

 

Indossa i suoi capelli biondi arruffati in modo che la cicatrice del suo impianto sia ancora estremamente visibile sul lato della testa, come se volesse che il mondo conosca il metallo dentro di lei.

 

Titane 4 Titane 4

Alexia si contorce sulle muscle car mentre i fan maschi arrapati si mettono in fila per i selfie, ma il piacere sembra essere tutto suo. Quando uno di quei fan maschi arrapati si rifiuta di accettare un "no" come risposta nel parcheggio dopo un evento, Alexia non reagisce bene.

 

Preferisce la compagnia di un veicolo molto speciale, uno che la chiama dall'oscurità con i suoi abbaglianti. Mentre ogni fotogramma della cinematografia lucida e ultra-satura di Ruben Impens lascia un'impressione, l'ampia inquadratura chiaroscurale di una Rousselle appena lavata che cammina nuda verso l'auto impaziente e fa gocciolare una scia bagnata d'acqua sul pavimento del garage sembra il tipo di un'immagine cinematografica che potrebbe sopravvivere a tutti noi.

 

Titane 5 Titane 5

Il checazzo! raggiunge il culmine presto, ma il divertimento sta appena cambiando marcia quando Alexia si imbarca presto in un'esilarante follia omicida così avventata e fuori controllo che nemmeno lei sembra capire cosa lo stia guidando.

 

A un certo punto, radersi la testa, fasciarsi i seni e assumere l'identità di un ragazzino scomparso da tempo di nome Adrien Legrand sembra la migliore scommessa di Alexia per sfuggire alla polizia. Fa jackpot: il padre di Adrien, Vincent potrebbe essere il capitano dei pompieri più spaventosamente ultra-maschile di tutta la Francia, ma è anche così felice di riavere suo figlio che aprirà il suo cuore a chiunque entri dalla porta.

 

Titane 6 Titane 6

È negazione o è pura disperazione? "Titane" risponde a questa domanda in modo commoventemente esplicito verso la fine, anche se gli sguardi di giudizio degli altri vigili del fuoco che vivono alla stazione sono pronti a indicare che il film ha almeno un piede nel mondo reale.

 

Per la maggior parte, tuttavia, Ducournau è felice di trasmettere la sua storia con mezzi più indiretti: una violenta danza con la colonna sonora del classico degli Zombies "She's Not There"; l'invocazione più morbosa del cinema della “Macarena”; uno spogliarello in cima a un camion dei pompieri che cattura un gruppo di giovani uomini in uno stato di eccitazione confusa.

 

Titane 7 Titane 7

Quest'ultimo esempio suggerisce solo uno dei tanti modi diversi in cui l'eteronormatività viene sconvolta in un sogno febbrile di un film in cui il sesso trasgressivo apre la strada ai miracoli e l'identità di genere non interferisce mai nemmeno con l'espressione più militaristica dell'amore paterno.

 

Le parole "Non mi interessa chi sei" raramente hanno avuto così tanto peso. Guardando l'ultima scena iconica di "Titane" - uno spettacolare pasticcio di olio per motori e catarsi che ti lascerà a bocca aperta - è difficile non pensare che questo sia il futuro che vogliono i liberali.

 

Titane 8 Titane 8

Anche per tutti i suoi svolazzi da favola, "Titane" può essere un po' troppo vago per il suo bene. Lindon mostra più dettagli e sensazioni possibili in un personaggio definito da iniezioni di steroidi e sguardi duri (pensa meno a Paddington e più a R. Lee Ermey), ma Vincent è ancora tenuto a distanza da noi anche quando Alexia passa in secondo piano, come se Ducournau temesse che passare troppo tempo con lui potrebbe costringere il film in una direzione insostenibile.

 

Allo stesso modo, per tutta la fisicità tonificante che Rousselle apporta al suo ruolo – e nonostante quanto spettacolarmente resistente “Titane” possa essere al tipo di metafore a circuito chiuso che hanno lasciato “Raw” meno avventuroso di quanto non sapesse – ci sono così tante domande senza risposta su Alexia che spesso ti chiedi cos’è che la fa davvero eccitare.

 

titane 1 titane 1

Detto questo, la magia di “Titane” (di cui almeno una componente importantissima è stata omessa da questa recensione, anche se diventerà sicuramente l'elemento caratterizzante del film) è dovuta anche alla grazia con cui Ducournau intreccia chiarezza e follia, shock e riconoscimento, acceleratore e frizione.

 

Se Alexia è un personaggio meno completo di quanto non sia il motore a otto cilindri omicida che ci alimenterà in un futuro in cui le persone sono malleabili come il metallo all'interno della sua cupola, allo stesso tempo è abbastanza pulito.

 

Il chilometraggio varierà, ma è facile immaginare che gli spettatori saranno desiderosi di riempire gli spazi vuoti che Ducournau ha lasciato alle spalle quando questo film uscirà nelle sale. E, a meno che non sia necessario dirlo, questo è un film che deve essere visto su un grande schermo con un suono ancora più grande e una folla urlante che ti circonda da tutti i lati.

titane titane

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

MOVIMENTO “MARI-STELLI” - IL PORTAVOCE DI LUIGI DI MAIO, PEPPE MARICI, CHE DOMENICA SPOSA LA VICE-MINISTRA ALL’ECONOMIA LAURA CASTELLI, SI CONFIDA CON TELESE: “IL NOSTRO È UNA SORTA DI ‘AMORE A CINQUE STELLE’, MA NON È UN FILM DEI VANZINA” - “PER VEDERCI DI PIÙ ABBIAMO DOVUTO OCCUPARCI DI INTERNAZIONALIZZARE IL MADE IN ITALY ALLA FARNESINA. LAURA È UNA GRANDE CUOCA. È LA REGINA DELLO SVUOTAFRIGO. QUALSIASI COSA TROVI NE TRAE UN GRANDE PIATTO. HO DOVUTO FARE UN SERIO ACCORDO POLITICO CON LEI. PUÒ STARE ANCHE FINO ALLE TRE SUL DIVANO, A STUDIARE UN DOSSIER, MA IL LETTO È SACRO. QUANDO VIENE A DORMIRE…”

business

PULIZIE IN CORSO A ROCCA SALIMBENI: IL TESORO STA TRATTANDO CON LA COMMISSIONE EUROPEA PER TROVARE UN COMPROMESSO SULLA PROROGA DELL’USCITA DELLO STATO DA MPS. LA SPERANZA DEL GOVERNO È RIUSCIRE A RIMANERE NEL CAPITALE DEL “MONTE” ALMENO FINO ALL’AUTUNNO 2023. BISOGNA TAGLIARE I RAMI SECCHI E SNELLIRE GLI ATTIVI, PER POI VENDERE L’AZIENDA RISANATA E DIMAGRITA. A QUEL PUNTO UNICREDIT POTREBBE RIENTRARE IN PARTITA - L’IPOTESI MASSIAH COME AD E I 6,2 MILIARDI DI RISCHI LEGALI DA SBOLOGNARE A FINTECNA, SOCIETÀ DI CDP

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute