INGULATI DAGLI UNGULATI: A COSA SERVE  L’AUTOSTRADA ASTI-CUNEO? A FARCI PASSEGGIARE I CINGHIALI – LA FOTO SIMBOLO DI UN’OPERA INCOMPIUTA. NON MANCA CHI FA NOTARE I CONTINUI RINVII DEI LAVORI CHE HANNO RIDOTTO L’AUTOSTRADA A UN CANTIERE PERENNE...

-

Condividi questo articolo

Da blitzquotidiano.it

 

Una famiglia di cinghiali, in fila, sull’autostrada Asti-Cuneo all’altezza dell’uscita di Asti. E’ la curiosa fotografia immortalata da un automobilista che sta facendo il giro del web.

cinghiali asti cuneo cinghiali asti cuneo

La foto è diventata subito virale su internet.

 

Tanti i commenti sui social, che puntano l’attenzione sulla presenza sempre maggiore degli ungulati a ridosso delle città. Ma anche sui danni che questi animali provocano all’agricoltura. Non manca chi fa notare i continui rinvii dei lavori che hanno ridotto la Asti-Cuneo a un cantiere perenne.

 

Lo scorso primo ottobre, sull’autostrada A26 tra i caselli di Biandrate e Romagnano Sesia, due uomini sono morti e un altro è rimasto ferito su un’auto che è uscita di strada dopo essersi scontrata con un branco di cinghiali.

autostrada asti cuneo autostrada asti cuneo

 

Le proposte di Aci e Uncem per la Asti-Cuneo

Aci e Uncem hanno preso atto delle proposte complessive avanzate dalla Provincia di Cuneo al fine di ottenere i finanziamenti europei. Ecco la loro proposta per la Asti-Cuneo: 

 

Grazie al costante impegno della Provincia, degli Enti Locali e della Regione paiono risolte le questioni pendenti con il concessionario sia per la scelta del tracciato dei lotti mancanti sia per il finanziamento: occorre aprire al più presto i cantieri per il lotto da Alba a Roddi e accelerare i tempi della progettazione del lotto Roddi -Cherasco.

Tenuto conto dei continui rinvii degli ultimi dieci anni è opportuno che il Governo nomini un Commissario “politico” nella persona del Presidente della Regione Piemonte, come è stato per il ponte di Genova. (Fonti: Ansa e Cuneo24)

autostrada asti cuneo autostrada asti cuneo

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

SALVA STATI O SALVA BANCHE? – LA RIFORMA DEL MES DI CUI SI PARLA IN QUESTI GIORNI RIGUARDA PRINCIPALMENTE GLI ISTITUTI DI CREDITO (DEGLI ALTRI) E NON C’ENTRA NIENTE CON IL MECCANISMO “SANITARIO” – IL RISCHIO PRINCIPALE A CUI HANNO ALLUSO GALLI E VISCO (MICA BORGHI & BAGNAI) È AVVICINARE UNA RISTRUTTURAZIONE “ALLA GRECA” DEL DEBITO PUBBLICO. IL MES E LA COMMISSIONE EUROPEA AVREBBERO IL COMPITO DI MONITORARE PREVENTIVAMENTE LA SITUAZIONE FINANZIARIA DEGLI STATI MEMBRI, INDIPENDENTEMENTE DALLE RICHIESTE DI SOSTEGNO…

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute