IO SONO TE, TU SEI ME - DA NEONATE FURONO SCAMBIATE IN CULLA MA LA SCOPERTA DELLA LORO VERA IDENTITÀ È AVVENUTA 23 ANNI DOPO GUARDANDO DELLE FOTO SUI SOCIAL - LA REGIONE PUGLIA HA PREVISTO UN RISARCIMENTO DA 1 MILIONE DI EURO - L’ESISTENZA DI ANTONELLA È STATA A DIR POCO DIFFICILE: LA MADRE L'HA ABBANDONATA DA PICCOLA, IL PADRE L'HA MALTRATTATA AL PUNTO DA FARLA FINIRE IN ORFANOTROFIO E POI IN ADOZIONE. LA VITA DELL'ALTRA BAMBINA, LORENA, INVECE...

Condividi questo articolo


Da https://bari.repubblica.it

 

neonato 2 neonato 2

La Regione Puglia pagherà un milione di euro a una 33enne di Canosa e alla sua vera famiglia (madre, padre e fratello), a cui per 23 anni sono stati impediti i rapporti familiari a causa dello scambio di due neonate nella culla. La sentenza del Tribunale civile di Trani arriva a dieci anni dalla scoperta dell'assurda storia delle bambine di Canosa, partorite il 22 giugno 1989 e poi affidate per errore a due madri che non erano quelle naturali.

 

Una di loro, Caterina (che credeva di aver partorito la bimba chiamata Lorena e invece era la mamma di Antonella) dovrà essere risarcita per 215mila euro, così come il marito, mentre 81mila euro andranno all'altro figlio, "per non aver potuto vivere compiutamente la relazione parentale". Ad Antonella, invece, la Regione pagherà circa mezzo milione (a fronte di una richiesta di tre), anche se nessuna cifra potrà mai restituirle la vita mancata.

 

neonato 2 neonato 2

La sua esistenza è stata a dir poco difficile e in una famiglia indigente: la madre l'ha abbandonata da piccola, il padre l'ha maltrattata al punto da farla finire in orfanotrofio e poi in adozione. Meno disastrosa, ma comunque non serena, la vita dell'altra bambina, Lorena, caratterizzata da un rapporto difficile con i genitori.

 

La scoperta della loro vera identità è avvenuta casualmente nel 2012, guardando delle foto su facebook e notando delle somiglianze tra donne che non avevano alcun legame di parentela.

 

neonato 5 neonato 5

A dare conferma ai sospetti, l'anno successivo è arrivato il test del dna, dal quale è emerso che Antonella è figlia di Caterina e Lorena di Loreta. Quella scoperta scioccante, alcuni anni dopo, si è tradotta in due richieste di risarcimento milionarie alla Regione, tramite le cause avviate davanti ai Tribunali di Bari e Trani. La seconda è stata intentata da Antonella e dai suoi veri genitori contro la Regione e le Asl Bari e Bat, che però non sono state ritenute legittimate a risarcire eventuali danni. L'unica responsabile, alla fine, sarebbe dunque la Regione, perché ad essa faceva capo l'ospedale di Canosa nel quale avvenne lo scambio.

 

 

neonato neonato

L'episodio che ha cambiato le vite di Antonella e Lorena sarebbe avvenuto dopo il parto, quando le neonate sono state portate al nido, dove a nessuna delle due fu applicato il braccialetto identificativo. In tal modo - è scritto nella sentenza - le mamme non ebbero modo di accorgersi dell'errore, anche se da quel momento cominciò a concretizzarsi il danno. Il personale ospedaliero, sostiene oggi il giudice, ha infatti l'obbligo di operare perché il parto e le successive cure avvengano senza danni ma anche di "consegnare" alla madre il neonato che ha partorito. Tale "inadempimento contrattuale" da parte della struttura avrebbe determinato un enorme danno per tutte le persone coinvolte nella vicenda.

neonato neonato

 

 

La Regione ha anche giocato la carta della prescrizione, puntando sul fatto che il presunto danno dovrebbe essere calcolato a partire dal momento della nascita. Ma secondo il tribunale il danno si conteggia da quando i protagonisti della vicenda hanno avuto cognizione dello scambio, quindi dal 2012, il che elimina ogni ipotesi di prescrizione.

 

india neonati india neonati neonato neonato

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

“LE SUE INTERVISTE ILLUMINANO PIÙ LEI CHE L’INTERVISTATO” – LA STILETTATA DI SELVAGGIA LUCARELLI A FRANCESCA FAGNANI: “VUOLE VINCERE, NON CONOSCERE L’INTERVISTATO” – “MI SONO GIUSTIFICATA PIÙ VOLTE PER NON ESSERE ANDATA DA LEI CHE PER NON AVER BATTEZZATO MIO FIGLIO, NON HO BEN CAPITO PERCHÉ! COMINCIO A PENSARE CHE BELVE SIA UNA SPECIE DI LEVA OBBLIGATORIA. SONO OBIETTORE DI COSCIENZA!" - “SE È VISSUTO COME ATTO DI CORAGGIO, È UN PROBLEMA: VUOL DIRE CHE È PERCEPITA COME UN’IMBOSCATA. NON C’È ASCOLTO, MA...

politica

E TANTI SALUTI ALLA SEGRETEZZA DELLE FONTI – LA PROCURA DI ROMA HA ACQUISITO I TABULATI TELEFONICI DI SIGFRIDO RANUCCI E GIORGIO MOTTOLA, DI “REPORT”, PER IDENTIFICARE LA FONTE DELLA NOTIZIA DELL’INCONTRO TRA RENZI E MARCO MANCINI, IL 23 DICEMBRE 2020 – LA QUESTIONE È QUANTOMENO DELICATA: POTREBBERO MONITORARE TUTTI I CONTATTI AVUTI DAI CRONISTI NEGLI ULTIMI MESI, ENTRANDO IN POSSESSO DI UN NUMERO NOTEVOLE DI POSSIBILI FONTI - L'INSEGNANTE CHE HA FILMATO L'INCONTRO NON HA LEGAMI CON I SERVIZI, COME IPOTIZZATO DA RENZI

business

cronache

GIANDAVIDE DE PAU HA AGITO CON “ESAGERATA VIOLENZA” – IL KILLER DI PRATI HA COLPITO LE DUE PROSTITUTE CINESI CON CINQUANTA COLTELLATE: NELLA FOGA, LE AVREBBE FERITE PIÙ VOLTE NEGLI STESSI PUNTI TANTO DA ALLARGARE I TAGLI E RENDERE COMPLICATO CAPIRE QUALE SIA L’ARMA DEL DELITTO (CHE ANCORA NON È STATA RITROVATA) – IL MISTERO DELL’INCIDENTE: L’UOMO AL VOLANTE DELLA SUA TOYOTA IQ, CHE SI È RIBALTATA VICINO AL POLICLINICO TOR VERGATA, NON ERA LUI. DOVE STAVA CORRENDO? E PERCHÉ SI È ALLONTANATO RIFIUTANDO LE CURE?

sport

cafonal

CAFONALISSIMO SBANCATO! – ALLA GALLERIA DORIA PAMPHILJ SI SONO PRESENTATI I CARICHI DA NOVANTA PER LA PRIMA EDIZIONE DEL PREMIO “BANCOR” (DALLO PSEUDONIMO USATO DA GUIDO CARLI PER I SUOI ARTICOLI SULL’’“ESPRESSO”) – IL RICONOSCIMENTO, ISTITUITO DALL'ASSOCIAZIONE GUIDO CARLI CON IL PATROCINIO DI BANCA IFIS, È ANDATO A SIR MERVYN KING, EX GOVERNATORE DI BANK OF ENGLAND – A MODERARE LUCIA ANNUNZIATA. SONO INTERVENUTI IL GOVERNATORE DI BANKITALIA, IGNAZIO VISCO, E IL PRESIDENTE DELLA CONSOB, PAOLO SAVONA. AVVISTATI ANCHE GLI EX MINISTRI DANIELE FRANCO, TIZIANO TREU E  L’INAFFONDABILE "LAMBERTOW" DINI…

viaggi

salute