KIM LIBERA TUTTI – FORSE NON LO SAPEVATE, MA NEGLI ULTIMI TRE MESI LA PIÙ FAMOSA DELLE SORELLE KARDASHIAN, TRA UNA FOTO ALLE CHIAPPONE E L'ALTRA, SI È IMPEGNATA PERSONALMENTE ANCHE SUI DIRITTI CIVILI RIUSCENDO A RIPORTARE IN LIBERTÀ 17 CONDANNATI ALL’ERGASTOLO PER REATI DI DROGA – TUTTO È NATO CON LA GRAZIA CHIESTA (E OTTENUTA) PER ALICE MARIE JOHNSON, POI CI HA PRESO GUSTO E… – VIDEO

-

Condividi questo articolo

 

Anna Guaita per www.ilmessaggero.it

 

kim kardashian kim kardashian

E’ famosa in tutto il mondo per i suoi interventi sui social media, per i prodotti di bellezza e di moda che portano il suo nome, per i programmi tv che la vedono protagonista con la famiglia. Ma finora Kim Kardashian non era famosa come attivista dei diritti civili. Lei stessa non ha fatto nulla perché venisse alla luce il suo impegno. Anzi, ha lavorato silenziosamente, dietro le quinte. Ma il sito di pettegolezzi americano Tmz ha presentato la storia in esclusiva rivelando che la 39enne star si è impegnata personalmente, insieme al proprio avvocato, per riportare in libertà 17 detenuti che erano stati condannati all’ergastolo per reati non violenti legati alla droga. E tutto in soli tre mesi.

 

Si sapeva che l’anno scorso Kim era riuscita a ottenere che Donald Trump concedesse la grazia a Alice Marie Johnson, una donna di 63 anni che era stata condannata al carcere a vita per spaccio di cocaina e riciclaggio di denaro. Alice era in prigione già da 22 anni quando Kim era venuta a conoscenza del suo caso e si era battuta personalmente presso il presidente.

 

kim kardashian e trump 5 kim kardashian e trump 5

Ma dopo questa esperienza, Kim ha deciso che voleva fare altro e di più. Con l’aperto sostegno del marito, il rappista Kanye West, non solo ha annunciato che si metteva a studiare legge, con l’intento di prendere la laurea entro tre anni, ma nel frattempo si è messa a lavorare con l’avvocato Brittany Barnett, fondatrice di “Buried Alive” (Sepolti Vivi), un’organizzazione che si batte contro l’ergastolo.

 

kim kardashian 11 kim kardashian 11

Contrariamente a quel che fa nella sua carriera pubblica, tutta basata sulla pubblicità, in questo campo Kim ha mantenuto un ammirevole riserbo. Tmz è riuscito comunque a scoprire il nome di alcuni dei 17 detenuti che Kim e Brittany Barnett sono riuscite a liberare: Eric Balcom, in prigione da 16 anni, Jamelle Carraway, da 11 anni, Terrence Byrd, da 25. Tutti i detenuti liberati erano in prigione a vita per reati legati allo spaccio di droga. Erano cioè stati vittime della severissima legge “three strikes and you are out”, che obbligava i giudici ad applicare l’ergastolo a chi fosse arrivato alla terza condanna. La legge era passata agli inizi degli anni Novanta, quando il Paese era in preda a un’ondata di crimine violento, e l’opinione pubblica voleva soluzioni “forti”.

kim kardashian 1 kim kardashian 1

 

Da allora però il crimine è calato moltissimo, e l’opinione pubblica oggi e molto più disposta alla compassione. E difatti lo scorso dicembre democratici e repubblicani hanno approvato una storica legge di riforma del sistema carcerario federale, il “First Step Act”, che Donald Trump ha firmato, che riduce le pene e abolisce da ora in poi il concetto di “three strikes and you are out”.

detenuti fatti liberare da kim kardashian 1 detenuti fatti liberare da kim kardashian 1

 

Kim e l’avvocato Burnett hanno usato proprio lo spirito di questa legge per aiutare detenuti modello, che si erano meritati la libertà. E non hanno finito. Pare che stiano studiando molti altri casi. 

kim kardashian kim kardashian kim kardashian 14 kim kardashian 14 kim kardashian 15 kim kardashian 15 detenuti fatti liberare da kim kardashian 3 detenuti fatti liberare da kim kardashian 3 kim kardashian kim kardashian kim kardashian kim kardashian detenuti fatti liberare da kim kardashian 2 detenuti fatti liberare da kim kardashian 2

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

BEVI E GODI CON CRISTIANA LAURO - GIANFRANCO VISSANI SARA PAZZARIELLO QUANTO VI PARE, MA QUANDO SI METTE AI FORNELLI RESTA QUEL GRANDE CHEF CHE È SEMPRE STATO. ALLA FACCIA DEI FRANCESI CHE TRATTANO UNO DEI MONUMENTI DELLA TAVOLA ITALIANA (CASA VISSANI A BASCHI, TERNI) COME SE FOSSE UN BISTROT - AL GALA DINNER PER LA NUOVA GUIDA BIBENDA DELLA FONDAZIONE ITALIANA SOMMELIER DI FRANCO RICCI, VISSANI HA TIRATO FUORI SENSIBILITA E CORAGGIO, E UN RISOTTO IMPECCABILE PER OLTRE MILLE PERSONE

salute