“DI BATTISTA DICE CHE QUANDO SARÀ SINDACO MI FARÀ FARE TUTTO” – 'ER MONNEZZA' CERRONI, RAS DI MALAGROTTA, IS BACK: “HO UN PROGETTO PER SALVARE ROMA DAI RIFIUTI. LA CITTA’ E’ ANDATA BENE FINO AL 2016 QUANDO FORTINI HA CHIUSO ROCCA CENCIA...SALVINI DICE CHE SOLO QUA CI SONO EPIDEMIE DA RIFIUTI? PER LUI HO UN DETTO DEI CONTADINI: CHI POCO SA, PRESTO PARLA. NON A CASO NEL '95 LA "SUA" MILANO MI VENNE A CERCARE PER…”

-

Condividi questo articolo

Andrea Arzilli per il Corriere della Sera - Roma

 

cerroni cerroni

«Io ti salverò, come il film con Ingrid Bergman e Gregory Peck». Parla Manlio Cerroni, 92 anni, una vita a lavorare sulla spazzatura romana (e non solo) tra impianti attivi, discariche dismesse, polemiche politiche e grane giudiziarie. L' ultima delle quali - l' inchiesta su Malagrotta che lo vedeva accusato di associazione a delinquere -, conclusasi a novembre 2018 (l' appello è in corso) con un' assoluzione «perché il fatto non sussiste». Però, per tutti, l' avvocato Cerroni è ancora «il Supremo» o il «ras della monnezza».

 

La offende questa nomea?

«Sì, perché non è vero. Semmai io sono "l' imparadigmabile", perché nessuno al mondo ha fatto nei rifiuti ciò che ho fatto io. E ora ho pronta la soluzione finale sui rifiuti che può far tornare Roma un' eccellenza, come un Colosseo moderno. Dicano quello che gli pare».

 

alessandro di battista alessandro di battista

Anche che è il male assoluto, come dice il M5S?

«Grillo mi conosce bene.Lui, Di Maio, Di Battista, ho scritto loro spesso con proposte concrete. Pure la Raggi che alla chiusura della campagna elettorale ha nominato solo una persona, me, dicendo "finalmente ce ne siamo liberati".Ma sa cosa dice Grillo ai suoi?»

 

Cosa?

«Dice: "Siamo tutti responsabili e corresponsabili di aver ridotto Roma così. E nessuno di noi ha il coraggio di dire che abbiamo sbagliato". Capito?»

 

Si sono pentiti, dice?

cerroni cerroni

«E lo sa cosa dice di me Di Battista? "Quando sarò sindaco per il bene di Roma all' avvocato gli farò fare tutto". Perché i rifiuti sono cosa seria, non una roba per apprendisti stregoni».

 

Salvini? Dice che solo qua ci sono epidemie da rifiuti.

«Per lui ho un detto dei contadini: chi poco sa, presto parla.Non a caso nel '95 la "sua" Milano mi venne a cercare per risolvere una gravissima crisi. E in 8 mesi salvammo la città».

 

Insomma, è affidare tutto a lei la soluzione per Roma?

«No, anzi. Se dicessi "voglio fare io", tutti avrebbero da ridire. Io mi metto solo a disposizione. Ma a una condizione: che quello che dico si deve fare, perché se poi mi boicottano...».

 

E secondo la sua impressione, cosa si deve fare?

raggi raggi

«Prima di tutto: io non parlo di impressioni. Roma è andata bene fino al 2016, poi quando Fortini (Daniele, ex ad Ama, ndr ) ha detto di non mandare più camion a Rocca Cencia è saltato tutto. Ma ormai il guaio è successo. Si supera conferendo negli impianti del Lazio, senza escludere la necessità di una discarica ad hoc».

 

Fatto. Ma poi?

«Ecco, superata la crisi c' è da lavorare perché Roma trovi un nuovo sistema nel suo ambito, è la legge che lo prescrive. E per questo ho la soluzione finale che ho già proposto a Raggi scrivendole di mettermi in contatto con l' Ama».

 

Ci spieghi meglio.

images images

«Dobbiamo trovare collocazione a 3.000 tonnellate di rifiuti al giorno, per il resto è solo questione di soldi. Ci sono i gassificatori per il cdr ma fanno i fumi e i 5 Stelle non vogliono.Allora dico: c' è una direttiva europea che obbliga le raffinerie a produrre usando almeno il 10 % biocarburanti, tipo metanolo.

 

Per questo ho proposto di trasformare il gassificatore di Malagrotta in un impianto di produzione di metanolo: materia, anziché energia. Così non ci sono fumi e si risolve il problema del cdr di Roma.E poi gli impianti già ci stanno».

 

E dove?

«A Malagrotta esiste già, va solo trasformato. Lo stesso si può realizzare ad Albano, dove ci sono già le autorizzazioni.Poi però non si può non avere una discarica di servizio. E anche a questo ho già pensato».

 

Ah, ecco la grana.

matteo salvini matteo salvini

«Macché. Guardi che, gestita bene, la "mia" discarica può essere fatta anche a piazza Venezia o Villa Borghese. Il mio modello si chiama Drin (Deposito rifiuti innocui, ndr ) e gli impianti ci portano rifiuti che non possono essere più riutilizzati.Ma se mi porti roba che può essere ancora lavorata, ti dico "zozzone, lavora bene sennò sei fuori dal sistema della monnezza". Anche qua c' è tutto, le autorizzazioni e il placet Commissario del governo del 2011».

 

MANLIO CERRONI MANLIO CERRONI

Resta l' organico, però.

«Ecco, l' organico non può andare in giro sui camion e inquinare il Paese. E io metto a disposizione dei romani un' area di 104 ettari sulla Laurentina dove realizzare un impianto, magari gestito con la formula dell' azionariato popolare, che produce biomentano per trasporti. Immagini la flotta Ama tutta a metano, i mezzi dell' Atac, i taxi... È tutto pronto, già sperimentato a Malagrotta con l' Iveco e l' Ama nel '97. Ma mi hanno fatto distruggere tutto.Sono troppo bravo e invidiato».

 

Non è che fiuta un affare?

«Ma quale affare. Io dico cosa si deve fare, l' affare lo fanno i romani con una rivoluzione che, lavorando sodo, si fa in due anni: questi sono gli impianti che guardano al 2050».

 

E se non le danno ascolto?

«Roma vivacchierà, ma non si salverà. Vedo nero».

 

Fa questo solo per Roma?

«Io a Roma sono arrivato "una scarpa e una ciavatta". Ora penso "la vita che mi desti io ti rendo". Non esisterà mai nessun matto che, come me, le dedica la vita. Ma c' è bisogno di visionari. Forse sono un pazzo, ma un pazzo savio».

 

Ma per tanti resta il male assoluto. Chi glielo fa fare?

«E che voi fa'... Chi pecca e poi si pente, salvus est . Tanto, quelli che hanno fatto danni, solo una parola devono dire in pubblico per avere a disposizione il mio talento: scusa».

MANLIO CERRONI MANLIO CERRONI cerroni cerroni CERRONI MANLIO CERRONI MANLIO CERRONI MANLIO CERRONI MANLIO manlio cerroni manlio cerroni MANLIO CERRONI MANLIO CERRONI

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

LA LEGA HA RITIRATO LA MOZIONE DI SFIDUCIA A GIUSEPPE CONTE. È UN TENTATIVO DI PROSEGUIRE CON L'ESPERIENZA DEL GOVERNO GIALLOVERDE? IMPROBABILE, CON TUTTO QUELLO CHE SI SONO DETTI SALVINI E IL PREMIER OGGI IN SENATO. SEMBRA PIÙ UN MODO PER FAR CADERE LA RESPONSABILITÀ DELLA CRISI SUI GRILLINI – IL TUTTO AVVIENE DURANTE IL DISCORSO DI PAOLA TAVERNA, CHE COMMENTA: "MAGICO, UN ALTRO CAMBIAMENTO: GRANDE SALVINI" – LA SPIEGAZIONE DEL CARROCCIO: "ERA UN CONTROSENSO, AVENDO APERTO SULLE RIFORME..." – GIUSEPPE CONTE SI È DIMESSO. DOMANI IL CAPO DELLO STATO AVVIERÀ LE CONSULTAZIONI A PARTIRE DALLE 16

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute