“CI DAVA LA DROGA, VOLEVO PUNIRLO. LA MIA TOSSICODIPENDENZA E’ COLPA SUA” – A MONZA DUE MINORENNI FERMATI PER L’OMICIDIO DEL 42ENNE CRISTIAN SEBASTIANO. I RAGAZZI HANNO 14 E 15 ANNI. VENTI I FENDENTI, SFERRATI CON UN COLTELLO DA CUCINA TROVATO IN CASA DI UNO DEGLI ARRESTATI INSIEME CON GLI ABITI SPORCHI DI SANGUE. IL MOVENTE LEGATO ALLO SPACCIO: UNA TENTATA RAPINA O UNA RITORSIONE. UNO DEI DUE HA DICHIARATO CHE…

-

Condividi questo articolo

Federico Berni per corriere.it

 

cristian sebastiano cristian sebastiano

L’arma del delitto - un coltello da cucina - trovata in casa di uno dei due, i vestiti sporchi di sangue, alcuni dei quali ancora nella lavatrice. Pochi i dubbi dei carabinieri di Monza sulla responsabilità dei presunti autori dell’omicidio di Cristian Sebastiano, il 42enne pregiudicato ammazzato a coltellate domenica mattina sotto i portici delle palazzine Aler di San Rocco, a Monza.

 

Quello che colpisce è l’età dei due fermati: due ragazzini di 14 e 15 anni. Sono adolescenti dello stesso quartiere in cui è successo il fatto, italiani e incensurati. E la violenza dell’aggressione: una ventina i fendenti, sferrati con un coltello da cucina.

cristian sebastiano cristian sebastiano

 

I carabinieri della compagnia di Monza, agli ordini del capitano Pierpaolo Pinnelli, hanno interrogato una serie di persone, tutte acquirenti della vittima che era dedita allo spaccio di palline di cocaina. I due ragazzini, sentiti per tutta la notte, all’alba sono crollati ammettendo il fatto. Oltre ad arma e vestiti, le immagini delle telecamere installate nel quartiere li collocano sulla scena del delitto, ricostruendo la loro fuga verso casa dopo l’aggressione.

 

 

Uno dei due ha dichiarato di voler punire l’uomo perché «responsabile» della sua «tossicodipendenza», ma i carabinieri pensano che alla base della feroce aggressione ci siano questioni di soldi: una tentata rapina o una ritorsione per questioni legate all’uso di stupefacenti. Rischiano un’accusa di omicidio premeditato.

cristian sebastiano 1 cristian sebastiano 1

 

 

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

DINO VIOLA PER SEMPRE – 30 ANNI FA SE NE ANDAVA IL PRESIDENTE CHE HA FATTO GRANDE LA ROMA” (COPYRIGHT BRUNO CONTI) – CAGNUCCI: ("IL ROMANISTA"): “CI SONO UOMINI CHE VOTANO L'INTERA VITA A UNA CAUSA, VIOLA L'HA DEDICATA AL CLUB GIALLOROSSO. CI HA LITIGATO ANCHE, CI HA SOFFERTO. L'ACQUISTO DI MANFREDONIA FU UNA FERITA. COSÌ COME LE CESSIONI DI DI BARTOLOMEI, CEREZO, ANCELOTTI E LA QUERELLE LEGALE CON FALCAO. NON SOPPORTAVA CHE LA ROMA LA CHIAMASSERO ROMETTA…” – ECCO CHI C’ERA ALLA MESSA IN COMMEMORAZIONE DI VIOLA- FOTO+VIDEO

viaggi

salute