“CI PRENDIAMO MILANO” - PISTOLE, MITRAGLIETTE, COLTELLI E TIRAPUGNI: LE GANG GIOVANILI SOTTO LA MADUNINA SONO SEMPRE PIU’ VIOLENTE - ESIBISCONO LA LORO RABBIA SU INSTAGRAM: “TI CHIEDI PERCHÉ LO FACCIAMO, GUARDA DA DOVE VENIAMO” - LE "PANDILLAS" DI SUDAMERICANI, IL GRUPPO DEI MINORENNI EGIZIANI, IL “BRANCO” DELLE CASE POPOLARI: “PREGA SOLO DI NON FINIRE IN ZONA MIA, PERCHÉ LO VENGO A SAPERE E TI UCCIDO…”

Condividi questo articolo

Gianni Santucci per il “Corriere della Sera - Edizione Milano”

 

BABY GANG A MILANO BABY GANG A MILANO

Le pistole. «Ci prendiamo Milano». Le mitragliette. «Fanculo la tua gang». I coltelli (a scatto, a serramanico, da combattimento). «Affamati come i lupi». Un tirapugni d' acciaio («indossato» in primo piano su una foto scattata in metrò). Didascalia: «Pugni in faccia». L' immagine di un braccio che punta un' arma su piazza Duomo, con l' annuncio: «La Zona in trasferta».

 

Si moltiplica ogni giorno su Instagram un' ansia ostentata di esibizionismo violento. La spavalderia dell' arma è attraente. E pur se le armi sono sempre finte, diventano il feticcio comune da mostrare per costruire un profilo di minaccia. Identità intimidatorie.

BABY GANG A MILANO BABY GANG A MILANO

E poi banconote, ciuffi di marijuana, canne già rollate. Eccolo l' immaginario comune di gruppi di ragazzi di periferia che sempre più si auto-rappresentano come gang. La prima nacque un paio d' anni fa: «Zona 4», o «Z4» (via Mecenate).

 

Poi col tempo sono comparse «Z2», «Z3», «Z6», «Z9» (con riferimento ai municipi di Milano), fino a un' evoluzione successiva ancor più localizzata: «Crvt» (per Corvetto), «Pdv» (via Padova), «Gl27» (il gruppo delle case di via Gola finito in una recente indagine della polizia per il mega incendio in strada di Capodanno e l' aggressione ai vigili del fuoco).

 

C'è stata la stagione (non chiusa, ma in buona parte contenuta dalle inchieste) delle pandillas sudamericane. Replica più o meno fedele delle bande nei Paesi d' origine riproposta da ragazzi di Ecuador, Perù, Salvador con risse e accoltellamenti. Altra espressione dello stesso fenomeno sono le piccole gang con derive criminali (spaccio, rapine in serie) di ragazzini che si trovano in totale marginalità sociale e si uniscono per la violenza, come quella di minorenni egiziani arrivati in Italia come «minori non accompagnati» e appena arrestati dal commissariato di «Porta Genova».

BABY GANG A MILANO BABY GANG A MILANO

 

E infine, è la tendenza più recente, si moltiplicano nuove aggregazioni di ragazzi (di nazionalità diverse) che fluttuano tra una radicatissima territorialità - Zona, quartiere, via, «blocco» inteso come singolo palazzo di case popolari - e il continuo esibizionismo social , che si riversa soprattutto nelle stories su Instagram , ma anche in graffiti e tatuaggi. Rivalità finora molto più virtuali che reali, ma che colpiscono come sostrato di aggressività diffusa e intensa.

 

È da questa quotidianità di violenza «parlata» che a volte emergono fatti di violenza reale: «Le gang milanesi nascono sul territorio e lì si radicano - spiega Ciro Cascone, capo della Procura del Tribunale per i minorenni -. Ultimamente è capitato di incappare in nuove bande di ragazzi di origine straniera dove il collante che genera l' aggregazione è il quartiere o persino la via, più che il Paese d' origine. Etnie diverse e mescolate, dunque. Sono ragazzi e sempre di più ragazze anche molto giovani, di 14 o 15 anni.

BABY GANG A MILANO BABY GANG A MILANO

 

A volte stringono patti di "fratellanza" tra gang che diventano amiche. Nei casi più estremi la trasgressione e la violenza sono esibite attraverso video e immagini che rimbalzano sui social , piene di simboli non banali da decifrare per chi sta fuori. Le piattaforme web diventano vetrine per magnificare la potenza di gruppo e scatenano la rivalità sul piano virtuale e, nelle derive peggiori, anche su quello della realtà cittadina».

 

Frasi così (estratte da una lunga ricognizione su profili Instagram ): «Puoi togliermi dalla piazza ma sai che non togli la piazza da me» (gruppo del quartiere «Tre Torri»); «Prega solo di non finire in zona mia e dintorni, perché lo vengo a sapere e ti uccido»; «Il gruppo sopra il corpo come fosse familia» (a commento di un tatuaggio della «Z4»); «Z3 porta la drogue »; «Fra' di zona» (scritto su lunga lama di coltello).

 

BABY GANG A MILANO BABY GANG A MILANO

Espressioni, e aggregazioni, con una radice unitaria: «Il fenomeno delle baby gang richiama una degenerazione degli schemi di aggregazione tipici dell' età evolutiva - riflette Maria Carla Gatto, presidente del Tribunale per i minorenni -, caratterizzata da un codice di appartenenza che consiste nell' assumere comportamenti antisociali, distruttivi verso le cose, deturpanti verso l' ambiente, umilianti e prevaricanti verso le persone, specialmente quelle più deboli, oppositivi ed insofferenti nei confronti dell' Autorità. Le cause di tale deriva sono complesse, di natura tanto sociale che familiare e personale».

 

Dai canali virtuali ai muri della città, si nota sempre più spesso una corrispondenza con i graffiti: «Sono in aumento nei quartieri i segni delle "Z", spesso accompagnati a frasi di una semantica aggressiva - spiega Fabiola Minoletti, che da anni studia il writing vandalico milanese ed ha registrato l' emersione di nuovi "filoni" - Il legame con il proprio quartiere, o il proprio "blocco" (inteso come casa popolare) è sempre più forte e la comparsa di scritte riconducibili addirittura alle vie di appartenenza, come via Gola, ne è una nuova ed ulteriore conferma».

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

COSA ACCADDE QUELLA NOTTE – IL JAZZISTA MARCELLO ROSA SUONAVA AL RUGANTINO QUEL 5 NOVEMBRE DEL 1958, LA NOTTE CHE NACQUE LA DOLCE VITA - “ANITA EKBERG INIZIO' A BALLARE DA SOLA A PIEDI NUDI. MI SI AVVICINÒ UNA BRUNETTA BONAZZA E MI DISSE IN ROMANESCO: “‘SLACCIAME 'A GUEPIERE E ‘A SOTTANA, MO’ JE FACCIO VEDÈ IO A QUELLA’’-  IN PIENO PAROSSISMO, URLAVA: “DATEMI IL TAPPETO DI ALLAH!”, VOLEVA DIRE DATEMI GIACCHE E CAPPOTTI. E PARTI' LO SPOGLIARELLO. ERA LA BALLERINA TURCA AICHÈ NANÀ - TUTTI I MUSICISTI FURONO CONDANNATI A TRE ANNI CON LA CONDIZIONALE. CON I LORO STRUMENTI ECCITAVANO LA TURCA..."

viaggi

CI SCRIVE TRENITALIA E AMMETTE CHE LE ESIGENZE DI MOBILITÀ DEL PERIODO NATALIZIO ''NON POSSONO ESSERE SEMPLICEMENTE RIMODULATE SULLA BASE DELLE ESPERIENZE DEGLI ANNI PASSATI, MA IMPONGONO UNA APPROFONDITA VALUTAZIONE DEL MUTATO CONTESTO''. QUINDI QUEST'ANNO I BIGLIETTI PER I TRENI NATALIZI SARANNO DISPONIBILI ''A PARTIRE DAGLI INIZI DI NOVEMBRE'', CON VARIE SETTIMANE DI RITARDO RISPETTO AL SOLITO. SEMPRE CHE IN QUESTI GIORNI NON SIA IL GOVERNO A SCONVOLGERE I PIANI DI VIAGGIO DEGLI ITALIANI…

salute