“DAMMI LA BORSA O TI AMMAZZO” – È STATO INCASTRATO DA UNA PLAYSTATION IL ROM DI 17 ANNI CHE ERA DIVENTATO IL TERRORE DELLA STAZIONE DI MONTE MARIO A ROMA: IL BABY-RAPINATORE MINACCIAVA LE VITTIME FACENDO VEDERE UNA PISTOLA NEI PANTALONI FINO AL GIORNO IN CUI LA POLIZIA NON LO HA FERMATO CON ALCUNI COMPLICI PRONTI A ENTRARE IN AZIONE – NELLA CASA DEL GIOVANE, NEL CAMPO ROM DI VIA LOMBROSO, È STATA RITROVATA UNA CONSOLE RUBATA UN MESE FA E…

-

Condividi questo articolo


Elena Panarella per "il Messaggero"

 

baby rom rapinatore alla stazione di monte mario a roma 4 baby rom rapinatore alla stazione di monte mario a roma 4

Era diventato l' incubo dei giovani che si trovavano a passare all' interno o nei pressi della stazione di Monte Mario. Li minacciava fingendo di avere una pistola e li rapinava di tutto.

«Dammi la borsa o ti ammazzo, sbrigati...», gridava come un mantra verso la vittima di turno che terrorizzata consegnava tutto quello che aveva.

 

LE INDAGINI A incastrare il 17enne una playstation. Era stata rubata un mesetto fa con le solite modalità e ritrovata dalla polizia nel campo rom di via Lombroso dove vive il giovane. Le indagini da parte degli investigatori del XIV Distretto Primavalle, diretto da Tiziana Lorenzo, hanno consentito di stringere il cerchio e di arrestare il minorenne di etnia rom responsabile di varie rapine.

baby rom rapinatore alla stazione di monte mario a roma 2 baby rom rapinatore alla stazione di monte mario a roma 2

 

In particolare, il 29 marzo scorso, gli agenti, durante un appostamento nei pressi della stazione ferroviaria, hanno notato un singolare capannello di giovani intorno ad altri, pronti per entrare in azione proprio nel momento in cui stava partendo un treno e, riconosciuto uno di questi per averlo visto nelle immagini degli impianti di videosorveglianza riferite ad un' altra rapina, lo hanno bloccato.

 

baby rom rapinatore alla stazione di monte mario a roma 3 baby rom rapinatore alla stazione di monte mario a roma 3

I COMPLICI I suoi complici sono riusciti invece a defilarsi e a fuggire approfittando del fatto che la polizia fosse impegnata a contenere la resistenza opposta dal minorenne durante il controllo. Il ragazzo, è stato sottoposto a fermo di indiziato di delitto.

 

IL TRIBUNALE PER MINORI Informato il pm presso il Tribunale per i Minorenni, ne ha disposto l' accompagnamento presso un centro di prima accoglienza in attesa di udienza di convalida a seguito della quale, il giudice, valutato il grave castello accusatorio a suo carico, ha disposto per lui che fosse associato presso Istituto Penale per Minorenni di Casal del Marmo.

stazione monte mario stazione monte mario

 

FALSE GENERALITÀ Il ragazzo, con precedenti di polizia per reati predatori commessi anche con false generalità, dovrà rispondere di rapina aggravata e di resistenza a pubblico ufficiale. Il minorenne è risultato scarcerato da poco tempo per aver commesso nel marzo del 2020 una rapina nei confronti di un suo coetaneo.

In entrambe le rapine il giovane malvivente aveva minacciato le vittime facendogli intravedere una pistola custodita nella cinta dei pantaloni. Proseguono le indagini per stabilire se lo stesso sia il responsabile di altre rapine.

baby rom rapinatore alla stazione di monte mario a roma 1 baby rom rapinatore alla stazione di monte mario a roma 1 polizia polizia

 

Condividi questo articolo

media e tv

“IL POLITICAMENTE CORRETTO? IL TUMORE MALIGNO DELLA CULTURA OCCIDENTALE” - LUCA BARBARESCHI PRONTO A FAR INCAZZARE TUTTI CON IL PROGRAMMA SU RAI 3 “IN BARBA A TUTTO”: “OLTRE AL COVID ESISTE UN ALTRO VIRUS, PER IL QUALE NON C'È ANCORA VACCINO: LA STUPIDITÀ. INTERNET? IN ALTRI PAESI VIENE CHIAMATO RUTTO LIBERO, NOI LO ABBIAMO CONFUSO CON UN LUOGO DI INFORMAZIONE" - "LE NUOVE GENERAZIONI SONO MOLTO PIÙ SERENAMENTE BISESSUALI MA BISOGNA DISTINGUERE TRA SCELTE PERSONALI E GENETICA: PUOI ANCHE METTERTI LE TETTE O RIFARTI, MA GENETICAMENTE RESTI UN UOMO…”

politica

IL CASO SALVINI - PERCHÉ LA PROCURA DI CATANIA CHIEDE L'ARCHIVIAZIONE, MENTRE QUELLA DI PALERMO LO RINVIA A PROCESSO, SU CASI CHE MAGARI NON SONO MA APPAIONO SIMILI? IL CASO OPEN ARMS NON SI PUÒ ADDEBITARE SOLO AL TRUCE, VISTO CHE È STATO DECISO ANCHE DA CONTE E TONTINELLI - PER SALVINI IL PROCESSO SARÀ UN PROBLEMA PERSONALE E INSIEME UN'OPPORTUNITÀ POLITICA PER TENERE A BADA L’EMERGEMTE MELONI: QUELLA DI ERGERSI A DIFENSORE UNICO DELL'ITALIA CONTRO L'IMMIGRAZIONE CLANDESTINA

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute