“NON MI SONO MAI PENTITA DEL FILM “LA CHIAVE” – IL RAPPORTO CON GINO PAOLI, LA SCUOLA DALLE SUORE, GLI SCAZZI CON GERMI: MEMORIE DI STEFANIA SANDRELLI - "'LA CHIAVE' È STATO UN FILM FEMMINISTA: METTEVO ALLA BERLINA IL PORCO INVERECONDO GUARDONE. IL COGNOME DI AMANDA? GINO AVEVA SCELTO IL NOME, SUL RESTO HO DECISO IO" - "CON GERMI CI SCONTRAVAMO. QUANDO LUI URLAVA DURANTE LE RIPRESE IO GLI RISPONDEVO STRAFOTTENTE: "AHÒ! IO FACCIO QUELLO CHE POSSO, STRILLA DI MENO E FAMMI CAPIRE DI PIÙ". E LUI…" - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Emilia Costantini per il “Corriere della Sera”

 

stefania sandrelli la chiave stefania sandrelli la chiave

«Stefanina, sei proprio sicura che vuoi fare questo mestiere? Lavori tanto, ti pagano poco e ci stiamo rimettendo!». Così Stefania Sandrelli ricorda le parole della mamma Florida, quando a 15 anni iniziava la sua carriera cinematografica. «Intendiamoci, i soldi devono servire per vivere e non bisogna vivere per i soldi - continua l'attrice - però è vero che a quel tempo, come ora, gli uomini sono pagati dieci volte di più delle donne. Bisogna ribellarsi».

 

stefania sandrelli la chiave 12 stefania sandrelli la chiave 12

Forse non a caso Stefania accetta di tornare in teatro con un personaggio particolare con cui inaugura un nuovo festival, Il canto delle sirene , che nasce sull'isola di Capri, ideato e diretto da Geppy Gleijeses.

 

L'11 settembre, nel chiostro grande della Certosa di San Giacomo, l'attrice è in scena con un reading tratto dal romanzo Il resto di niente di Enzo Striano, di cui è protagonista Eleonora Pimentel Fonseca, la patriota rivoluzionaria della Repubblica Napoletana del 1799. «Una femminista ante litteram - riprende l'attrice - un'eroina, una fine intellettuale, una giornalista che fondò il giornale Monitore napoletano e che, nonostante fosse di nobili origini portoghesi, dovette difendersi da un marito violento: a causa delle percosse ricevute, subì due aborti. E quando la rivoluzione naufragò, i Borbone la fecero impiccare.

stefania sandrelli gino paoli stefania sandrelli gino paoli

 

Una figura coraggiosa, e Dio solo sa quanto le donne, ancora oggi, hanno bisogno di combattere coraggiosamente per affermare i loro diritti e salvarsi da uomini violenti».

 

Un coraggio che a Stefania non è mai mancato.

«Certo, perché sono nata e cresciuta in una tribù, una famiglia piena di maschi, ho imparato da loro. E quando sono rimasta incinta di Amanda, da un uomo sposato (Gino Paoli, ndr ), ho affrontato serenamente lo scandalo: stiamo parlando del 1964».

stefania sandrelli la chiave 3 stefania sandrelli la chiave 3

 

Per questo decise di darle poi il suo cognome?

«No, per un altro motivo. Il nome di nostra figlia lo aveva scelto Gino, ma io non ero d'accordo perché una mia compagna molto violenta con me si chiamava proprio Amanda: tutte le volte che aspettavamo l'autobus insieme per andare a scuola, mi prendeva a cartellate in testa, mi rintontiva!

 

All'inizio subivo, ma poi mi ribellai, gliene ho date altrettante e si è tolta il vizio. Comunque, tornando al nome, venni convinta da Gino: Amanda suonava come il gerundio di amare, era bello. Siccome però aveva deciso lui il nome, io decisi il cognome Sandrelli, punto e basta».

pietro germi pietro germi

 

Riguardo alle rivendicazioni, lei si è mai sentita discriminata sul set?

«No, perché ho sempre avuto un caratterino ribelle. Per esempio con Pietro Germi, che mi ha trasmesso le basi fondamentali del mestiere, a volte ci scontravamo. Quando lui urlava durante le riprese io gli rispondevo strafottente: ahò! io faccio quello che posso, strilla di meno e fammi capire di più... e lui si calmava».

robert powell stefania sandrelli d'annunzio di sergio nasca robert powell stefania sandrelli d'annunzio di sergio nasca

 

Si è mai pentita dello scandalo suscitato da «La chiave» di Tinto Brass?

«Mai! È stato un film femminista, dove io mettevo alla berlina il porco inverecondo guardone».

 

È vero che da ragazzina voleva farsi suora?

«Per carità! Andavo a scuola delle suore e mi trovavo bene. Poi mi piacevano le ostie: facevo la comunione solo per il gusto di sentirle in bocca.

 

Avevo una idea personale della religione e una volta, in classe, feci una domanda a suor Valentina: esistono tante diverse religioni, perché solo la nostra è quella vera? Lei mi intimò imbarazzata: Sandrelli, siediti».

 

alberto sordi stefania sandrelli quelle strane occasioni alberto sordi stefania sandrelli quelle strane occasioni

Reduce dalla sua prima regia lirica, la «Tosca» di Puccini, ne sta programmando altre?

«Sono un'ingorda, mi piace fare tante cose insieme e quest' estate ho esagerato: mentre preparavo l'opera, ho girato un nuovo film. Adesso voglio riposarmi un po' e godermi la mia famiglia, i miei nipoti».

stefania sandrelli jean paul belmondo 5 stefania sandrelli jean paul belmondo 5 stefania sandrelli e frank finlay la chiave stefania sandrelli e frank finlay la chiave stefania sandrelli io sono mia 1 stefania sandrelli io sono mia 1 stefania sandrelli stefania sandrelli stefania sandrelli io sono mia 2 stefania sandrelli io sono mia 2 stefania sandrelli jean paul belmondo 4 stefania sandrelli jean paul belmondo 4 stefania sandrelli stefania sandrelli stefania sandrelli la chiave 22 stefania sandrelli la chiave 22 stefania sandrelli la chiave 33 stefania sandrelli la chiave 33 stefania sandrelli la chiave 2 stefania sandrelli la chiave 2 stefania sandrelli la chiave 2 stefania sandrelli la chiave 2 stefania sandrelli la chiave 56 stefania sandrelli la chiave 56 stefania sandrelli la chiave stefania sandrelli la chiave stefania sandrelli marzio honorato una donna allo specchio stefania sandrelli marzio honorato una donna allo specchio stefania sandrelli – sedotta e abbandonata stefania sandrelli – sedotta e abbandonata stefania sandrelli nino manfredi c'eravamo tanto amati stefania sandrelli nino manfredi c'eravamo tanto amati stefania sandrelli d'annunzio di sergio nasca stefania sandrelli d'annunzio di sergio nasca florence guerin stefania sandrelli d'annunzio florence guerin stefania sandrelli d'annunzio stefania sandrelli marzio honorato una donna allo specchio stefania sandrelli marzio honorato una donna allo specchio marzio honorato stefania sandrelli una donna allo specchio 2 marzio honorato stefania sandrelli una donna allo specchio 2 stefania sandrelli stefania sandrelli

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

BOLLETTINIAMOCI! – OGGI 3.882 NUOVI CASI E 39 DECESSI, CON 487.218 TAMPONI EFFETTUATI E IL TASSO DI POSITIVITÀ CHE RIMANE STABILE ALLO 0,8% - LE DOSI DI VACCINO SOMMINISTRATE SONO OLTRE 88,3 MILIONI, CON PIÙ DI 44,2 MILIONI DI CITTADINI CHE HANNO COMPLETATO IL CICLO VACCINALE (81,84% DELLA POPOLAZIONE OVER 12) – BRUSAFERRO DELL’ISS: “IN ITALIA NON C'È UNA RISALITA DELLA POSITIVITÀ COME IN ALTRI PAESI UE. LA MORTALITÀ MOSTRA UN LIEVE AUMENTO ANCHE SE SI PARLA DI NUMERI LIMITATI”