“SEMBRA LA PROCURA DI PAPEROPOLI” - “PIERANGUILLO” DAVIGO STA CON I POPCORN IN MANO MENTRE LA PROCURA DI MILANO FINISCE NEL FANGO PER IL PROCESSO ENI-NIGERIA. IL TUTTO AD APPENA UN MESE DALL’ESPLOSIONE DEL CASINO DEI VERBALI SPEDITI DALLA SUA SEGRETARIA A MAGISTRATI E GIORNALISTI - L’ARRESTO DI AMARA A POTENZA RAFFORZA LA SUA POSIZIONE E LA CONVINZIONE CHE FOSSE NECESSARIA “ESTREMA TEMPESTIVITÀ NELLA RICERCA DEI RISCONTRI”, MENTRE I VERTICI DELLA PROCURA NON DAVANO ASCOLTO A STORARI…

-

Condividi questo articolo


Giuseppe Salvaggiulo per “la Stampa”

 

piercamillo davigo al tg2 2 piercamillo davigo al tg2 2

«Ma come ti è venuto in mente?». Qualche ex collega glielo chiedeva di persona, altri per interposta intervista. La scena di Piercamillo Davigo che si fa consegnare in casa verbali riservati dal pm milanese Paolo Storari e li porta al Csm nella disponibilità della segretaria che li spedisce in forma anonima a magistrati e giornalisti, aveva stupito tanti magistrati che lo hanno conosciuto, in quarant' anni di irreprensibile carriera.

i pm di Milano Fabio De Pasquale e Sergio Spadaro -U43070110205349sDC-593x443@Corriere-Web-Sezioni i pm di Milano Fabio De Pasquale e Sergio Spadaro -U43070110205349sDC-593x443@Corriere-Web-Sezioni

 

A qualcuno aveva spiegato (Armando Spataro, per esempio, telefonandogli dopo averlo visto in tv). Di altri, tipo Edmondo Bruti Liberati, aveva «perdonato» le critiche con una velenosa battuta: «Non mi sorprendono: ha sempre fatto più politica che indagini».

 

la videoregistrazione dell'incontro armanna amara 8 la videoregistrazione dell'incontro armanna amara 8

Il rimprovero di non aver mandato le carte al Csm in un plico riservato, mosso per esempio da Alfredo Robledo che in tv l' aveva insolentito ribattezzandolo «Pieranguillo», era stato derubricato alla voce «stravaganze di chi parla a vanvera, senza conoscere la realtà» di un Csm in cui i segreti durano lo spazio di un mattino.

 

PIERCAMILLO DAVIGO PIERCAMILLO DAVIGO

Un mese dopo, nei giorni in cui la trentennale epopea morale della Procura di Milano finisce nel fango, Davigo è l' ultimo a stupirsene. «Purtroppo - soggiunge - perché avrei preferito essermi sbagliato». Spera che la conoscenza pubblica di quanto accaduto nella Procura di Milano negli ultimi anni consenta anche a chi l' ha criticato di capire che «la scelta di percorrere un' altra strada», anziché rivolgersi ai vecchi colleghi in Procura, era dettata dalla consapevolezza che «si trattava di cose serie e gravi».

 

BRUTI ROBLEDO BRUTI ROBLEDO

Da quando la vicenda è esplosa, Davigo non è stato con le mani in mano. Alla Procura di Roma ha raccontato quando, come e perché si mosse nel modo da tanti giudicato «irrituale». Ha spiegato il retroterra del suo allarmato interesse leggendo i verbali dell' avvocato Piero Amara sulla loggia Ungheria. E lo sbigottimento per l' assenza di investigazioni, pur invocate da Storari, da parte dei vertici della Procura di Milano.

 

nicola morra nicola morra

Successivamente, dopo le rivelazioni del senatore ex M5S e presidente della commissione antimafia Nicola Morra, ha inviato ai pm romani una memoria integrativa per smentirlo, negando di avere con lui e con il M5S un rapporto di «collateralismo», di avergli mostrato i verbali nella tromba delle scale e di avergli fornito dettagli sui contenuti, al di là di un cenno sul collega del Csm Sebastiano Ardita per liquidare il tentativo di Morra di «mettere pace» tra i due. Ricostruzione, quella di Morra, che considera «folle» al punto da domandarsi se sia «necessariamente disinteressata».

PIERCAMILLO DAVIGO E SEBASTIANO ARDITA PIERCAMILLO DAVIGO E SEBASTIANO ARDITA

 

Anche il recente arresto di Amara a Potenza rafforza la sensazione iniziale, maturata dopo i colloqui con Storari, che le sue dichiarazioni contenessero «un mix di cose vere e false», secondo quella che il gip lucano definisce «strategia delle mezze verità». E di conseguenza la convinzione che fosse necessaria «estrema tempestività nella ricerca dei riscontri, senza perdere un minuto».

 

Invece la Procura di Milano aveva temporeggiato per mesi (e non certo per la pandemia, «una scemenza che non si può sentire perché gran parte dei riscontri si fa anche da casa davanti a un computer»), senza «mettere sotto stretto controllo Amara come si è sempre fatto con i dichiaranti», anzi «lasciandolo libero di andare in giro» a perpetuare i suoi giochi, fino all' ospitata televisiva di due settimane fa, «impressionante e piena di messaggi allusivi e minacciosi».

piero amara 8 piero amara 8

 

«Ai tempi di Mani Pulite...» è un classico incipit di Davigo. Morti i grandi capi Borrelli e D' Ambrosio, lontano (non solo fisicamente) Di Pietro, in faccende romane e perugine affaccendato Ielo (con cui la stima reciproca è rimasta), lui in pensione come Colombo (ancora in buoni rapporti, anche se in totale dissenso su giustizia e carcere «ma sei tu che hai cambiato idea» puntualizza sempre Davigo), che cosa resta di quello che fu il sagrato immenso della magistratura italiana?

GHERARDO COLOMBO ANTONIO DI PIETRO PIERCAMILLO DAVIGO GHERARDO COLOMBO ANTONIO DI PIETRO PIERCAMILLO DAVIGO

 

Davigo se lo chiede da tempo. Chissà a cosa si riferiva quando, leggendo un pezzo di cronaca giudiziaria, si lasciò sfuggire: «Sembra la Procura di Paperopoli».

GHERARDO COLOMBO - ANTONIO DI PIETRO - PIERCAMILLO DAVIGO GHERARDO COLOMBO - ANTONIO DI PIETRO - PIERCAMILLO DAVIGO

 

Condividi questo articolo

media e tv

EMANUELE TREVI E CHIARA GAMBERALE SI SCOMODANO A SCRIVERE A DAGOSPIA PER DARCI DEI FASCISTI: “IN RIFERIMENTO AGLI ARTICOLI OLTRAGGIOSI E CRUDELI PUBBLICATI IN QUESTI GIORNI SUL VOSTRO SITO, NON ABBIAMO NULLA DA PENSARE CHE SIA RIFERIBILE PUBBLICAMENTE. QUELLO CHE CI TURBA DI PIÙ È L'ANONIMATO DI QUESTI SCRITTI, CHE CI RICORDA UNA PRATICA TIPICAMENTE FASCISTA” – DAGO-RISPOSTA: “SERVIAMO LA VERITÀ RIPORTANDO I FATTI E NON CONDANNIAMO PROPRIO NESSUNO PER GLI ERRORI, NEMMENO COLORO CHE HANNO LASCIATO SOLO LIBERO DE RIENZO SCOPRENDOSENE POI AMICI PER METTERE LA MUSERUOLA AGLI ALTRI E DARE LEZIONI DI GIORNALISMO E DI MORALE. E LO FANNO PERALTRO MANDANDO MESSAGGI CRIPTICI E FUMOSI, SENZA ALCUNA CONTESTAZIONE PUNTUALE…”

politica

business

LA SINISTRA RIPARTA DA MARGHERITA AGNELLI – “IL FATTO”: “ORMAI VA DETTO. LA MADRE DI JOHN, LAPO E GINEVRA ELKANN VA ANNOVERATA TRA LE EROINE DEL SOCIALISMO ITALIANO, TIPO ANNA KULISCIOFF O MARIA GOIA. A DIFFERENZA DELLE MADRINE DEL MOVIMENTO, MARGHERITA LAVORA DIETRO LE LINEE NEMICHE, DOVE, CON INCISIVE AZIONI DI SABOTAGGIO, PROVA A MOSTRARE AL PROLETARIATO DI CHE LACRIME GRONDI E DI CHE SANGUE IL POTERE CHE LO OPPRIME E QUALI SIANO I SENTIMENTI E LA MORALITÀ DI CUI SI NUTRONO LE BELLE FAMIGLIE DEL CAPITALISMO ITALIANO…”

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute