“PER SMETTERE DI ESSERE SCELTI, SCEGLIAMO NOI DOVE STARE E CON CHI STARE” – MICHELE SERRA LODA LA SCELTA DI NEIL YOUNG DI RITIRARE LA MUSICA DA SPOTIFY: “IL PROBLEMA È CHE I GRANDI VETTORI DI NOTIZIE, MUSICA, CHAT SI SONO COSTRUITI UNO STATUS DI "NEUTRALITÀ" IN BASE AL QUALE TUTTO PUÒ STARE CON TUTTO. CULTURA E IGNORANZA, COMPETENZA E CIARLATANERIA, TUTTO NELLO STESSO SACCO: SE SEI BRAVO TI ORIENTI, SE NON SEI BRAVO GALLEGGI NEL CAOS…” - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Michele Serra per “la Repubblica”

neil young 5 neil young 5

 

Il vecchio, grande Neil Young ha chiesto (e ottenuto) di ritirare tutta la sua produzione musicale da Spotify pur di non condividere la stessa piattaforma con il podcast No Vax di tale Joe Rogan. "Le false informazioni sui vaccini fanno morire le persone - dice il cantautore canadese - e dunque o Young, o Rogan". La scelta è drastica, perfino discutibile, ma ha un pregio raro: è una scelta, e come tutte le vere scelte ci mette di fronte a un problema.

 

neil young 4 neil young 4

Ci costringe a vederlo. Il problema è che i grandi vettori di notizie, musica, spettacoli, chat, contenuti vari, si sono costruiti uno status di "neutralità" in base al quale tutto può stare con tutto, tutti con tutti, in una promiscuità babelica, smisurata, frastornante. Sono spariti gli ambiti, è morto il vecchio concetto di responsabilità editoriale: non siamo editori - dicono i monopolisti del web - siamo semplici fornitori di servizi. Una infrastruttura. Come le ferrovie e le autostrade. Qualche goffa policy aziendale tenta di simulare un'etica dei contenuti, spesso con esiti imbarazzanti: censurano la tetta, non la svastica.

 

neil young 3 neil young 3

Ma stravince l'idea, spaventosa, di un luogo nel quale la sola differenza in corso d'opera è tra ciò che non vende, e scompare, e ciò che vende, e sopravvive. Destra e sinistra, scienza e superstizione, cultura e ignoranza, competenza e ciarlataneria, tutto nello stesso sacco: se sei bravo ti orienti, e peschi giusto, se non sei bravo galleggi nel caos. La pretesa di poter contenere TUTTO, di poter essere TUTTO: esiste una definizione più efficace di totalitarismo? Neil Young suggerisce l'antidoto, che è ricominciare a scegliere. Per smettere di essere scelti, scegliamo noi dove stare e con chi stare

neil young 1 neil young 1 neil young 5 neil young 5 neil young 2 copia neil young 2 copia neil young 1 neil young 1 neil young 4 neil young 4 neil young 2 neil young 2 neil young 2 neil young 2

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

SIAMO ALLE SOLITE: I TEDESCHI BLOCCANO L’INTESA SUI DAZI AL PETROLIO RUSSO! - IL GOVERNO DI BERLINO È SCETTICO (EUFEMISMO) RISPETTO ALLA PROPOSTA AMERICANA, PORTATA DAL SEGRETARIO AL TESORO USA, JANET YELLEN, AL G7 DEI MINISTRI DELLE FINENZE - È STATA LA STESSA YELLEN AD AMMETTERE: “NON È EMERSA UNA STRATEGIA CHIARA SUI DAZI” - LO STALLO CONTINUA ANCHE IN EUROPA, CON L’UNGHERIA CHE SI OPPONE AL SESTO ROUND DI SANZIONI CHE COLPIREBBERO IL GREGGIO (E SCHOLZ NON È COSÌ DISPIACIUTO)

cronache

sport

VINCERE AIUTA A VINCERE (E ANCHE AD ARRICCHIRSI) - NON SOLO LA GLORIA E IL PRIVILEGIO DI SFOTTERE I RIVALI PER ALMENO UN ANNO: CHI VINCE LO SCUDETTO INCASSA 25,6 MILIONI DI EURO (CONTRO I 18,7 DEL SECONDO), SENZA CONTARE I PREMI DEGLI SPONSOR, LA VENDITA DELLE MAGLIETTE, LA PRIMA FASCIA IN CHAMPIONS E NEL CASO DEL MILAN, LA PARTECIPAZIONE ALLA SUPERCOPPA - UN EVENTUALE VITTORIA DEI ROSSONERI AIUTEREBBE ANCHE AD AUMENTARE IL VALORE DEL MARCHIO E DELLA ROSA, UN TOCCASANA VISTO L'INTERESSE DI REDBIRD E INVESTCORP…

cafonal

viaggi

salute