“SONO ENTRATO NELLA STANZA D'ALBERGO E HO BECCATO FEDERICA PELLEGRINI E MAGNINI” - OSPITE DI “RIVELO”, LUCA MARIN RICORDA LE CORNA RICEVUTE DALLA CAMPIONESSA: “LE AVEVO CHIESTO DI SPOSARMI MA NON RIMPIANGO LA VITA CON LEI. IN PASSATO LA MIA EX LAURE MANADOU MI ACCUSO’ DI UNA COSA CHE NON AVEVO FATTO; NON HO MAI DIFFUSO FOTO HARD…”

-

Condividi questo articolo

luca marin e federica pellegrini luca marin e federica pellegrini

Da https://www.liberoquotidiano.it

 

Luca Marin, ricordo bollente: "Sono entrato nella stanza d'albergo: Federica Pellegrini e Magnini, come li ho beccati". Luca Marin, nuotatore, ex fidanzato di Federica Pellegrini, si racconta a Rivelo, condotto su Nove da Lorella Boccia: “Il nuotatore di per sé ha paura del mare. In occasione di un week end sono stato vittima di uno shock", dice lo sportivo, "avevo la paura di morire annegato, sono uscito ed ho guardato l’acqua in maniera diversa. Pechino 2008 è stato un grandissimo rimpianto".

 

Poi passa ad argomenti piccanti: "In passato mi sono sentito accusato dalla mia ex Laure di una cosa che non avevo fatto; non ho mai diffuso foto hard. Lei non ha mai accettato la fine della nostra storia e l’inizio di quella con Federica Pellegrini. Non rimpiango la mia vita con Federica. L’ho beccata insieme a Filippo nella camera dell’hotel. Le avevo chiesto di sposarmi".

luca marin e federica pellegrini 2 luca marin e federica pellegrini 2 pellegrini magnini pellegrini magnini magnini pellegrini magnini pellegrini magnini pellegrini magnini pellegrini luca marin e federica pellegrini 5 luca marin e federica pellegrini 5

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

LA LETTERA DI MELANIA RIZZOLI AI MALATI DI TUMORE AL CERVELLO: “NON FATEVI IMPRESSIONARE DALLA MORTE DI NADIA TOFFA, PERCHÉ LEI HA AVUTO UNO DI QUEI TIPI PER I QUALI NON CI SONO CURE CERTE E PER I QUALI LA SCIENZA E LA RICERCA STANNO LAVORANDO MOLTO. I SEGNI E I SINTOMI DELLA PRESENZA DI LESIONI OCCUPANTI SPAZIO NEL CRANIO SONO SIMILI, E RICONOSCERLI ALLO STADIO INIZIALE PUÒ MIGLIORARE LA PROBABILITÀ DI GUARIGIONE E DI SOPRAVVIVENZA, E QUANDO SI PRESENTA UNO DI QUESTI SINTOMI..."