MA VAFFAN-KURZ! – IL CANCELLIERE AUSTRIACO ANNUNCIA CHE SUI VACCINI NON FARÀ PIÙ AFFIDAMENTO SULL’UNIONE EUROPEA! “L’EMA È TROPPO LENTA CON LE APPROVAZIONI E CI SONO RALLENTAMENTI NELLE CONSEGNE DA PARTE DELLE AZIENDE FARMACEUTICHE” - VIENNA COLLABORERÀ CON ISRAELE PER PRODURRE DOSI DI SECONDA GENERAZIONE PER ULTERIORI MUTAZIONI E ALLA RICERCA DI OPZIONI DI TRATTAMENTO…

-

Condividi questo articolo


 

 

SEBASTIAN KURZ CON LA MASCHERINA 1 SEBASTIAN KURZ CON LA MASCHERINA 1

 (ANSA) - BOLZANO, 02 MAR - Il cancelliere austriaco Sebastian Kurz, prima del suo viaggio in Israele, annuncia un cambio di rotta per quanto riguarda i vaccini anti-Covid. Austria, Danimarca e gli altri 'first mover' "in futuro non faranno più affidamento sull'Ue e, insieme a Israele, nei prossimi anni produrranno dosi di vaccino di seconda generazione per ulteriori mutazioni del coronavirus e lavoreranno insieme alla ricerca di opzioni di trattamento", afferma Kurz in una dichiarazione diffusa dall'Apa. Secondo il cancelliere, atteso giovedì in Israele, "il fabbisogno della sola Austria è stimato a circa 30 milioni di dosi di vaccino".

 

coronavirus benjamin netanyahu si fa vaccinare coronavirus benjamin netanyahu si fa vaccinare

In vista del viaggio in Israele, Kurz incontrerà oggi i rappresentanti delle principali società farmaceutiche austriache. Nella dichiarazione il cancelliere afferma che l'approccio tramite l'Ue "è stato fondamentalmente corretto, ma l'Ema (Agenzia europea per i medicinali, ndr.) è troppo lenta con le approvazioni dei vaccini e ci sono rallentamenti nelle consegne da parte delle aziende farmaceutiche".

 

"Dobbiamo quindi - prosegue Kurz - prepararci a ulteriori mutazioni e non fare più solo affidamento sull'Ue per produrre vaccini di seconda generazione". Secondo gli esperti, nei prossimi anni, due terzi della popolazione, ovvero oltre sei milioni di austriaci, dovranno essere vaccinati ogni anno, precisa il cancelliere.

 

SEBASTIAN KURZ CON LA MASCHERINA SEBASTIAN KURZ CON LA MASCHERINA

Il premier israeliano Benjamin Netanyahu ha detto ieri, secondo Reuters, che con Kurz e il primo ministro danese Mette Frederiksen parlerà di "una collaborazione sulla produzione di vaccini".

kurz kurz

 

Condividi questo articolo

media e tv

ALDO GRASSO IN LODE DE “L’ISTRUTTORIA” DI GIULIANO FERRARA E DEL CELEBRE SCHIAFFO DI DAGO A SGARBI - “NEI PROGRAMMI DI FERRARA, LO SCONTRO DI OPINIONI ERA UN CAMMINO DI CONOSCENZA. I TRE AVEVANO SUFFICIENTE COSCIENZA LINGUISTICA DEL CONCETTO DI TV SPAZZATURA. LO SCHIAFFO È STATO PER LA TV QUELLO CHE PER IL CINEMA SONO STATI GLI SCHIAFFI ALLA STAZIONE DI “AMICI MIEI” - IL DOPO SCHIAFFO: FERRARA NEL 1996 FONDA “IL FOGLIO”, DAGO NEL 2000 INAUGURA DAGOSPIA CHE, DIETRO IL PARAVENTO DEL GOSSIP, SI OFFRE COME L’OVER THE TOP DEL GIORNALISMO ITALIANO. SGARBI PRIMEGGIA IN VARI CAMPI…” - VIDEO

politica

FIATO ALLE TOMBE! L’ITALIA RIAPRE! – TUTTO QUELLO CHE DOVETE SAPERE PER RICOMINCIARE A VIVERE DAL 26 APRILE: VIA LIBERA AGLI SPOSTAMENTI TRA REGIONI DELLO STESSO COLORE, MENTRE CI VORRÀ UN PASS PER ANDARE IN AREE DI COLORE DIVERSO – TORNA IL GIALLO RINFORZATO. IL COPRIFUOCO RIMANE ALLE 22, MA BAR E RISTORANTI CON TAVOLI ALL'APERTO RIMANGONO APERTI PURE LA SERA. PER GLI ALTRI LOCALI LA DATA DELLA LIBERAZIONE SCATTERÀ IL 1 GIUGNO. COME PER LE PALESTRE - CINEMA, TEATRI E I MUSEI AL 50% DELLA CAPIENZA E…

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute