MISTERO PER LA MORTE DI VANESSA BRUNO, L’INFLUENCER ITALO-BRASILIANA TROVATA SENZA VITA SUL DIVANO DI UN APPARTAMENTO DI VICENZA IL RACCONTO DEL PROPRIETARIO DI CASA, GIÀ NOTO ALLE FORZE DELL’ORDINE PER SPACCIO DI DROGA: “È ARRIVATA A CASA MIA ASSIEME A UN MIO AMICO E MI HA CHIESTO UN POSTO PER DORMIRE. SONO USCITO PER ANDARE A MANGIARE UN KEBAB. QUANDO SONO RIENTRATO E HO VISTO CHE ERA ANCORA SDRAIATA NELLA STESSA POSIZIONE, L'HO TOCCATA E..."

-

Condividi questo articolo


Tiziana Paolocci per “il Giornale”

 

vanessa bruno vanessa bruno

Sorridente, solare, una vera e propria «trascinatrice». I fan di Vanessa Bruno, nota influencer italo-brasiliana, non si danno pace e da giorni sui social ricorre la stessa domanda: «Come è morta?». Sul caso il pubblico ministero, Alessandro Block, ha aperto un fascicolo e vuole far luce sulla fine della ragazza, originaria di Alvignano, piccolo centro della provincia di Caserta, che da diversi tempo risiedeva in Veneto. 

 

L'influencer è stata trovata senza vita l'8 gennaio scorso in un appartamento di Vicenza, a casa di un conoscente che le dava ospitalità, ma le cause del decesso sono oscure. Sembrerebbe che la morte sia sopraggiunta per arresto cardiaco, ma sarà l'autopsia già disposta sul cadavere, a fare chiarezza, cercando di allontanare le ombre e gli interrogativi che in queste ore devastano il padre Giuseppe, la sorella Vanessa, i suoi amici e i suoi follower. 

 

appartamento dove e stata trovata vanessa bruno appartamento dove e stata trovata vanessa bruno

Sono stati proprio loro a notare per primi l'assenza dell'influencer, molto attiva sui social. Ad occuparsi del caso, che è stato rivelato per primo dal Giornale di Vicenza, sono gli agenti della squadra mobile locale. Si sa che la 23enne, famosa anche nell'ambiente della musica trap, quel giorno si era presentata in un appartamento in viale Astichello, dove vive R.F., noto alle forze dell'ordine per spaccio di droga. 

 

«È arrivata a casa mia assieme a un mio amico e mi ha chiesto un posto per dormire ha raccontato l'uomo agli investigatori -. L'avevo vista solamente un'altra volta prima di quel giorno, quando io e questo mio amico eravamo andati a prenderla in stazione perché tornava da una serata trascorsa a Milano». Ha spiegato che nessuno di loro ha assunto droghe nel corso della giornata e ha detto di aver mangiato una pizza tutti e tre insieme a casa. Poi Vanessa si è messa a dormire sul divano-letto.

 

vanessa bruno vanessa bruno

 A quel punto, il padrone di casa sarebbe uscito per andare a mangiare un kebab. «Quando sono rientrato e ho visto che era ancora sdraiata nella stessa posizione, l'ho toccata e ho sentito che era fredda - ha aggiunto -. Io non ho il cellulare e allora ho chiesto al mio amico di chiamare il 118 e lui lo ha fatto. Era già notte». 

 

Ma questo dettaglio non combacia con l'orario del decesso constatato dal medico legale. Il Suem, infatti, avrebbe certificato la morte della ragazza alle 18 e non più tardi e alcuni vicini hanno visto arrivare l'ambulanza e l'automedica molto prima dell'ora di cena. Non è chiaro, poi, se l'amico che aveva accompagnato Vanessa in viale Astichello fosse ancora lì quando sono arrivate le volanti della polizia. 

 

carabinieri carabinieri

Ma sul corpo della ragazza non sono state riscontrate ferite e gli investigatori della scientifica, che hanno effettuato i rilievi, non hanno trovato al momento tracce di stupefacenti nell'abitazione. Saranno i risultati dei test tossicologici svolti sul corpo dell'influencer a fugare ogni dubbio. Per ora nel fascicolo aperto dalla Procura vicentina non compaiono indagati. Il padre di Vanessa, che adesso dopo vive ad Alife, nel Casertano, ha organizzato per sabato prossimo una messa in suffragio della figlia che si terrà nella chiesa di San Sebastiano ad Alvignano. Poi arriveranno quelle risposte che ogni genitore deve avere.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute