NEANCHE NELLA CHICAGO DI AL CAPONE AI TEMPI DEL PROIBIZIONISMO! - A VIGLIANO, VICINO BIELLA, UN UOMO E’ STATO MULTATO PER 102,50 EURO PER AVER COMPRATO SOLO VINO AL SUPERMERCATO: “NON È UN BENE NECESSARIO”.  SECONDO I CARABINIERI IL COMPORTAMENTO DELL'UOMO, CHE SI È SPOSTATO IN BICI, NON SOLO LO AVREBBE MESSO A RISCHIO INCIDENTI MA NON AVREBBE RISPETTATO IL… - PARENTE: "PRESERVATIVI E VINO SONO DI PRIMA NECESSITA'"

Condividi questo articolo

Da ilmessaggero.it

vino supermercato vino supermercato

«Non conta l’importo della spesa, si può acquistare anche solo un po’ pane, della carne, o dell’acqua, ma tre bottiglie di vino non possono certo essere considerate una necessità». Per questo un uomo di Vigliano, nel Biellese, è stato multato dai carabinieri per 102,50 euro: non avrebbe rispettato, secondo i militari, quanto disposto dal decreto della Presidenza del consiglio dei ministri per fronteggiare l'emergenza coronavirus.

 

Secondo i carabinieri il comportamento dell'uomo, che si è spostato in bici per tornare a casa con tre bottiglie di vino, non solo lo avrebbe messo a rischio incidenti, e quindi in quel caso andando ad aumentare il numero di pazienti al pronto soccorso, ma soprattutto non avrebbe rispettato il principio di spostarsi solo per motivi validi o per necessità: tali non sono state considerate, dai militari, quelle tre bottiglie di vino.

 

 

 

 

PRESERVATIVI E VINO? GENERI DI PRIMA NECESSITÀ

Massimiliano Parente per “il Giornale”

 

preservativi 2 preservativi 2

Non si può uscire di casa, lo sappiamo, se non per fare la spesa e comprare generi di prima necessità, solo che il concetto di prima necessità è un tantino soggettivo. Insomma, viviamo in una società capitalistica e moderna, stiamo lottando contro un virus cinese, ma mica siamo cinesi che ci danno una ciotola di riso e tutto ok. Insomma, non vorrei che, una volta entrati in un supermercato, ci fosse un addetto per stabilire cosa è necessità e cosa no.

 

Non lo dico per dire, sta già succedendo. Un signore è stato multato perché al supermercato ha comprato solo bottiglie di vino, e la cosa non è reputata una prima necessità. Prego? Già affrontare la quarantena è difficile, poi ci vogliono togliere pure gli alcolici? È il motivo per cui l' Unione Sovietica è riuscita a tenere i russi lì fermi per decenni: non avevano niente, ma almeno avevano la vodka.

preservativi 1 preservativi 1

 

Tra l' altro, in quale modo sarebbe stata reputata una spesa di necessità? Se questo poveretto avesse comprato una cassa di vino e un omogenizzato andava bene? Sembra come quando da ragazzi compravamo una rivista porno insieme al Corriere della Sera, per giustificarci di fronte all' edicolante. Che poi se gli alcolici non sono una necessità, perché le sigarette sì? Calma, calma, lo sto dicendo per fare un esempio, non vorrei mettere in testa idee malsane a Conte e magari domani fa chiudere anche i tabaccai, per non impazzire mi toccherebbe uscire con una ruspa e sfondarne uno, e allora altro che multa.

 

MASSIMILIANO PARENTE MASSIMILIANO PARENTE

Comunque i criteri di necessità messi così sono vaghi, prefigurano una specie di moralismo alimentare. Perché compri la panna? Sarà mica una necessità, i tortellini mangiali senza. Il sale? Fa male, mangia sciapo, non è una necessità. Oppure, altro caso, altro moralismo: una coppia è stata multata per essere uscita a comprare preservativi. Ditemi voi se non era una necessità. A meno che non ci vogliano anche imporre di fare bambini per decreto legge.

 

Va bene che Natalia Aspesi ha scritto in un articolo su Repubblica che lei ha fatto un sondaggio tra tutti i suoi amici chiedendo come fanno con il sesso e tutti hanno risposto che praticano la castità. Ma se gli amici di Natalia Aspesi sono coetanei di Natalia Aspesi mi stupirebbe il contrario, e anche lì non avrebbero certo bisogno di preservativi. In generale, vino e preservativi a parte, che sono assolutamente indispensabili per affrontare la quarantena, sul concetto di necessità andrebbe sempre tenuto presente il celebre aforisma di Oscar Wilde: «Posso fare a meno del necessario ma non del superfluo». Altrimenti è come se ci chiudessero Netflix per farci vedere solo i telegiornali Rai di prima necessità. Che tra l' altro sono inutili visto che Conte trasmette su Facebook.

 

vino supermercato vino supermercato

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

“IL TEST CHE TROVA GLI ANTICORPI NON È SUFFICIENTE PER ESCLUDERE UN ALTRO CONTAGIO” - ALBERTO MANTOVANI, DIRETTORE SCIENTIFICO DI HUMANITAS: “LA SARS DAVA AI GUARITI UN'IMMUNITÀ DI 2-3 ANNI E QUESTO VIRUS GLI È PARENTE. IL PROBLEMA È CHE LA STRAGRANDE MAGGIORANZA DELLE PERSONE CHE INCONTRA COVID-19 O NON SI AMMALA O LO FA IN MODO BLANDO: IN QUESTO CASO NON SAPPIAMO SE LA RISPOSTA IMMUNITARIA INDOTTA, DI CUI LA PRESENZA DI ANTICORPI È UNA SPIA, SIA DAVVERO PROTETTIVA O SE QUESTE PERSONE RISCHIANO UNA NUOVA INFEZIONE”