NON BASTAVA IL #METOO, ORA CI INFLIGGONO IL #KUTOO - LE DONNE GIAPPONESI SI RIBELLANO ALLA SCHIAVITÙ DEL TACCO ALTO SUL POSTO DI LAVORO A COLPI DI HASHTAG #KUTOO (GIOCANDO CON LA PAROLA "KUTSU" CHE SIGNIFICA SCARPE E AGONIA) - PORTAVOCE DEL GRIDO DI PROTESTA È YUMI ISHIKAWA, ATTRICE E MODELLA DI 32 ANNI, CHE HA LANCIATO UNA PETIZIONE PER ELIMINARE I TRAMPOLI CHE FINIRÀ DIRETTAMENTE SUL TAVOLO DEL MINISTRO DELLA SALUTE…

-

Condividi questo articolo

Veronica Timperi per “il Messaggero”

 

tacchi a spillo tacchi a spillo

No ai tacchi sul posto di lavoro. È il grido di protesta che si leva dal Giappone, dove Yumi Ishikawa, attrice e modella di 32 anni, ha lanciato una petizione per eliminare le scarpe alte al lavoro via change.org, che è poi rimbalzata sui social - soprattutto su Twitter - aumentando giorno dopo giorno like e firmatarie.

 

Un fatto che accomuna le donne di tutto il mondo, soprattutto quelle che per via di dress code aziendali molto rigidi sono costrette a trascorrere dalle 8 alle 10 ore su stiletti e décolleté , tra vescicole, piedi che si gonfiano, gambe stanche e schiena dolente. «Vorrei che un giorno quest'obbligo sparisse. Perché devo svolgere la mia attività mentre mi fanno male i piedi?», ha cinguettato Yumi raggiungendo in un battibaleno oltre 100mila mi piace.

donne single e tacchi a spillo donne single e tacchi a spillo

 

Da questo consenso di massa è partita la petizione vera e propria con l' hashtag #KuToo, giocando con la parola giapponesekutsu che significa scarpe e agonia, e rifacendo il verso al famoso #MeToo contro le molestie.

 

LE FIRME

Oggi ha superato le 15.000 firme delle 25.000 imposte dalla modella al fine di presentarle al Ministero della salute giapponese. «Costringere una donna a indossare sul lavoro, per tante ore, scarpe con tacco mi sembra una tortura medievale», afferma Guillermo Mariotto, direttore creativo di Gattinoni. «Se a volerle in azienda sono gli uomini - continua - è perché non sanno cosa significhi muoversi l' intera giornata su certe altezze e con i piedi in una posizione davvero poco confortevole».

i tacchi alti fanno male alla schiena i tacchi alti fanno male alla schiena

 

«La verità è che i tacchi alti servono per slanciare chi non è molto alta - aggiunge il designer - e rappresentano un simbolo di femminilità, ma sul posto di lavoro si possono tranquillamente evitare». Al bando quindi le mise da donna in carriera stile Melanie Griffith in Working girl che includevano tailleur e décolleté vertiginose e largo, invece, a calzature più confortevoli, basse, addirittura rasoterra.

 

i tacchi alti distorcono le caviglie i tacchi alti distorcono le caviglie

«Le donne con un ruolo di potere non hanno bisogno di indossare i tacchi per sentirsi all' altezza di un uomo e anzi amano avere i piedi ben piantati a terra quando lavorano. Per questo se proprio devono indossare un tacco il migliore è il 5. Niente fastidi e massima comodità». Parola di stilista.

TACCHI LIBRI TACCHI LIBRI TACCHI TACCHI DONNA COI TACCHI DONNA COI TACCHI i tacchi alti accorciano il tendine di achille i tacchi alti accorciano il tendine di achille

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

VEDI O NEYMAR QUANTO E’ BELLO: BLITZ DEL BRASILIANO A TORINO, I TIFOSI JUVENTINI SI SCATENANO – COSA È VENUTO A FARE IN ITALIA? UNA NUOVA TRATTATIVA PER PORTARE IN BIANCONERO L'EREDE DI CR7? L'IPOTESI SMENTITA DALLA DIRIGENZA DEL CLUB: L'ATTACCANTE, PAGATO DUE ESTATI FA 222 MLN, È LEGATO AL PSG FINO AL 2022. L’INGAGGIO DI 37 MILIONI NETTI A STAGIONE NON SEMBRA IN LINEA CON LE STRATEGIE JUVENTINE – IN REALTA’ IL BRASILIANO ERA IN ITALIA PER TROVARE… - IL TITOLO BIANCONERO VOLA IN BORSA

cafonal

viaggi

salute